È ufficiale: Daniele Cernilli si dimette dal Gambero Rosso

di Antonio Tomacelli

Come già preannunciato da Intravino, Daniele Cernilli lascia la direzione del Gambero Rosso. Nostre fonti ci riferiscono che Cernilli ha già scritto la lettera di dimissioni e l’editoriale di addio alla redazione. All’origine della decisione non ci sarebbero attriti con la proprietà ma solo la volontà di cambiamento del direttore. Nonostante alcune interviste rassicuranti rilasciate da Carlo Ottaviano, dunque, il Gambero Rosso perde anche l’altro fondatore del gruppo, dopo il benservito riservato a Stefano Bonilli.

Una intervista ufficiale è attesa nelle prossime ore per una rivista amica. È la fine del Gambero Rosso così come lo abbiamo conosciuto?

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi e Stefano Caffarri il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

69 Commenti

avatar

Alessandro Morichetti

circa 11 anni fa - Link

Oh mer*a, era tutto vero allora: http://www.winenews.it/index.php?c=detail&id=21865&dc=15. 12:01 vs 13:10: si chiama SGUB. Bravo Tomacella, mi hai risparmiato di spedirti il libro per smettere di fumare nel caso ti avessero imprigionato alla Città del Gusto :-D.

avatar

kenray

circa 11 anni fa - Link

io non conosco Ziliani leggo solo quello che scrive qui. mi sembra una figura autorevole e dotato di molto buon senso non so nemmeno se abbia competernze specifiche per dirigere il gambero. però vorrei lui come sostituto. lo ammiro e tendenzialmente vorrei diventare come lui in futuro. mai una volta mi ha deluso vote Zillo for president! aderisci numeroso

avatar

gionni1979

circa 11 anni fa - Link

Quoto!!!!

avatar

Guerino

circa 11 anni fa - Link

Forse è meglio non esprimere giudizi così categorici su soggetti che non si conoscono. Ma come fa a considerare certe persone di buon senso? Lei vorrebbe diventare come Ziliani! Ma perchè infliggersi certe penitenze? Forse è un fioretto...

avatar

armin kobler

circa 11 anni fa - Link

*uffa*

avatar

kenray

circa 11 anni fa - Link

armin non sbuffare piu veloce di cosi il bonifico non riuscivo a farlo! scusa ma non siamo tutti teteschen :)

avatar

armin kobler

circa 11 anni fa - Link

"scusa ma non siamo tutti teteschen :-)" meglio così. sbuffo perchè sono tipi di notizie che non interessano particolarmente. e non credo di essere l'unico. o forse sbaglio?

avatar

giulo

circa 11 anni fa - Link

parole sacrosante, Armin!

avatar

Lizzy

circa 11 anni fa - Link

Mi associo.

avatar

armin kobler

circa 11 anni fa - Link

però fa traffic, no? non penso che sia voluto. ;-)

avatar

Burde

circa 11 anni fa - Link

In effetti Ziliani al gambero sarebbe una giusta punizione, neanche Dante Alighieri saprebbe far meglio

avatar

kenray

circa 11 anni fa - Link

parlo seriamente ziliani è milanese. essere un lavoratore stakanovista è incluso nel dna imprenditore, organizzatore, facilitatore di processi per definizione. è nato nel 1956 (cosi recita la leggenda) quindi un poeta per definizione poi io lo ammiro e questo dovrebbe bastare

avatar

Andrea Gori

circa 11 anni fa - Link

ziliani ha uno dei palati e dei nasi più sopraffini del pianeta, purtroppo nella testa sbagliata e quando a "facilitatore di processi" bisogna vedere quali

avatar

kenray

circa 11 anni fa - Link

andrea sai quanto ti stimo. quindi fidati di me ziliani è un n. 1.

avatar

Nelle Nuvole

circa 11 anni fa - Link

Sono felice che invece di un necrologio professionale a Cernilli si stia mettendo insieme un programma elettorale per Ziliani. YES WE DRINK!

