5 vini per 5 donne. Bevitori single, prendete appunti

di Cristiana Lauro

Bevitori single, vi siete rotti di stare da soli? Siete a caccia di una relazione? Ecco come abbinare 5 vini a 5 tipologie di donna. Il successo e’ garantito!

La rompipalle
L’unica figura retorica per definirla è l’antonomasia. Ha fatto il corso da sommelier ed è convinta che al centro del mondo ci sia Cervaro della Sala. Farebbe carte false per una bottiglia di Ornellaia che non ha mai bevuto, credendolo un vino della madonna. Forse perché la madonna era astemia. Non si da pace del costo di certe bottiglie che tende a convertire automaticamente in borsette di Louis Vuitton, punto di arrivo della sua esistenza. La  rompipalle crede alle questioni di principio, ha la flessibilità della Tour Eiffel e resta ferma sulle sue posizioni. Anche a letto resta ferma nella sua posizione, la faccenda non cambia. Non vale una cicca, avreste fatto meglio ad invitare la sorella, ma tant’è, e una bottiglia per la serata dovete sceglierla. Masseto sarebbe il massimo ma costa troppo. Montiano di Falesco la manda giù di testa ma lo conosce bene. Il vino giusto è il Sagrantino di Montefalco di Caprai. Rigido e poco flessibile, si impone e basta, come lei.

La maschiaccia
Non si trucca, va in bici e ha il complesso di inferiorità nei confronti dei maschi che emula facendo pipì in piedi. Non disdegna le gare di rutti e parla di calcio senza capirci una mazza. Le piace guidare, ha il piede pesante sull’acceleratore perché ‘sto fatto che le donne al volante siano negate non le va proprio giù. Aprite una bottiglia di rosso rude e non banale. Un vino di ricerca, un po’ fuori dagli schemi, come il Taurasi di Michele Perillo, rustico, selvaggio, fortunatamente introvabile dalle mie parti. Oppure un bel Cannonau tipo Nepente di Oliena, più selvaggio di Tarzan. La maschiaccia, a differenza della rompipalle, non è permalosa, quindi al secondo bicchiere potete anche spiegarle il seguente concetto che sta alla base della pessima reputazione delle donne al volante: nei parcheggi corti non bisogna entrare di muso.

La biofanatica
Vegetariana, studia da vegana, animalista convinta. Tentenna solo davanti a un ristretto numero di accessori. Ad esempio e’ piuttosto flessibile sul coccodrillo se declinato a Birkin di Hermès. Applica la biodinamica con ortodossia soprattutto nella coltivazione dei peli delle gambe dove, peraltro, non effettua alcun tipo di diradamento. Occhio, quindi, a non strusciarle la zampetta sotto al tavolo se non avete fatto di recente il richiamo dell’antitetanica. Bio, bio, bio! Questo e’ il suo credo. È fanatica e fa il segno della croce in caso di pronuncia di bio invano. È il tipo di donna  che non si scusa, la sua parola è verità, quindi fate prima a spiegare ai gioielli di famiglia come si fa a portar pazienza da sotto al tavolo. La biofanatica è votata al proselitismo; preparatevi ad ascoltare l’ode alle patate felici, il canto dei peperoni contenti e, naturalmente, l’inno del vino naturale. Non troverete il tasto skip intro, quindi  mettetevi comodi che il sermone durerà parecchio.
Per il vino, c’è l’imbarazzo della scelta. Sarà lei a selezionarlo nell’ampia gamma dei macerati puzzoni color tè freddo e state certi che non si accontenterà di una Coulée de Serrant di Joly, perché non è arancione. Dopo cena potete chiamare il numero verde 848 800 826, al costo di una telefonata urbana, per prenotare al Club Med una tonificante settimana in esotico villaggio di plastica.

