youtube

Anoressia e disturbi dell’alimentazione. Più che crociate, servono educatori

Anoressia e disturbi dell’alimentazione. Più che crociate, servono educatori

Eugenia Cooney è una ragazza americana, fa la video blogger, e su You Tube dispensa consigli su moda e make-up alle adolescenti come lei. Sono in tanti a seguire i suoi video, circa 900.000 iscritti al suo canale. Eugenia … continua »

Presentazione di Slow Wine 2017 a Montecatini: tutto quello che vi siete persi (tranne i vini)

Presentazione di Slow Wine 2017 a Montecatini: tutto quello che vi siete persi (tranne i vini)

Sono circa le 17 di sabato pomeriggio quando, immerso in un po’ di gossip tra piemontesi veri (lui) e tarocchi (io) con Luca Currado, mi piglia un raptus anomalo cui non cedo quasi mai in degustazione e cioè BERE: siamo … continua »

8 video su vino e birra che YouTube consegna giustamente alla storia

8 video su vino e birra che YouTube consegna giustamente alla storia

Uno dei miei sport preferiti è cercare su YouTube video di persone e trasmissioni che per un motivo o l’altro non ho potuto vedere quando accadevano. Sport assai accattivante quando oggetto di ricerca sono i miei sport preferiti: il vino … continua »

Come passa il tempo quando ti diverti. Timelapse di sei giorni di fermentazione della birra Bigfoot

Il birrificio americano Sierra Nevada ha immesso pochi giorni fa nel suo canale YouTube questo filmato timelapse, che in circa un minuto percorre i sei giorni di fermentazione (in contenitori aperti) della sua birra Bigfoot. I furibondi lieviti al lavoro, … continua »

Blurred vines. E’ ufficiale, i vignaioli di Jordan Vineyard non hanno un accidente da fare tutto il giorno

Dopo Gangnam Style, dopo Harlem Shake, la prestigiosa (aggettivo che non si nega a nessuno) azienda californiana Jordan Vineyard ha rimusicato Blurred Lines in chiave enoica. I ragazzi hanno un sacco di tempo libero, ed evidentemente anche io. … continua »

Grasse risate di metà pomeriggio: i modi più pericolosi per aprire una bottiglia di vino. Preparatevi!

Non so cosa mi piaccia di più: se la tenuta estiva da Capitan America, vagamente sexy, del soggetto intento ad aprire bottiglie di vino coi metodi più demenziali. Oppure la sequenza di Win o Fail, che fa molto gamer. … continua »

Questo post serve a dimostrare che in un titolo ci sta “Harlem Shake” e “vino”

Harlem Shake è un tormentone internettiano in forma di video, nel quale un gruppo di persone interpreta una breve scenetta, accompagnato da un estratto della canzone “Harlem Shake”. In quanto meme il video è stato replicato da un sacco di … continua »

8 annate per capire che Masseto non è il mio vino

Se questo fosse un articolo cartaceo, dedicherei almeno un paio di paginate a raccontarvi la genesi di Masseto e come questo merlot toscano sia ormai, a tutti gli effetti, un autentico vino mito italiano riconosciuto nel mondo. Ma questo, ohivoi, … continua »

Dunque riassumendo: la notizia è che la notizia di Ceccherini ubriaco è una notizia

Ci sono due modi di riportare la notizia di Massimo Ceccherini ubriaco per Firenze. L’attore de Il Ciclone, oppure il bestemmiatore de L’Isola dei Famosi (decidete come vi piace) è stato ripreso in stato confusionale da eccesso alcolico, con i … continua »

Vino a portata di click | Andrea Gori su La7: “Ora voglio Hollywood”

Vedere Andrea Gori nella prima puntata della seconda serie di Innovation su La7 fa stacco ma neanche tanto. Ogni tecnologia applicata alla comunicazione del vino passa ormai per le mani del sommelier informatico di Firenze: Youtube, Flickr, i social network … continua »

Sogno i miei guru del vino tutti insieme | Flipboard spiegato agli enostrippati

Nuovi strumenti di comunicazione disegnano una nuova socialità. C’erano una volta le bibbie indiscutibili – io dètto legge, tu prendi appunti senza ribattere. Oggi siamo nell’epoca della comunicazione decentrata al potere: se io scrivo una genialata/boiata qui, arriva quello che … continua »

Istruzioni per l’uso | Facebook e il marketing aziendale del vino


Ormai oltrepassati i 1600 amici, una cosa l’ho capita: su Facebook si può fare business seriamente. Allora rispondo qui, una volta per tutte, alla miriade di aziende vinicole (ma anche ristoranti, teatri, locali vari) che mi chiedono “amicizia” come … continua »