avatar

Gianna

circa 11 anni fa - Link

Va bè che sei....."NELLE NUVOLE"(!)ma,credimi,è più facile che un asino voli piuttosto che Ziliani venga chiamato al Gambero Rosso. La proprietà di questa testata non è così sprovveduta! Forse era più adatto se concludevi il tuo intervento con "YES,WE DREAM"!!!

avatar

Giacomino Succhiatore

circa 11 anni fa - Link

Ziliani? Non è nemmeno divertente la cosa di volerlo al Gambero. Per lui la giusta nemesi è Cernilli in Ais. Piuttosto, qui in Toscana, lo sanno anche le pietre che alla Guida va Ernesto Gentili che si affiancherà a Gianni Fabrizio. A Marco Sabellico va la rivista. Lady Wine Guerini si troverà un editore nuovo e buonanotte al secchio.

avatar

Mauro Erro

circa 11 anni fa - Link

Questa la quoto. Al fianco di Rizzari? Fuori i nomi...

avatar

Giacomino Succhiatore

circa 11 anni fa - Link

AGGIORNAMENTO. Lady Wine Guerini ha trovato il nuovo editore. Bolasco la porta a Bra. Fuggi fuggi al Gambero Rosso. Rizzari sta bene dove sta a parlar di musica con Bietti.

avatar

A.A.

circa 11 anni fa - Link

Siete decisamente fuori strada.

avatar

Mauro Erro

circa 11 anni fa - Link

Si sa, nel mercato di riparazione di Gennaio se ne sentono di tutti i colori. Qualcuno al numero di Paolo Bargiggia? :-)

avatar

Andrea

circa 11 anni fa - Link

Questo Giacomino Succhiatore sa tanto ma tanto di Leonardino Romanellino...

avatar

Leonardo Romanelli

circa 11 anni fa - Link

e a me mi sa tanto che ti sei sbagliato e non di pochino!

avatar

eleonora guerini

circa 11 anni fa - Link

tra di voi si cela uno degli sceneggiatori di beautiful. allo scoperto se hai coraggio. :-)

avatar

Cristiana Lauro

circa 11 anni fa - Link

Mi associo a donna Leo! Almeno nome e cognome, in mancanza di regolari attributi. Assumetevi la responsabilità altrimenti 'sta riunione di condominio va per le lunghe...Come Beautiful appunto. ;-)))

avatar

Raro Umore

circa 11 anni fa - Link

....e Raro Umore dove và.............pa parappapapa.....che gente marò che gente....

avatar

fabrizio pagliardi

circa 11 anni fa - Link

So che a voi sta sulle palle un po' a tutti, a me no. E sinceramente trovo sia difficile trovare qualcuno di ugualmente autorevole. Il gambero rosso di Bonilli - Cernilli mi manca. e mi dispiace molto che sia ormai impossibile che facciano qualcosa insieme in futuro. L'unico giornalista a cui darei piena fiducia è Armando Castagno.

avatar

falletto

circa 11 anni fa - Link

Commento moderato dalla redazione

avatar

Armando Castagno

circa 11 anni fa - Link

Mi spiace di non essere indipendente per niente senza sapere di chi sono dipendente, e soprattutto di aver deluso lei, anche se non so lei chi sia, e i miei compagni dell'Ais; ma se l'ho fatto non è di sicuro per aver preso soldi, prebende, direttive, censure o commissioni per il pezzo su Marchesi di Barolo, né su alcun altro pezzo che mai io abbia pubblicato sulla rivista con cui mi onoro di collaborare. Se lei è così gentile da dirmi dove sono i soldi o i privilegi che mi sarebbero stati accordati, e che in effetti, se ci fossero, mi toglierebbero la dignità di giornalista indipendente, le sarei grato, perché evidentemente sono ancora lì. Anzi, se lo sa, vada pure a prenderli lei e se li intaschi, a me non interessano.