La simpatica racchia
Non siete molto convinti però stasera si è conciata benino, senza barba è meno racchia del solito. Molto simpatica, in effetti, e decisamente autoironica. Quattro risate per la serata sono garantite ma sbrigatevi a scegliere il vino. Man mano che il maquillage si scoglie escono le magagne, la situazione peggiora a vista d’occhio, si storce tutta, un mostro! Prima di ritrovarvi a cena con Totò, ordinate una magnum di Barbera Cascina Francia 2009 di Conterno. Oppure un Faro Palari 2005 o 2006, che adesso sono pronti e veramente molto buoni. Dopodiché buttatela in caciara: un, due, tre, casino e rimandate a mai più il sex approach. Chiudete la serata in solitario con la sezione mutande del catalogo Postal Market, la fantasia non vi manca.

L’alpina
Alta, tonica, naturalmente bionda, una cabina armadio, ricorda Brigitte Nielsen. Beve come un Ussaro, regge di brutto e al secondo bicchiere si lancerà nel più incontrovertibile dei presagi: “io ti spiezzo in due!”. Sono cacchi vostri. Avete iniziato col pinot bianco Vorberg di Terlano e a metà serata siete già alla sesta bottiglia. Fortunati! Se la scelta fosse cascata sulla serie Rarità dello stesso produttore, a quest’ora sareste là anche voi a pietire aiuti alla Merkel. A fine cena l’alpina si farà offrire dal ristoratore un’intera boccia di gin Hendrick’s, che tracannerà prima di proporvi una fine serata altrove. A bere qualcosa, si capisce. Quando l’alpina parla di bicchiere della staffa usa evidentemente un eufemismo. Il suo stomaco ha la capacità del lago di Garda e non avete scampo. Prima di chiedere pietà e per non scendere di gradazione, aprite un ottimo Primitivo di Manduria Es di Gianfranco Fino. Fatevi accompagnare dall’alpina a casa, chiudete con due mandate la porta a chiave,  ficcatevi le dita in gola, vomitate tutto e sparatevi una bella Citrosodina che siete sbronzi. Datevi malati, in ufficio, il giorno seguente, ed evitate di ripetere la perfomance prima di capodanno del 2035.

[Foto: Francesco Bertocci]

avatar

Cristiana Lauro

Cantante e attrice di formazione ma fortemente a disagio nell’ambiente dello spettacolo, che ha abbandonato per dedicarsi al vino, sua più grande passione dopo la musica. Lauro è una delle degustatrici più esperte d’Italia e con fierezza si dichiara allieva di palati eccellenti, Daniele Cernilli su tutti. Il suo sogno è un blog monotematico su Christian Louboutin e Renèe Caovilla, benchè una rubrica foodies dal titolo “Uomini e camion” sarebbe più nelle sue corde. Specialista di marketing e comunicazione per aziende di vino è, in pratica, una venditrice di sogni (dice).

63 Commenti

avatar

alessandro bocchetti

circa 7 anni fa - Link

apperò... la luce patmiota ti dona ;) ciao A

Rispondi
avatar

egio

circa 7 anni fa - Link

...come non quotare...!!! Cri, la citazione della "sezione mutande del catalogo Postal Market" è tanta roba...

Rispondi
avatar

gelasio

circa 7 anni fa - Link

Cristiana Lauro è una bottiglia di Champagne

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 7 anni fa - Link

Enologicamente parlando abbiamo una morale: "Mai a cena con una rompipalle!"

Rispondi
avatar

Vale

circa 7 anni fa - Link

Non ho seguito corsi da sommelier, mi trucco abbondantemente, non sono nè vegana nè vegetariana, a volte sono antipatica e poco socievole ma non mi risulta essere "racchia" avendo un discreto successo con l'altro sesso e non sono "naturalmente bionda" come Brigitte Nielsen... in pratica che vino dovrei bere secondo voi?!

Rispondi
avatar

batavia

circa 7 anni fa - Link

san crispino rosè riserva del custode 2007

Rispondi
avatar

Vale

circa 7 anni fa - Link

Grazie! :D

Rispondi
avatar

rol

circa 7 anni fa - Link

direi bollicine!!!!!!

Rispondi
avatar

Andrea

circa 7 anni fa - Link

Secondo me qualsiasi vino purche' sia appropriato al cibo...e che sia naturalmente buono!!!

