Col vino tutto è più buono e adesso hai un’altra scusa valida

Col vino tutto è più buono e adesso hai un’altra scusa valida

di Antonio Tomacelli

Oggi è sabato e, come sempre, nel weekend siamo portati ad allentare i freni inibitori, complice una giusta dose di alcol che, a seconda dei casi, chiameremo primitivo di Manduria o gin tonic. L’alcol, lo sappiamo, rilassa e ci rende “socievoli” nonché più disponibili verso il/la prossimo/a. Quello che non sapevamo, e che di recente alcuni scienziati hanno scoperto, è la pericolosa azione esercitata sui neuroni che, stimolati dall’alcol, rilasciano un peptide chiamato AgRP (agoti-related protein). L’azione di questo peptide mette una fame che a placarla non basterebbero due pizze al bisonte selvaggio per sera. C’è di più, c’è di peggio: comportandosi come un simil-oppiaceo, l’alcol renderebbe piacevole e gustoso al palato qualunque schifezza ingurgitata, falsando la nostra percezione dei sapori e dei profumi.

Vogliamo accennare per un attimo alle conseguenze? La panza alla Homer Simpson sarebbe l’effetto più sgradevole e impattante ma c’è ben altro di meno visibile perché più subdolo. Si diceva degli effetti distorti sulla nostra percezione dei sapori: ora immaginatevi nella parte dell’esperto gourmet alle prese con un menù degustazione chilometrico, a cui sono associati tanti vini e alcolici quante sono le portate e chiedetevi: non sarebbe meglio una bella caraffa di acqua liscia che depura i neuroni e vi rende giudici imparziali? E se anche non foste dei giudici non sarebbe un modo per degustare al meglio una cena over 100 eurini?

Lo so che siamo su Intravino e certe abiure non andrebbero neanche accennate ma, che devo dirvi: ho provato la parmigiana di melanzane di Mammà da sobrio e…l’ho rivalutata!

 

 

 

 

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

Nessun Commento

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.