avatar

Franco Ziliani

circa 11 anni fa - Link

Armando non ti abbassare a rispondere a certa gente... un forte abbraccio e la mia solidarietà più assoluta e totale

avatar

Andrea Petrini

circa 11 anni fa - Link

Ancora con questa storia di Marchesi di Barolo? c'è solo una persona che la sta trascinando dal forum del gambero e penso sia sempre la stessa. Posso dire una cosa? Da umano posso dire che mi onoro di essere amico di Castagno perchè come lui ne nascono davvero pochi. e non parlo di lavoro, dove è bravissimo e lo sapete, parlo di persona nel suo privato.

avatar

Antonio Tomacelli

circa 11 anni fa - Link

Gentile Falletto, È da un po' che lei esagera nelle sue considerazioni che troppe volte sono finite nei territori della bassa Insinuazione. La invito a moderarsi nei commenti e a presentare fatti circostanziati Grazie

avatar

Cristiana Lauro

circa 11 anni fa - Link

Chapeau!!! ;-)))

avatar

Mauro Erro

circa 11 anni fa - Link

Si sa, nel mercato di riparazione di Gennaio se ne sentono di tutti i colori. Qualcuno ha il numero di Paolo Bargiggia? :-) p.s. scusate i refusi, ma ho linea internet che va e viene

avatar

Lido Vannucchi

circa 11 anni fa - Link

Tutti darebbero fiducia ad Armando Castagno, ma scusate facciamo un referendum, come alla Fiat, Marchionne lo facciamo fare a Ziliani, Ad Armando Castagno la Fiom. e vediamo chi vince. Ciao Lido

avatar

kenray

circa 11 anni fa - Link

eh no. io son di sinistra come posso sostenere ziliani. facciamo cosi io quoto ziliani (castagno manco so chi è ma solo il cognome evoca in me ricordi lontani di "pattone" immangiabili) e fa 1 voto. per ora ziliani 1 resto del mondo 0

avatar

Nelle Nuvole

circa 11 anni fa - Link

Anche se é interista?

avatar

K-pax

circa 11 anni fa - Link

soprattutto!!!!

avatar

antonio tomacelli

circa 11 anni fa - Link

Al di là delle ipotesi fantascientifiche di "Giacomino Succhiatore" ci sono alcuni punti fermi da tener presente: 1) Ricordarsi sempre che Cernilli è "figlio" dell'Ais e prima o poi il figliol prodigo torna sempre a casa. RIcci è stato visto in una macelleria del centro mentre ordinava "duecento chili di vitello grasso tagliato sottile" 2) Pensare gente del calibro di Sabellico o Fabrizio "diretti" da Ernesto Gentili vuol dire che della vita non si è capito nulla. Meglio dedicarsi all'uncinetto e giocarsela con i numeri del Lotto. 3) Nessuno del "gruppo storico" della Guida Vini scrive più per la rivista del Gambero diretta da Carlo Ottaviano e men che meno per la newsletter "Tre Bicchieri". Si può vivere "separati in casa" e, soprattutto, per quanto tempo?

avatar

Franco Ziliani

circa 11 anni fa - Link

Me ne sto via un giorno intero in Franciacorta - cellulare staccato - a fare una lunga intervista al mio omonimo, il vero grande Franco Ziliani, il patron della Guido Berlucchi, e poi in cantina da Giulia Cavalleri a degustare alcune delle migliori bollicine franciacortine esistenti e al ritorno a casa, acceso il p.c., é questa la notizia che mi deve accogliere? Perbacco! Non c'é nessuna ironia in quel che dico, lo premetto: Daniele Cernilli é insostituibile, da chiunque, e dopo di lui il Gambero rosso sarà sicuramente tutt'altra cosa. Scrive bene Tomacelli: "È la fine del Gambero Rosso così come lo abbiamo conosciuto" Rassicuro Kenray: sono di sinistra anch'io. Piuttosto che essere filo-governativo com'é qualche collega, che ricava ampie sinecure dall'essere schierato a favore del centro destra, mi sento molto più a mio agio dalle parti della sinistra. Ma quella vera, non quella salottiera e radical chic...

