Giorgio Michieletto

Driiiin. Il Covid ha resuscitato il campanello.

Driiiin. Il Covid ha resuscitato il campanello.

A un anno dal primo lockdown abbiamo perso tanto, troppo, ma è ritornato prepotentemente nelle nostre vite quel suono che esce all’improvviso dalle pareti di casa e ti scaglia verso la porta. Via vai di corrieri, spese, consegne, annunciate e … continua »

Abbinamenti italiani made in Usa: cheeseburger e Sassicaia

Abbinamenti italiani made in Usa: cheeseburger e Sassicaia

Cominciamo col dire che quando il corriere ha lanciato dentro al cancello di casa “Big Macs & Burgundy. Wine pairings for the real world” (Abrams Image, abramsbook.com) di Vanessa Price con Adam Laukhuf  l’ho divorato come un hambuger succulento. Una … continua »

Bramaterra Noah, il tesoro nascosto sotto il Monte Rosa

Bramaterra Noah, il tesoro nascosto sotto il Monte Rosa

A Bramaterra non si può arrivare.

Non si può arrivare perché non c’è una strada. Non c’è una strada perché Bramaterra non esiste. La furia del Sesia che si è ingozzato di pioggia ha spazzato via un ponte che invece … continua »

Abbinamenti perfetti: Cesanese 0911 e cannelloni della Sora Maria e Arcangelo

Abbinamenti perfetti: Cesanese 0911 e cannelloni della Sora Maria e Arcangelo

Quando passi a Olevano Romano capisci che il mondo si divide in due: chi preferisce i cannelloni della Sora Maria e chi le pappardelle alla Bifolca. Sono gli unici due piatti, monolitici e perfetti, in carta dal 1950 nella … continua »

Veronelli dixit: “La granaccia di Quiliano è fra i migliori vini d’Italia e quindi del mondo”

Veronelli dixit: “La granaccia di Quiliano è fra i migliori vini d’Italia e quindi del mondo”

Passare da Quiliano è facile. Fermarsi un po’ meno. Ma c’è qualcosa di magico in questo punto della Liguria, fra Savona e Vado Ligure, fuori dalle rotte più battute. Quando entri nella valle, ti sembra quasi di doverti stringere per … continua »

Lambrusco e Popcorn o riso giallo e Baratuciat?

Lambrusco e Popcorn o riso giallo e Baratuciat?

L’ultimo risotto prima dell’estate lo prepari all’onda dopo il temporale che ha riempito il lago. Un tuono spegne il sole sulle prealpi ed ecco in tavola il più classico dei comfort food autunno-inverno. Giallo. Chicchi e pistilli. Un piatto che … continua »

L’erbaluce della cascina rock: Costa di Sera dei Tabacchei

L’erbaluce della cascina rock: Costa di Sera dei Tabacchei

Ci sono due motivi per impostare nel navigatore “Alfonso Rinaldi Suno”. Il primo è telefonare ad Alfonso (perché, sappiatelo, arriverete all’indirizzo sbagliato) e farvi venire a prendere alla fine della strada sterrata dove vi troverete di fronte il nonno con … continua »

Ricordi di viaggio nelle terre del vino

Ricordi di viaggio nelle terre del vino

I giorni passano sempre più lenti, anzi troppo veloci. Tutto è fermo, anzi è cambiato. Per fortuna c’è il vino che ci fa dimenticare, anzi ricordare, forse viaggiare…

Ha smesso di piovere: corri nel bosco dove il vento sa di … continua »

Quattro passi nel Gattinara

Quattro passi nel Gattinara

A Gattinara esiste un “angolo d’oro”. Quando ci passi entri nella macchina del tempo: ieri, oggi e domani del Gattinara. In piazza Castello, senza insegne né citofono (figuriamoci sito web) c’è Mauro Franchino, vera istituzione per chi ama l’Alto … continua »

Tre vini di Natale scelti tra gli stand della Fivi

Tre vini di Natale scelti tra gli stand della Fivi

Manca ancora un mese a Natale e state già pensando a lucine e palline? Rovistate nel buio della cantina in cerca dei vecchi addobbi e vi illuminate di fronte alle vetrine che brillano? Non preoccupatevi. Chi fa l’albero di Natale … continua »

Il vino più naturale di tutti? Lo servono in chiesa

Il vino più naturale di tutti? Lo servono in chiesa

E se il vino naturale l’avesse “inventato” la chiesa? Nell’articolo 924, paragrafo tre, del codice di Diritto canonico quando si parla della celebrazione eucaristica, al capitolo “riti e cerimonie” si legge: “Il vino deve essere naturale, del frutto della vite … continua »

Agosto, Milano e io che scrivo di vino

Agosto, Milano e io che scrivo di vino

Mai scritto nulla in prima persona, mai bevuto da solo. Finora. Da dieci anni lavoro ad agosto a Milano. Zero rimpianti. Nella città che tace resto alla mia scrivania e la tastiera ribatte sulle saracinesche abbassate. Stessa routine, ma tutto … continua »