La Pergola a Roma: cosa c’è nella cantina delle meraviglie (video)

La Pergola a Roma: cosa c’è nella cantina delle meraviglie (video)

di Jacopo Manni

Il ristorante La Pergola nasce a Roma nel 1994, sul tetto dell’Hotel Cavalieri. A quel tempo, la ristorazione di alta qualità era praticamente un miraggio ma due ragazzi con personalità opposte vengono scelti per creare un ristorante che diventerà leggenda. Ad Heinz Beck, chef trentunenne a quel tempo con alcune esperienze da sous chef in vari stellati europei, viene affiancato un “pischello” romano de Roma, studente universitario sbarbatello e ventiduenne.

Il teutonico e il pischello si rimboccano le maniche e si mettono in testa di fare di quel terrazzo con vista mozzafiato il miglior ristorante di Roma prima e d’Italia poi con la migliore cantina di tutti: una follia. Ma solo i pazzi aprono vie che poi percorrono i savi e questo duo improbabile, scanzonato ma determinato, in pochi anni inanella una serie di successi clamorosi. In dieci anni di lavoro ostinato e creativo passano da zero a infinito: è del 2005 la loro terza stella Michelin, dopo 20 anni La Pergola di questi ex pischelli è ancora l’unico tristellato a Roma oggi.

Heinz è il deus ex-coquina, Marco il sommo cellario. Se Heinz inventa una nuova cucina mediterranea con tocco e visione internazionale, Marco costruisce la biblioteca d’Alessandria del vino a Roma. Dopo 27 anni dalla creazione abbiamo avuto l’opportunità di accedere a quella che per gli enostrippati come noi altro non è che la grotta di Smaug o di Ali Babà ma del Vino. E ci siamo entrati con il mastro cellario Marco Reitano a farci da Cicerone.

Domani pubblicheremo una bella intervista a Reitano che approfondirà la nostra conoscenza della cantina delle meraviglie e ci spiegherà come si gestisce un tesoro.

avatar

Jacopo Manni

Nasce a Roma ma si incastella a Frascati dove cresce a porchetta e vino sfuso. L’educazione adolescenziale scorre via in malo modo, unica nota di merito è aver visto dal vivo gli ultimi concerti romani dei Ramones e dei Nirvana. Viaggiatore seriale e campeggiatore folle, scrive un libro di ricette da campeggio e altri libri di cucina che lo portano all’apice della carriera da Licia Colo’. Laureato in storia medievale nel portafoglio ha il santino di Alessandro Barbero. Diploma Ais e Master Alma-Ais, millantando di conoscere il vino riesce ad entrare ad Intravino dalla porta sul retro.

3 Commenti

avatar

vinogodi

circa 3 settimane fa - Link

... mi sembra una discreta profondità di proposta ...

Rispondi
avatar

Stefano

circa 3 settimane fa - Link

Macché, converrai senz'altro che Cheval Blanc è meglio il 1931, no?

Rispondi
avatar

Stefano

circa 3 settimane fa - Link

Non vedo l'ora di leggere l'intervista. Posso ricordare anche la mano in sala di Umberto Giraudo, che ha reso le esperienze alla Pergola quello che sono ora, per completezza, eleganza, garbo, internazionalità del servizio?

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.