Rispondi
avatar

Adriano Aiello

circa 7 anni fa - Link

Cristiana, ma la foto sotto la categoria "maschiaccia" è associativa? :)

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 7 anni fa - Link

Scelta dovuta ad esigenze editoriale non essendoci la categoria ibrida alpina-rompipalle-simpatica racchia ;-).

Rispondi
avatar

Adriano Aiello

circa 7 anni fa - Link

I see. Però giustamente gli avete chiesto di stringere il pugno per risaltare bicipedi e tricipedi mascolini, bravi:)

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 7 anni fa - Link

Ah! Ah! No Adriano, e' dissociativa. Nel senso che colui che ha curato l'edizione e' completamente dissociato...Morichetti, tesoro, se ti prendo, sai i calci nel sedere. ;-) @ Vale, se hai un discreto successo con l'altro sesso so io il vino che ti offrirei: quello al metanolo!!!! :D @ Bocchetti, buongustaio, quella cucina non ti e' nuova...

Rispondi
avatar

Mammamsterdam

circa 7 anni fa - Link

Boh. Che mi devo bere, e in che quantità, per trovarlo ironico o spiritoso? Un pochino meccanico. Il sessismo divertente è una delle belle arti, evidentemente.

Rispondi
avatar

SirPanzy

circa 7 anni fa - Link

Ti suggerisco un qualsiasi vino leggero e industriale, a contrastare la tua pesantezza naturale ;)

Rispondi
avatar

Pentapata

circa 7 anni fa - Link

che bello! mi avvertite quando fate le tipologie femminili comparate alle auto? non vorrei perderlo per nulla al mondo.

Rispondi
avatar

Joe Pantoliano

circa 7 anni fa - Link

Un post fondamentale, ricco di informazioni, tutto da studiare.

Rispondi
avatar

jovica todorovic (teo)

circa 7 anni fa - Link

.....l'ironia è il puzzo della vita... Joe credo che tu debba profumare parecchio....VEro?

Rispondi
avatar

Joe

circa 7 anni fa - Link

Commento elegantissimo, in punta di penna: classe pura.

Rispondi
avatar

jovica todorovic (teo)

circa 7 anni fa - Link

mi applico ma ho anche degli ampissimi margini di miglioramento. :-)

Rispondi
avatar

giorgio fontana

circa 7 anni fa - Link

Esimia autrice del 'pezzo' posso dedurre qual'è il tuo vino preferito? l'aceto, vero ? Vedete,esimi esperti del web 2.0, quando si scrive in un mondo aperto, la cui dinamica è la condivisione e la conversazione, non ci si può apsettare che tutti le apprezzino, ci si espone alle sensibilità altrui e reagire con il disprezzo e il sarcasmo denota una sostanziale nostalgia di televisione broadcast da televendite. Non me ne volete.

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 7 anni fa - Link

Be' sì, l'aceto mi piace. E' il più naturale dei vini naturali ;-)

avatar

francesca ciancio

circa 7 anni fa - Link

ecco lo sapevo, sono una simpatica racchia (che poi simpatica....)

Rispondi
avatar

pollo

circa 7 anni fa - Link

dai mammaamsterdam cambia l'acqua al crisantemo e bevitela! leggerezza v'ho cercando ch'e' si cara...

Rispondi
avatar

sabrina

circa 7 anni fa - Link

Manca la categoria dell'etichettatrice, la persona che sente la necessità di appiccicare e relegare un ruolo preconfezionato a gli altri. Magari lo fa con la scusa del marketing nel tentativo di accattivarsi le simpatie maschili sparando battute di pessimo gusto. Un Tavernello coop 2008?

