Global warming e sangiovese: parla Leonardo Salustri

di Andrea Gori

2331240095_6c871c190a_mNel convegno di Suvereto sul sangiovese si parla anche di global warming (surriscaldamento globale) ma non si parla di allarmismi per il sangiovese, anzi si è persino detto che con più caldo c’è maturazione più regolare e più facilità nel coltivarlo e raccolta.

A noi invece i pericoli del global warming sembrano un pochino più seri specie dopo aver parlato con Leonardo Salustri il cui Santa Marta Montecucco Doc è risultato uno dei 3 migliori vini nella degustazione alla cieca del pomeriggio in mezzo a 12 grandi sangiovese 100% toscani:

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

4 Commenti

avatar

Cristiano Castagno

circa 12 anni fa - Link

E' qualcosa che immancabilmente dico sempre a tutti: lo sai che le ultime 6 annate il sangiovese da me (zona Chianti Classico settentrionale)è sempre stato con gradazioni superiori ai 14° alcolici e le ultime due addirittura sopra i 15°!! Un fenomeno di sicuro mai accaduto nel xx secolo.Anche senza essere climatologi qualcosa sta succedendo di certo... Saluti

Rispondi
avatar

gianpaolo

circa 12 anni fa - Link

grande Leonardo, uno dei migliori produttori di Sangiovese in Toscana, ed e' tanto che lo dico.

Rispondi
avatar

patrizio mengozzi

circa 12 anni fa - Link

Condivido al 100% ciò che ha detto Leonardo Salustri; conosco parecchi piccoli produttori Romagnoli che con il Sangiovese nelle ultime annate hanno avuto parecchi problemi (anche non solo con esposizioni a sud); un paio di loro tra il 2006, 2007 e il 2008, per raccogliere a maturazione fenolica ottimale, sono andati a raccogliere (e vinificare) dei sangiovesi da 16-16,5 gradi alcolici addirittura anche punte da 17,30 nel 2008, un vero miracolo che abbiano esaurito del tutto gli zuccheri! Dove andremo a finire?

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 12 anni fa - Link

L'analisi di Salustri è chiara e netta e soprattutto non sindacabile. Tuttavia mi chiedo, abbiamo bisogno di un così illustre interprete del Sangiovese per essere al riparo da analisi completamente errata come quella espressa nel convegno di cui sopra? E magari sei l'unico che ha notato tale incongruenza, alla faccia di tutti gli esperti presenti!

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.