avatar

Maurizio Fava

circa 11 anni fa - Link

e questo sì che è uno scoop..

avatar

Franco Ziliani

circa 11 anni fa - Link

ovviamente il mio dire di essere "di sinistra" era solo una boutade e un modo di dire quanto sia lontano da certi "colleghi" reggicoda di questa maggioranza di governo. Non si sa se davvero per idee politiche o perché conviene loro...

avatar

davide bonucci

circa 11 anni fa - Link

Indipendentemente da chi sarà il "capo", il Gambero Rosso senza Cernilli sarà diverso ma non necessariamente peggiore. Dipende da quale linea intenderanno prendere. Tra i collaboratori ci sono diversi giovani molto capaci, basterebbe dare un po' più di spazio a loro, direi che sarebbe un intelligente e fisiologico assecondamento... Mi incuriosisce invece la nuova collocazione di Cernilli. Di sicuro lontano anni luce da Bonilli, ognuno rigorosamente per la sua strada. Nell'AIS credo che ci sia bisogno di giovani e di un entusiasmo nuovo, non so se Cernilli è in grado di fare da collante per una rigenerazione di energie e passioni. So che molti diplomati scappano a gambe levate non appena diplomati... chissà come mai :( Come altri, credo che l'AIS abbia già in sè queste risorse per autorigenerarsi e dare un'immagine radiosa. E questo corrisponde, in soldoni, a dare il massimo della fiducia e delle possibilità decisionali ad Armando Castagno e ad altri con le medesime competenze, sopratutto lo stesso entusiasmo disinteressato, senza eccessivi intrecci professionali che finiscono per creare diffidenza e quindi portare agli abbandoni cui accennavo.

avatar

Mara

circa 11 anni fa - Link

Io sono giovane, purtroppo non più anagraficamente, ma mi pare di avere ancora forze a sufficienza per poter sostenere un pensiero piccolo piccolo. La critica è lecita, ma solo gli sciocchi criticano le persone in quanto tali e non il loro operato. L'operato di Cernilli parla da solo: se oggi c'è tutto sto fiorire di eno-scrittori eno-critici ecc.ecc, lo si deve a chi ha prima creato,poi dato forma,sostanza e organizzazione a tutto ciò che di vino sta su carta. Tutto ciò resterà nella storia. Ma sempre e solo gli sciocchi possono pensare che la storia duri per sempre; viene il giorno in cui, semplicemente, non è più il tuo tempo, qualcuno se ne accorge da solo, qualcun altro vien forzato dagli eventi. Che male c'è? I giovani premono e reclamano i loro spazi. Giusto e sacrosanto. Ma chi oggi rampa sulle schiene degli altri, lo faccia con stile perchè domani toccherà anche a lui e allora si augurerà che chi gli rampa addosso non abbia le scarpe chiodate. C'è solo da sperare che le nuove leve facciano almeno la metà di quanto han costruito quei senatori che oggi sono SOLO criticati.