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 7 anni fa - Link

Apprezzo la sfumatura leggiadra, gentile Sabrina. Nel caso ti fosse sfuggito, come si direbbe dalle tue parole, ti ricordo che e' un gioco e puoi uscire quando vuoi se non ti diverte. Un po' di levita' mi fa stare meglio e spesso aiuta anche gli altri. Visto che sei una mia lettrice, non mancherai di apportare il tuo prezioso e dotto contributo nei prossimi articoli, quando tocchero' temi decisamente piu' seri, parlando di vini unici al mondo, che non di rado, trattiamo qui su Intravino. Dimenticavo: tutte e cinque le tipologie menzionate sono di fantasia e solo vagamente ispirate alla sottoscritta che raccoglie tutti insieme questi difetti. Sabrina, non sottovalutarmi...valutami sotto. Ah!ah! :-) @ Francesca Ciancio, tu si' che sai campare! Mi hai fatto ridere ;-) @ Mammamsterdam, dai fai uno sforzo e scrivi qualcosa di giusto per una volta. In questo momento mi sfuggono le tue opere, pero' a memoria non ricordo tuoi interventi quando parlo dei piu' grandi vini del mondo...:-)

Rispondi
avatar

Vittorio Vezzola

circa 7 anni fa - Link

Esistono solo due tipi di persone, quelli che dividono le persone in due tipi e quelle che non lo fanno.

Rispondi
avatar

Andrea Pagliantini

circa 7 anni fa - Link

Se lei, signora Lauro, è la persona nella foto nel quasi centro dell'articolo con il bicchiere in mano, c'è da rimarcare la sua incontrovertibile bellezza, però l'articolo è un pochino antani.

Rispondi
avatar

Marco

circa 7 anni fa - Link

giusto n'anticchia...

Rispondi
avatar

Enrico Viglierchio

circa 7 anni fa - Link

Stupendo! Esilarante! Sei un mito! Un abbraccio da Toronto. Ciao!

Rispondi
avatar

Groucho Marx

circa 7 anni fa - Link

Uomo che sbadiglia non piglia topi.

Rispondi
avatar

letterax

circa 7 anni fa - Link

siamo quindi di fronte ad un nuovo genere enopornosofletterariocoltoefemminile? l'allergia ai solfiti non mi consente di apprezzarlo a sufficienza. http://trucheck.it/italiano/17116-la-donna-nella-scrittura.html

Rispondi
avatar

Stefania

circa 7 anni fa - Link

... evidentemente avete la mente offuscata dal "Tabacco" :-)

Rispondi
avatar

Tommaso Farina

circa 7 anni fa - Link

Manca la donna capisciona di Borgogna, rigorosamente scroccati.

Rispondi
avatar

Giovanni Della Casa

circa 7 anni fa - Link

Villano! Come si permette di dar della scroccona all'autrice del post, che trattasi di donna meravigliosa ? Si penta e chieda scusa! Giovanni della Casa. ps: e la smetta di vestirsi come me che sono nato nel 1500.

Rispondi
avatar

Tommaso Farina

circa 7 anni fa - Link

AHahah ma che c'entra la povera Cristiana? Ti sfido a duello!

Rispondi
avatar

Manilo

circa 7 anni fa - Link

Mamma mia rilassetevi,ogni tanto un post per farsi due risate non guasta. Sulle rompipalle ne ho conosciute una vasta gamma, più o meno son così. Poi ti presenti con un Montonico e non sanno neanche cos'è. Complimenti per la tua autoironia.

Rispondi
avatar

luigi

circa 7 anni fa - Link

Registro che la maggior parte delle persone non riesce a giocare ma l'aspetto preoccupante è che non può giocare perchè non ha capito che questo era solo un gioco!!!!! Gioco capito???? Caspita ma siete più pesanti dell'Osmio!

Rispondi
avatar

pietro

circa 7 anni fa - Link

Cristiana che ci vuoi fare, quando una scrive di Salon, Sicilia Vega Unico, Dom Perignon Rosé millesimo Napoleonico, e via andare che a memoria non ricordo neanche più... E in più sfodera sta foto e dispensa autoironia a chi maleducatamente la critica senza apportare alcun contributo... beh mi pare naturale che susciti invidia... Io che fortunatamente ho già trovato chi mi sopporta e ha il grande pregio di non essere astemia, non posso che continuare a segnarmi le bottiglie di cui scrivi, e intanto grattarmi, non i gioielli, ma ogni tanto un 'turista per sempre' ;) vuoi mai che riesca un giorno a presentarmi ad un'asta di Riesling travestito da Ussara e lasciare di stucco Cagnetti e co.

