Leonardo Beconcini, Sangiovese e Tempranillo a cavallo tra due decenni

Leonardo Beconcini, Sangiovese e Tempranillo a cavallo tra due decenni

di Andrea Gori

La storia d’amore di Leonardo Beconcini con il tempranillo dura ormai da tanti anni ma si è innestata su una precedente passione-ossessione per il grande sangiovese portato a maturazione su terreni argillosi delle Terre di Pisa (siamo a San Miniato), in genere non i prediletti da questo vitigno. Di certo però l’argilla consente al sangiovese di esprimersi con originalità e forza mantenendosi sempre lontano da eccessi di tannino e spigolosità rivelando una succulenza sempre supportata da acidità adeguata. Ma ad un certo punto la curiosità di Leonardo lo porta a scoprire insieme alla moglie Eva la presenza in vigna di materiale enologico molto particolare, fino ad allora etichettato come “malvasia nera” ma con incongruenze nel suo comportamento.

L’analisi genetica porta a rivelare l’identità di queste piante come tempranillo, varietà ampiamente diffusa in Spagna (e prossimamente anche a Bordeaux…) artefici dei grandi vini della Rioja e Ribera del Duero. Molto probabilmente le viti di tempranillo derivano da semi piantati da terreni di proprietà della Curia locale portati con se’ da viaggiatori lungo la via Francigena, l’antica e frequentatissima via di pellegrinaggio nei due sensi che da Roma portava fino a Santiago di Compostela su di un ramo e fino a Canterbury sull’altro.

Quello che importa oggi, nonostante la suggestione sia sempre importante nel mondo del vino, è che nei vini di Beconcini si respira un profondo rispetto per il territorio ma anche una salda idea enologica alle sue spalle, con un tempranillo condotto in esuberanza ma controllo di sapidità e ritmo, e un sangiovese allevato mediante la tecnica del “reciso” (ovvero incidendo il peduncolo per ritardare e concentrare la maturazione in settembre). Una confronto a distanza di anni ci ha permesso di analizzarne alcune annate molto particolari.

inCollage_20220111_110833993

Beconcini Reciso 1997 Igt Toscana
Annata iconica che si mantiene molto vitale a distanza di anni e forse anche decisamente meglio di altri 1997 da zone più classiche, ha naso di amarene, cassis, pepe nero e visciole, ematico e salino, carrube, mandorle, torrefazione e sontuosità, vino ancora in bella forma e splendida carnosità.90

Beconcini Reciso 2017 Igt Toscana
Ribes rosso lamponi e ciliegie fresche, sorso spigliato e di bella eleganza nonostante la ricchezza, finale di energia e tannino ben dosato con allungo promettente in annata complicata risolta in eleganza.92

Beconcini Vigna alle Nicchie 2006 Igt Toscana
Tempranillo 100% prefillossera parzialmente passito, profilo terroso, pieno e ricco, ribes nero visciole, terroso e marino, di una giovinezza pazzesca e finissima, pepe nero, mallo di noce, tannino fitto e ancora vivido che tiene su la materia abbondante.90

Beconcini Vigna alle Nicchie 2016 Igt Toscana
Amarena e carrube, visciole, incenso e mirra, tabacco inglese da pipa, sorso concitato e dal tannino ricchissimo da attendere tra pepe e refoli balsamici intensi.93

Beconcini Ixe 2019 Igt Toscana (tempranillo 100% giocato in piacevolezza senza legno)
Sapido croccante preciso e allegro, opulento  ginepro e more di rovo, talco e arancio rosso e ferroso, chiude con bel passo e lunghezza nonché agilità rara in un’annata così.89

Beconcini Maurleo 2019 Terre di Pisa Doc
Sangiovese e malvasia nera, rosso intenso, visciole pepe resine e cumino, progressione e sapidità, bella freddezza di viola da bel sangiovese e succosità della malvasia in un bel ritmo di palato.88

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

1 Commento

avatar

Giavomo

circa 2 settimane fa - Link

Ottimo ma di lui amo soprattutto il suo vinsanto...spettacoloso

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.