avatar

franzrin

circa 11 anni fa - Link

Brava Mara, uno dei pochi interventi sensati il Tuo

avatar

Angelo Di Costanzo

circa 11 anni fa - Link

Non posso che concordare. Oggi il rischio (già accorso per altro) più grande è che giovincelli arrancano sgomitando senza rispetto per il lavoro di chi li ha preceduti, parlano come vecchi e peggio, scrivono (o si arrogano forma e sostanza)in uno stile ancor più vetusto per far trasparire una "saggezza" enoica attempata ma figlia di un altro tempo. Tantè che la frustrazione alla lunga viene fuori, e fa agire con sfrontatezza e, passatemelo, stupido sciovinismo. Cernilli è un grande, ed io personalmente l'ho sempre visto ammantato da un aura (professionalmente) inarrivabile, sin da quando, a vent'anni, scribacchiavo delle mie bevute e gli mandavo centinaia di recensioni sulla "posta dei lettori" al Gambero. Vedere pubblicate quelle recensioni era per me motivo di grandissimo orgoglio ma lasciava il tempo che trovava, non però la fame di sapere che ho nutrito con le sue uscite mensili... Ancor oggi, pur non essendo mai stato un grande sostenitore delle guide, non posso non apprezzare il lavoro anzitutto culturale da lui firmato (con Bonilli e tutti gli altri, s'intende), ma come dice Mara, ha forse capito che è arrivato il momento di passare la mano (o glielo hanno fatto capire, poco importa) tantè che stiamo a parlarne, anche piuttosto animatamente: della sorte di chi altri lo faremmo?

avatar

davide bonucci

circa 11 anni fa - Link

Non esageriamo Mara, altrimenti rischi di scrivere un coccodrillo, per una persona di 56 anni quale è Cernilli mi pare francamente fuori luogo. Si è chiuso un capitolo della sua esperienza di vita professionale e se ne aprono altri, tutto qui. I meriti che ascrivi a Cernilli, andrebbero a monte ascritti a Veronelli. Entrambi bevitori costanti, entrambi irascibili a tratti, evidentemente fa parte del profilo professionale. L'alcol alla fine è una droga che altera ed esaspera comportamenti, si sa, il suo uso costante questo provoca. Quindi può capitare di esagerare nei giudizi, nelle discussioni, creandosi dei nemici. A questo aggiungerei anche un carattere pronto al confronto franco e aspro, con scarsissima predisposizione ad ammettere errori e chiedere "scusa". Diciamo pure che sta antipatico a molti, anche a persone insospettabili. Questo se vogliamo fare un'analisi e non solo un elogio buonista. Per quel poco che ho capito di lui.

avatar

Mara

circa 11 anni fa - Link

L'una cosa non esclude l'altra,è solo che qui si parlava di Cernilli e non di Veronelli. Tengo a precisare che in luogo del carattere di Cernilli, io preferisco sottolineare ciò che ha fatto per il mondo del vino e per la critica del vino. Non è per caso che lui e i suoi amici fondatori del gambero magari, tar una arrabbiatura e l'altra ci hanno insegnato qualcosina? E non sono la moglie di un gamberista, o di un gamberone. Mio marito fa il sommelier o il cameriere el vino se preferite. Buonanotte.

avatar

Davide Bonucci

circa 11 anni fa - Link

Forse sarebbe meglio dire "ex-amici" fondatori del Gambero, viste cause e litigate varie. Con Sangiorgi hanno litagato "a sangue". Con Bonilli idem. Poi ci sarebbe anche da ri-chiedersi (tante e tante volte se ne è parlato) dei motivi per cui hanno litigato, ma inutile dilungarsi qui e ora, fuori tampo massimo. Il maggior insegnamento sembrerebbe quasi che pur di mantenere autorevolezza e prestigio, sono disposti a prendersi a coltellate, screditandosi. Spettacolo penoso. Mia esperienza con GRH. Riviste comprate poche (mai abbonamenti), guida una volta 9 anni fa, frequentato molto il forum del loro sito. In compenso spese decine di migliaia di euro in vino, di tasca, ovvio. Ho centinaia di maestri: i miei amici appassionati e produttori che continuano a comunicare con modestia quello che sanno: di persona, al telefono, scrivendomi, a tavola o in piedi con i bicchieri in mano. Io cerco di fare lo stesso con loro. In questo processo, l'insegnamento portatomi da direttori, case editrici, riviste e guide varie non è superiore al 5%, forse anche meno. Tutti sono utili nessuno è indispensabile p.s: Cernilli è allievo del Veronelli, ecco perchè citavo Gino

avatar

Fabrizio pagliardi

circa 11 anni fa - Link

Quoto Mara. Aggiungo. Se ne può pensare quello che si vuole ma Cernilli, come anche Bonilli sono dei punti di riferimento. Devo alla loro rivista e alle loro guide l'inizio di una formazione, di una passione e poi di un lavoro. Posso non pensarla come Cernilli su molte cose, ma questo non toglie il rispetto per la persona e la storia.

