Sapevatelo: l’ultima spiaggia di un blog in affanno è “la ricetta per la Sangria”

di Antonio Tomacelli

La scelta del vino da utilizzare per la Sangria è uno dei grandi dilemmi che, da sempre, angosciano l’umanità. Troppo buono è uno spreco ma cattivo non puoi perchè, alla fine te lo berrai anche tu. L’ideale sarebbe uno di quei Novello tutti frutta&verdura che andavano di moda qualche anno fa, ma hanno il grosso difetto di durare pochissimo: escono a novembre e a Natale ci puoi condire la lattuga. Buttatevi allora su di un rosso leggero, magari appena messo in commercio e possibilmente senza tannini uno di quelli, insomma, che reggono il frigo senza paura. Vogliamo fare un nome? Facciamolo, ma sotto voce e tra parentesi ché non si sa mai (Fichimori di Tormaresca). Il secondo grande dilemma che affligge da sempre l’umanità è “perchè uno dovrebbe rovinare un vino riducendolo a insulsa Sangria?”. Risposta: l’80% dei tuoi insulsi amici non beve vino e la Sangria è, purtroppo, l’unica speranza che hai di bere qualcosa di decente. Altre risposte, visto la temperatura esterna, non ne ho, ma sono graditi suggerimenti. Oggi sono 39° e il tasso di umidità ha spaventato anche i miei pesci rossi. Uhm, non erano azzurri? Forse dovrei rivedere la temperatura della vasca…

Ah, per l’infografica ringraziamo Wine Enthusiast.

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

Nessun Commento

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.