10 bottiglie di vino che desidererei assolutamente bere prima di morire (sparando molto alto)

10 bottiglie di vino che desidererei assolutamente bere prima di morire (sparando molto alto)

di Alessandro Morichetti

Dimmi che vini bevi e ti dirò chi sei. Dimmi che vini vorresti bere e ti dirò chi sei. Insomma, più o meno tutte cazzate. Però faccio un bilancio del bevuto e convengo ci sia ancora molto da bere avanti a me. Di vini desiderati ce n’è forse un migliaio ma già il genio della lampada di Aladino ti concede solo tre… io sono arrivato a dieci per sfidare la sorte e regalarmi un sorriso.

A ciascun vino la sua motivazione. Astenersi rompipalle pauperisti. Adoro anche io i rifermentati torbidi ma, se devo sognare, sogno questi.

Clos du Mesnil 1979, Krug
Prima annata del puro chardonnay firmato Krug, una primizia costosa esclusiva e prevedibilmente buonissima.

L’etichetta del Clos d’Ambonnay è più arrapante ma qui c’è tutto il gusto di confrontarsi con un coetaneo. Con il forte dubbio che stia invecchiando meglio lui di me.


Napa Valley Cabernet Sauvignon 1973, Stag’s Leap Wine Cellars
Un vino che ha cambiato la storia del vino, infilato in una degustazione cieca che sarebbe passata alla storia come il “Judgment of Paris”: organizzata da Steven Spurrier, commerciante inglese di vini in Francia, ebbe un’eco sensazionale ai quattro angoli del pianeta.

Da quel momento in poi, niente fu come prima e Napa Valley, quindi la California, quindi l’America entrarono dalla porta principale nel mercato mondiale dei grandi vini. E questo Cabernet, insieme allo Chardonnay di Montelena, fu un alfiere.


Fiorano Semillon 1971, Boncompagni Ludovisi
Autentico vino mito per chi lo ha assaggiato, probabilmente anzi sicuramente uno dei vini bianchi italiani più buoni della storia, di stirpe aristocratica e braccia contadine. Ormai introvabile.

“Imbottigliato da Boncompagni Ludovisi, Principe di Venosa”, a Roma, che già questi tre elementi varrebbero una storia bella lunga e fitta. Il solo immaginare che alle porte di Roma siano usciti vini fantascientifici mette di suo una curiosità indomabile.


Romanée-Conti 1945, Domaine de la Romanée-Conti
Ultimo millesimo pre-fillosserico dell’etichetta più celebrata al mondo, dalla vigna più celebrata, visitata e fotografata al mondo, del domaine più celebrato al mondo. Inaccessibile da ogni punto di vista, per certi versi anche solo difficilmente pensabile.


Musigny 2005, Roumier
Dell’eleganza, della finezza, della potenza senza peso all’ennesima potenza. Qui potrebbe esserci un concentrato purissimo di quello che ogni wine lover associa all’ineffabilità di Borgogna.

“Il Musigny rappresenta per i vini rossi quello che il Montrachet è per i vini bianchi: un suono di violino” (Jean-Francois Bazin). Qui c’è la mano fatata di Christophe Roumier a modellare una perla rara, di seducente femminilità dal grand cru di cui l’azienda produce solo 300 bottiglie.


Chateau Mouton Rotschild 1945
“Nel giugno 1993 la proprietaria e baronessa Philippine de Rotschild servì il 1945 a una cena con più di 200 ospiti. Fu scelto il formato magnum, di cui erano state prodotte solo 1475 bottiglie ma, al momento dell’apertura, il maître de chai decise che il vino non era ancora pronto e furono servite bottiglie normali.

E’ un vino fatto per durare. Da bere entro il 2050.” (Stuart George)

In etichetta c’è anche una V che indica “l’annata della vittoria”.


Corton Charlemagne 1996, Coche Dury
Un bianco di Borgogna immateriale, surreale, dai racconti direi alienante, extra corporeo. Da quello che per alcuni è il produttori di vini bianchi più significativo al mondo, Corton Charlemagne è la parcella eletta, insuperabile.

Ne deriva un vino praticamente meraviglioso.


Brunello di Montalcino Riserva 1955, Biondi-Santi
Uno dei più grandi vini prodotti in Toscana nel XX secolo e uno dei dodici migliori vini del XX secolo per Wine Spectator.

Lo immagino come un viaggio nel tempo, un capolavoro della dinastia Biondi Santi di cui vantarsi nel mondo.