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 7 anni fa - Link

a lasciarmi di stucco ci ha pensato la valutazione del TBA 2006 di Molitor, ho mollato il colpo dopo che il commissario mi ha fatto notare che probabilmente 1,800 euro non sarebbero bastati per la mezza bottiglia.

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 7 anni fa - Link

però in un gesto puramente iconoclasta e ribelle me lo sono fatto versare tre volte.

Rispondi
avatar

Franklin

circa 7 anni fa - Link

Veramente divertente. Secondo me il post meglio scritto da parecchio tempo. Applausi

Rispondi
avatar

alessandro bocchetti

circa 7 anni fa - Link

debbo dire la verità Cri, sono due giorni che ci penso... che vado a dormire e mi sveglio con quel tarlo... ma com'è che l'unica boccia che mi berrei a garganella di quante citate è quella di Hendricks? Poi a garganella non so, ma certo con piacere maggiore di ornellaia, sagrantini vari o couleè post madame Joly... :D ciao A

Rispondi
avatar

luigi

circa 7 anni fa - Link

Alessandro, Faro Palari e Barbera Cascina Francia ok, ma la ragazza sta fuori di testa a forza di bere Coche Dury. Lasciala perdere, oramai parla con l'assoluto, convinta che le risponda pure. Un caso clinico. Su Hendricks farei un appunto, anche due: è un prodotto mediocre. Troppo erbaceo, sa di cetriolo. Se devi bere liscio vai direttamente su Corenwyn Genever o più delicatamente su Zuidam.

Rispondi
avatar

alessandro bocchetti

circa 7 anni fa - Link

Hai assolutamente ragione Luigi, l'Hendricks è mediocre ma almeno ben ghiacciato scende, cosa che non direi di altri vini... ;) Genever, urca sei un buongustaio... occhio che qui gira ancora chi beve vodka :D ciao A

Rispondi
avatar

luigi

circa 7 anni fa - Link

Non ho pregiudizi nei confronti della vodka, da appassionato di cocktail e del periodo pre-proibizionismo, mi limito a non berla mai. Come te, del resto :-)

Rispondi
avatar

alessandro bocchetti

circa 7 anni fa - Link

poi è perfetta come sgorgante... :D ciao A

avatar

jovica todorovic (teo)

circa 7 anni fa - Link

secondo me ti berresti anche qualche terlaner 1989 e puro un po' di barberina scrocchiarella. tra quelli della rompipalle salverei il montiano alla biofanatica consiglierei una bella tisana che tanto...

Rispondi
avatar

alessandro bocchetti

circa 7 anni fa - Link

dove l'hai visto il terlaner? io ho visto il Vorberg ed è molto diverso... ciao A

Rispondi
avatar

alessandro bocchetti

circa 7 anni fa - Link

cmq la Lauro è avantissimo... quest'estate a patmos già beveva il vino dell'anno 2013... come si evince dalla foto ;) ciao A

Rispondi
avatar

jovica todorovic (teo)

circa 7 anni fa - Link

il messaggio è chiaro se ti piace il mio look vieni a patmos e bevi zuc :-):*:-)

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 7 anni fa - Link

Bel rischio trovarsi ad essere vittima di eno-antipatie a prescindere. Leggendo le citazioni del post in effetti potrei avvicinarmi alla racchia, ma antipatica. Sei single in caccia? Allora perché investi nel mio look mostruoso, principescamente decurtiano? Famo così, il vino lo scelgo io, lo bevo io e tu lo paghi. Così impari a leggere certi post su Intravino che illudono che il figo sei tu perché homo-vinosus. Poi tornatene pure a casa pensando che hai rischiato di brutto ma ti sei salvato in corner, lasciandomi al portone senza neanche un bacetto, sia mai che a farlo da rospa mi potrei trasformare in fata simil-lauriana:) Mentre ti affannerai a sfogliare l'ultimo numero di The World of Fine Wine per raggiungere l'eccitazione che finora ti è mancata, io mi sorseggerò in santa pace un paio di dita abbondanti di Lagavulin Double Mature. Chemmifrega dei sentori torbati respingenti, anche io mi sono salvata in corner.