avatar

franzrin

circa 11 anni fa - Link

Se in questo blog non vengono pubblicati i commenti scomodi o contro qualcuno, perchè allora non gli cambiate formato e lo fate diventare un sito senza commenti ? La censura è roba d'altri tempi, mi ricorda il ventennio

avatar

gionni1979

circa 11 anni fa - Link

Leggendo alcuni commenti mi viene da sorridere, ma in fondo non c'è da ridere, ma da piangere.... Sembra che la voglia di discutere, se non proprio di offendere, sia maggiore che quella di espirmersi.... Blah!!!! Che schifo! In fondo bisogna essere persone intelligenti per accettare che qualcuno possa pensare in modo diverso dal proprio, e ormai il mondo è pieno di persone poco intelligenti!

avatar

Marco

circa 11 anni fa - Link

Molto interessante leggere questi commenti e quelli a molti altri post. E meno male che i vari blogger, tra i quali anche la maggior parte di quelli che animano il presente sito, si scagliano lancia in resta, un giorno sì e l'altro pure, contro le riviste, le guide e la critica "a mezzo stampa", accusandole di ogni nefandezza e decretandone la morte ormai certa. In effetti molto meglio lo spettacolo indecoroso di accuse, illazioni, insulti, pettegolezzi e porcate varie di bassa lega che si leggono su queste ed altre pagine. Web, naturalmente. Che sia anche per questo che le succitate previsioni di imminenti decessi tardino ad avverarsi?

avatar

Marco Lungo

circa 11 anni fa - Link

Amici, ho deciso, mi candido per salvare il Gambero Rosso. Ho il Piano di Risanamento già fatto (è del 2006, ma che ci vuole a riaggiustarlo un po'), sto a capo della branch italiana della Crisis Manager Association, oltretutto, e non per ultimo, scrivo su Dissapore, direi che la mia candidatura possa essere ben sostenuta e supportata. Ho decine di casi risolti, di aziende salvate e ristrutturate, so cucinare e non ne capisco molto di vino, come anche per tutto il resto, per cui penso che mi possiate portare avanti come baluardo unico, l'Uomo della Provvidenza, per far finalmente sventolare il vessillo della Pappa Buona sulla CdG. Qualunquemente e sovvertitamente, inavvertitamente e desolatamente, potete votarmi alle Primarie che non si terranno per la successione del buon Cernilli. Fateci un pensierino. Un voto a me, è un voto a me e basta.

avatar

amarcoird

circa 11 anni fa - Link

A me se uno fa marchette mi interessa poco visto che le fanno quasi tutti. Ma quando si parla di capacita' degustative è divers oTornando a Armando Castagno, che ziliani ha scritto essere responsabile del miglioramento della guida 5 grappoli in toscana ricordo che vini come Il coevo di cecchi o I balzini, o nel lazio che segue Castagno quelli di fontana candida hanno ottenuto I 5 grappoli. Alternativa a Cernilli? Palato straordinario? Il purista e grande degustatore Castagno ha scritto tempo fa su Bibenda parlando di Marchesi di barolo che “il 2004 ha classe da vendere. Il 97 è un peccato di gola e l'82 un fuoriclasse di incontenibile personalita'" Chi ha bevuto I vini puo' solo ridere o piangere.