 

 


Vintage Port Quinta Do Noval Nacional 1931
Di questo vino, Michel-Jack Chasseuil – unanimemente riconosciuto come il più grande collezionista di vini al mondo, un mecenate del collezionismo, che compra e non vende se non per comprare altre bottiglie con l’idea di fare del suo “tesoro” una Fondazione della vite – ha scritto: “Il mio Porto Noval Nacional 1931 è forse l’unica bottiglia intatta ancora al mondo, non lo scambierei nemmeno con la Gioconda.

Chiaro il concetto, vero?


Scharzhofberger Riesling Auslese 1976, Egon Muller
I riesling del vigneto Scharzhof sono tra i più ricercati ed esclusivi al mondo e la famiglia Muller potrebbe avere sul citofono l’adesivo “paradiso del riesling”.

Stephan Reinhardt di questo vino su The World of Fine Wine ha scritto: “Un bouquet fresco e riccamente articolato, con note di tè all’arancia, sigaro, tabacco e albicocche essiccate. Una struttura fluida, molto elegante, abbinata a un aroma fruttato dolce molto preciso, articolato con miele e tagliato da un’acidità brillante ed eccellente. Presentando una stupenda concentrazione e finezza, si tratta di un Auslese intenso, perfettamente equilibrato, assolutamente irresistibile”. E se dovessimo scegliere un solo vino bianco sulla faccia della terra, potrebbe serenamente essere un riesling della Mosella.

Tutti questi vini, in maniera differente, provano l’esistenza di Dio.

Adesso prendetevi un minuto di raccoglimento e partecipate anche voi alla confessione dei 10 vini da bere prima di morire.

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

28 Commenti

avatar

Armando Castagno

circa 4 anni fa - Link

Se vale tutto, ma tutto tutto, allora il mio sogno è questo qui (cfr. Rapunzel): il Massandra Sherry de la Frontera 1775 - Massandra, Crimea. Fornitura diretta per Nicola I Romanov, zar di Russia già succeduto ad Alessandro I Il Beato quando questo, che presumo un gioiello, sortì dalle cantine. Mi toglierei volentieri la curiosità, diciuamo.

Rispondi
avatar

Fabioz

circa 4 anni fa - Link

aggiungerei Cheval Blanc 1947, in Magnum possibilmente

Rispondi
avatar

FP

circa 4 anni fa - Link

Bel post , ho potuto arricchire la mia conoscenza su una parte dell' enologia italia ( Fiorano) del quale colpevolmente ignoravo l' esistenza. Ottimo Lavoro

Rispondi
avatar

graziano

circa 4 anni fa - Link

questo non è sparare alto, queste sono proprio meteoriti che viaggiano per conto loro e che raramente qualche gruppo facoltoso riesce a catturare e analizzare ( TACCI LORO )

Rispondi
avatar

carolain cats

circa 4 anni fa - Link

qualsiasi cosa che non abbia già bevuto, e sono tante.

Rispondi
avatar

ale

circa 4 anni fa - Link

(forse) è lUdovisi, non lOdivisi corretto, grazie. [f.]

Rispondi
avatar

doxor

circa 4 anni fa - Link

Tavernello raccolta 2014, lasciato 30 anni in brik...che poi magari qualcuno lo scambia per capolavoro ;)

Rispondi
avatar

Hakluyt

circa 4 anni fa - Link

Questa avrei voluto scriverla io...

Rispondi
avatar

Franco

circa 4 anni fa - Link

Per una volta, Morichetti, posso dichiararmi abbastanza d'accordo con te. Incredibile, ma vero. Che tu, in fondo in fondo, ne capisca davvero qualcosa? :D Ne dubito ma grazie del pensiero carino ;-) [a]

Rispondi
avatar

andrea

circa 4 anni fa - Link

Barolo Monfortino 2125, Conterno

Rispondi
avatar

Homo

circa 4 anni fa - Link

:-D :-D :-D mi aggiungo volentieri alle degustazione, non lo stappiamo troppo giovane però!

Rispondi
avatar

antonio f.

circa 4 anni fa - Link

questa è davvero stupenda :D

Rispondi
avatar

Gianluca

circa 4 anni fa - Link

Château d'Yquem 1811, 1929 - Château Lafite 1870 - Champagne Pol Roger 1911 - Krug 1928 - Château Mouton Rothschild 1945 - Château Cheval Blanc 1947 - Château Latour 1961 - Brunello di Montalcino Biondi Santi Ris. 1955 - Paul Jaboulet Aîné Hermitage La Chapelle 1966 - DRC 1978... sono 11! :p

Rispondi
avatar

Raffaello

circa 4 anni fa - Link

La Tache 1999 , Chateau Latour 1982......Yquem 1967....