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 7 anni fa - Link

Ah! Ah! Poi con una busta di Gaviscon la torba se ne va! :-) @ luigi: commossa per il tuo affetto sincero. ;-) @ Alessandro Bocchetti: non facciamo i difficili, che altrimenti da bere non ci resta più nulla . Le vecchie annate di Terlano sono buone, Faro 2005 e 2006 sono deliziosi e la Barbera di Conterno la berrei a secchiate. Anzi, la bevo a secchiate, a casa mia non manca mai. Lo so, preferisci un vino di Pepe... :-)

Rispondi
avatar

alessandro bocchetti

circa 7 anni fa - Link

mah, magari no, ma alla fine si ;) Lo sai Cri, so' difficile... ciao A

Rispondi
avatar

luigi

circa 7 anni fa - Link

Magda ma tu mi ami? Allora lo vedi che la cosa è reciproca?

Rispondi
avatar

Francesco

circa 7 anni fa - Link

Ohi, Cristiana, prima di tutto, ma proprio prima: esistono le donne belle, le sexy, le "arrapanti" e le migliori, cioè le affascianti. Tu appartieni clamorosamente a questa ultima categoria. Per loro (per voi!)...che vino servirebbe? Ah, e dopo, ma molto dopo, questa considerazione, nessun suggerimento (consiglio per la sopravvivenza) per le "malinconicamente tristi vittime di tutto e pure del cane che fa pipì sui pedali della loro bicicletta"? Come difendersi??? (Bella lettura, il pezzo.)

Rispondi
avatar

SirPanzy

circa 7 anni fa - Link

Bella questa! Per tipa noiosissima e triste, calice di champagne a stomaco vuoto. Se non procura "Up" in tre minuti, mollare il colpo subito con una scusa qualsiasi. Tipo che la coppia di criceti a casa ha avuto un attacco di labirintite!! ;)

Rispondi
avatar

MOLOK

circa 7 anni fa - Link

SEI UN GENIO!! la leggerenza in mondo in cui, a volte, un po' troppe persone si prendono troppo sul serio!! ..e complimenti a chi non apprezza l'ironia! GALATTICA!

Rispondi
avatar

Salvo

circa 7 anni fa - Link

sembra un perfetto vademecum per i single, ma per rimanere single!!! la rompipalle la porterei a teatro per vedere lo schiaccianoci, che fa pendant, fuggendo dopo il primo atto! con la maschiaccia ci finirei allo stadio a bere borghetti. la biofanatica purtroppo finirebbe sotto il mio suv dopo una fortunata battuta di caccia. con la simpatica racchia, se non taglia anche i baffi, oltre alla telefonata non vado. Con l'alpina mi ritroverei sul letto di un ospedale dopo una splendida lavanda gastrica!!! però, se sono particolarmente fortunato, nel lettino accanto c'è la biofanatica, e potrebbe essere amore alla prima flebo! ma le ragazze normali? non bevono?

Rispondi
avatar

Blow

circa 7 anni fa - Link

No le normali sono tendenzialmente sobrie oltre che perennemente a dieta e con gambe perfette che adorano accavallare per annullare il già debole sistema nervoso maschile, tessendo trame così sottili che nemmeno a spegarvele capireste, ma funzionano sempre. La lucidità innanzitutto. Dedicato a chi ancora crede che l'uomo abbia una minima chance decisionale nella relazione quando è la donna che si limita a prendere quello che vuole e che spesso non si è presa nemmeno il disturbo di chiedere. Beveteci sù ;)

Rispondi
avatar

Fran

circa 6 anni fa - Link

Ma quanto mi sono divertita a leggerlo?? Top :) grazie delle risate!

Rispondi
avatar

Oreste

circa 3 anni fa - Link

Potrei scrivere ...molte cose ..MI DIVERTO A LEGGERE I COMMENTI ! GRANDE!

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.