aglianico

Monserrato 1973 e i rossi della Campania, quelli buoni

Monserrato 1973 e i rossi della Campania, quelli buoni

Monserrato 1973, tutto nasce indovinate in quale anno…
Francesco Zecchina è un imprenditore nelle costruzioni con un piede anche nel mondo agricolo. Amante di Bacco e Tabacco, e da quel che ho capito anche di Venere, decide per sfizio e … continua »

Mustilli e l’invenzione della Falanghina

Mustilli e l’invenzione della Falanghina

Leonardo Mustilli è stato il Ferruccio Biondi Santi della falanghina.
Se oggi ai ristoranti di pesce fate i fighi alla lettura del menu mentre scorrete la lista e  ammiccate sornioni prima di sparare la sentenza: “lo spago a vongola con … continua »

Campania Stories 2021: luci, ombre e un bel po’ di assaggi (seconda parte)

Campania Stories 2021: luci, ombre e un bel po’ di assaggi (seconda parte)

Dopo la prima parte, ecco la mia seconda giornata di assaggi al Campania Stories 2021.

Anche qui vale un po’ lo stesso discorso fatto con i bianchi: vista la mole di vini e il poco tempo a disposizione, … continua »

Campania Stories 2021: luci, ombre e un bel po’ di assaggi (parte prima)

Campania Stories 2021: luci, ombre e un bel po’ di assaggi (parte prima)

Anche quest’anno quelli del Campania Stories hanno fatto le cose in grande. Una manifestazione bella e impegnativa che ci ha visti girare ogni giorno come trottole toccando luoghi mozzafiato e un pizzico di storia. Inizio con visita agli scavi di … continua »

Playlist da abbinare al vino: qual è la vostra?

Playlist da abbinare al vino: qual è la vostra?

Dopo le mucche che ascoltano classica per produrre ottimo latte, dopo Sting che pretende l’obolo per vendemmiare le sue uve – non ci sono più i wine makers di una volta signora mia e quelli che c’erano mi hanno mandato … continua »

‘U barone, storia dell’aglianico dei briganti e di un tesoro leggendario

‘U barone, storia dell’aglianico dei briganti e di un tesoro leggendario

Antonio Medici, giornalista e profondo conoscitore dei vini campani, ci ha inviato questa recensione che volentieri pubblichiamo.

Libero Iannella era proprietario di un terreno boschivo dominato da una imponente roccia. Una frattura nella parete del masso apriva a una grotta. … continua »

Il vino del due gennaio

Il vino del due gennaio

Ecco, è fuggito il dì festivo. E al festivo, finalmente, anche quest’anno succede quello che trepidanti attendevamo: il primo giorno dopo, quello ordinario, giorno di riassetto e di riscatto, di sveglie e pentole mute, vestaglie e tute, disdetta delle playlist … continua »

I vini rossi di Campania Stories 2019

I vini rossi di Campania Stories 2019

Seconda parte degli assaggi di Campania Stories 2019 con tutti i rossi che mi sono piaciuti. Alcune considerazioni d’obbligo: sempre più mi convinco che il meglio dei rossi di Campania non cresce tra le colline di Taurasi, ma va cercato … continua »

Nouvelle vague: 7 vini rosé da perdere la testa

Nouvelle vague: 7 vini rosé da perdere la testa

Ogni anno compilo su Intravino la lista dei rosé per l’estate ma, siccome l’abitudine uccide anche l’amore, quest’anno cambio tutto e invece del listone vi consiglio solo quei cinque o sei rosati per cui potrei fare una sciocchezza. E tutti … continua »

I vini rossi di Campania Stories 2018 e il lato buono della forza

I vini rossi di Campania Stories 2018 e il lato buono della forza

Dopo i bianchi campani (leggi qui) è la volta dei vini rossi  di Campania Stories 2018. Solite piccole avvertenze: non sono riuscito ad assaggiare tutti i vini in così poco tempo ma diciamo che la panoramica è abbastanza … continua »

Luigi Moio e Quintodecimo 2004-2011, l’aglianico allo stato dell’arte può piacere a tutti?

Luigi Moio e Quintodecimo 2004-2011, l’aglianico allo stato dell’arte può piacere a tutti?

Una degustazione emblematica per capire cosa nasce oggi a Taurasi, se si approccia la denominazione nel modo più avanzato dal punto di vista agronomico ed enologico. Le due ore di lezione-sessione del professor Luigi Moio a Taormina Gourmet hanno catturato … continua »

Tutti i vini di Botromagno sarebbero piaciuti a Federico II, compreso il Pier delle Vigne

Tutti i vini di Botromagno sarebbero piaciuti a Federico II, compreso il Pier delle Vigne

Un taglio lungo e profondo, divide in due la città. Il ponte di pietra sutura il santuario della Madonna della Stella alla sponda opposta dell’abisso su cui si alzano un grumo di case bianche: siamo a Gravina di Puglia, nel … continua »