avatar

Alessandro Morichetti

circa 11 anni fa - Link

Se ne parlava nell'altro post ma un'appendice qui non guasta. Su Internet la variante "credibilità guadagnata" è un discrimine fortissimo. Su Castagno dice qualcosa, chi lo conosce prende appunti perché ne conosce professionalità e serietà. Se amarcoird - un signor nessuno - dice qualcosa, vale poco in quanto tale e alludere non lo aiuta granché. Ma io credo nella buona fede altrui quindi avanti con le rivelazioni. Siamo tutt'orecchi.

avatar

amarcoird

circa 11 anni fa - Link

Saro un nessuno come dici ma ho riportato fatti e scritti.non ho ambizione di fare I'll critico ma so che cecchi e fontana candida non fanno buoni vini. Quindi chi li premia o non ha gusto o non ha potuto fare altro.se poi uno che viene stimato come professionalmente valido.giudica in quel modo marchesi di barolo, non c'è più da aggiungere niente. Io parlo di palato e non di fans.maroni ha tantissimi fans.

avatar

Alessandro Morichetti

circa 11 anni fa - Link

Non riporti fatti e scritti ma FALSITA': 1) Castagno quest'anno ha curato 72 aziende di Montalcino e quelle che indichi non vi rientrano. 2) Scrivere "è un peccato di gola vero e proprio, ma il canone "morale" dei Barolo tradizionali, specie le riserve, imporrebbe una maggiore austerità" a casa mia è una critica in piena regola ad un vino. Non capirlo è segno di scarsa attenzione o malafede. Tanto basta al lettore per dubitare seriamente della credibilità di quanto dici.

avatar

amarcoird

circa 11 anni fa - Link

Prima di accusare gli altri di essere falsi e offenderli dovresti almeno accertare I fatti visto che non li conosaci morichetti e per questo insulti. Falso che Castagno abbia premiato Fontana Candida? No ê vero. E tu sai tutte le aziende che castagno ha visitato in toscana?fammi o piacere! Informati prima e se vuoi smentirmi porta fatti non chiacchiere. Su marchesi ho riporato fatti, io, e basta leggerlin I giudizi sono assurdi.

avatar

rocche del

circa 11 anni fa - Link

Commento moderato dalla redazione

avatar

Alessandro Morichetti

circa 11 anni fa - Link

Armando Castagno NON ha premiato Fontana Candida e chi lo afferma come te dice il FALSO e dimostra malafede perseverando nel parlare di qualcosa che non sa. Castagno ha visitato 72 aziende, per saperle una ad una mi basta alzare il telefono ma per certo so che NON ha visitato quelle che dici. Tra l'esprimere un'opinione e dare del marchettaro-prezzolato a qualcuno passa in mezzo il mare della civiltà e delle querele. Chi esprime civilmente opinioni è sempre ben accetto su Intravino. Favorevoli o contrarie ad una tesi non importa, purché civili. Gli insulti e le calunnie no, non hanno diritto di cittadinanza e verranno sistematicamente moderate. Grazie per i commenti ma ora basta, giriamo pagina. P.S. per "amarcoird": Scrivere "sei un cretino" sarebbe stato un insulto, e non l'ho fatto. Io ho sottolineato che scrivi FALSITA' dimostrandoti dove e quali: parlando di visite che non ci sono state e sovvertendo il senso di una citazione abilmente troncata a metà. Saluti.

avatar

armin

circa 11 anni fa - Link

scusate il disturbo, ma c'è da qualche parte un bottone per potersi dis-abbonnare dai commenti?

avatar

Franco Ziliani

circa 11 anni fa - Link

@ Armin: ti hanno informato per caso che questo é un blog? @ Rocche: attaccare, come fa lei, Armando Castagno, persona di specchiata moralità e di inattaccabile cultura sul vino e giornalista tra i più seri, é una tale vigliaccata che in altri tempi, meno squallidi di questi, avrebbe meritato una sfida a duello. Se potessi sfidarla, lasciandole anche la possibilità di scegliere l'arma, sarebbe per me un grandissimo piacere. Con certi felloni e cialtroni non servono le parole, meglio una bella sciabolata e via...

Commenti chiusi