Rispondi
avatar

enodreams

circa 4 anni fa - Link

Ci volevano anche le quotazioni accanto all'annata :)

Rispondi
avatar

ilmoralizzatore

circa 4 anni fa - Link

Ti piace vincere facile ehhhhhhh...

Rispondi
avatar

alberto longo

circa 4 anni fa - Link

cacc'e mmitte di Lucera 1957.....

Rispondi
avatar

Tommaso

circa 4 anni fa - Link

Ragazzi non ho ancora letto vini di annate pre caduta Impero Romano d'Occidente o quantomeno pre scoperta dell'America, forza.

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 4 anni fa - Link

http://accademiadeglialterati.com/2013/08/06/the-best-kept-secret/

Rispondi
avatar

Denny Baldin

circa 4 anni fa - Link

Caro Alessandro, era molto tempo che non tornavo sul sito di Intravino sono tornato a causa di un link sul Facebook Quando clicco e non vedo il tuo nome allora chiudo subito. Non mi interessa. Io leggo su intravino Alessandro Morrichetti. E allora mi sento un po' tuo amico non ci siamo incontrati personalmente ma sento che se un giorno ci incontriamo e apriamo una buta di dolcetto ce la intendiamo. E allora clicco sul link e leggo. Siamo amici e te lo dico cosi': Krug? Non ti rispondo nemmeno. Napa Valley Cabernet Sauvignon 1973, Stag’s Leap Wine Cellars? Non ho informazioni a riguardo, ma per caso la vigna era biologica? O magari c'erano dei diserbanti? Insetticidi? E quali dosi di zolfo e rame? Vinificazione spontanea? Ho i miei dubbi. Sento che qualche polverina magica e' stata aggiunta. Romanee perche' no. Ma anche no. E'... ma allora e' un po' come dire che ti chiaveresti Sharon Stone perche' l'hai vista recitare in Basic Instict. Il bianco di Borgogna? Assaggia Dominic Derain e poi godi. Wine spectator hai fumato il crack ti sei preso un Aulin per rilassarti pornografia allo stato puro. Magari Wine Spectator fosse al mondo del vino quello che Playboy era alla pornografia. Siamo oltre la pedofilia. INCESTO ... chie e' il prossimo? ROTCHILD? je corx que ils i a pas de Terroir chez le Bankiers. Desole'. Voi che siete capaci fate bene ad aver le tasche piene, e non solo i coglioni. Qui te lo dico perche' mi considero tuo amico: e queste sono le bottiglie che vorresti, che sogni di assaggiare? Degustare? Sul piano amatore di vini, amatore della Natura... Non capisco, dove ci siamo persi? Arianna? Non te lo assaggeresti il 2014 di Arianna? Prim

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 4 anni fa - Link

Grazie della fiducia, comunque su Sharon Stone sarei stato proprio di quell'idea :D. Magari SS + DRC? Mica male come coppia :) Oh, poi nel mentre ad Arianna mando un selfie, ahahah

Rispondi
avatar

Denny Baldin

circa 4 anni fa - Link

Ho schiacciato invio prima di finire. Alla tua lista prima di morire assaggerei Arianna Ochhipinti 2014 [edit] ARIANNA OCCHIPINTI IS MY QUEEN eh la miseria. va be', noi portiamo pazienza ma anche tu, dai. [F.]

Rispondi
avatar

Denny Baldin

circa 4 anni fa - Link

P.S. e' l'Ebrezza porta pazianza

Rispondi
avatar

Denny Baldin

circa 4 anni fa - Link

P.S. 2 giusto adesso leggo "Tutti questi vini, in maniera differente, provano l’esistenza di Dio" ...

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 4 anni fa - Link

Denny Baldin, ora che ci sei ricapitato, non te ne andare più, più, ti prego! Anche se a scrivere un post non è Moricchia, ma Sartore.

Rispondi
avatar

Denny Baldin

circa 4 anni fa - Link

Ma come, ho riguardato: e' il Morrichetti, non il Sartore!

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 4 anni fa - Link

Lo so che questo l'ha scritto Moricchia, io intendevo in generale: vale la pena di leggere ANCHE i post di Sartore :)

Rispondi
avatar

Denny Baldin

circa 4 anni fa - Link

And by the way Mr or Miss Belle Nuvole I wish I can meet you with a friend of mine Miss Gamay

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.