Leonardo Romanelli

Villa di Capezzana: una verticale di 48 anni col bonus (1930)

Villa di Capezzana: una verticale di 48 anni col bonus (1930)

A Carmignano la vite si coltivava già nell’epoca preromana, circa 3000 anni fa e Capezzana, tra le più antiche aziende vinicole toscane, produce qui vino dall’804. Negli anni venti dello scorso secolo la famiglia Contini Bonacossi acquistò la proprietà, … continua »

Vignaiolo per caso: la Tenuta San Filippo a Montalcino

Vignaiolo per caso: la Tenuta San Filippo a Montalcino

Arrivare con il proprio vino sul podio di una classifica internazionale, come quella di Wine Spectator, permette di poter rimanere sulla ribalta per un anno intero. E’ quello che succede a Roberto Giannelli, proprietario della Tenuta San Filippo a Montalcino, … continua »

Del perché fare il gin in Toscana è una buona idea

Del perché fare il gin in Toscana è una buona idea

Da Firenze si prende la strada che porta in Casentino e ben prima di arrivare al Passo della Consuma si gira a destra per arrivare alla sede di Peter In Florence, l’azienda che si trova  presso l’eco resort Podere continua »

Intravino intervista Niko Romito

Intravino intervista Niko Romito

Nell’epoca dei cuochi televisivi Niko Romito è quello che rifugge da una ribalta mediatica: non è una forzatura voluta, semplicemente il suo carattere, concreto e preciso, dove ciò che deve risultare è il suo lavoro, la sua capacità di progettare … continua »

Paolo Foradori non c’è più

Paolo Foradori non c’è più

La morte coglie sempre all’improvviso, è dolorosa e triste ma può essere rispettosa di una vita vissuta in maniera discreta e vitale. Se oggi in Italia si parla di pinot nero, di un vitigno di moda, attuale e concreto lo … continua »

Questa volta si rischia il tracollo

Questa volta si rischia il tracollo

Il dado è tratto, le voci che si rincorrevano si sono fermate e la verità è quella che si legge nel decreto: chiusura dei ristoranti e di tutti i servizi di somministrazione alle 18:00.

Sembra quasi di assistere ad una … continua »

La Ciau del Tornavento: cronaca di una mezza delusione

La Ciau del Tornavento: cronaca di una mezza delusione

“Orgoglio del territorio del Barbaresco ”: in sintesi è quello che ti dicono in Langa quando ti consigliano di andare a La Ciau del Tornavento, luogo indispensabile da frequentare per capire gli umori dei produttori  di vino, (anche Barolo … continua »

Il vino secondo Pellegrino Artusi, fine gastronomo nato 200 anni fa

Il vino secondo Pellegrino Artusi, fine gastronomo nato 200 anni fa

Oggi sono duecento anni esatti dalla nascita di Pellegrino Artusi. Protagonista suo malgrado, personaggio pubblico pur essendo schivo e incline alla riservatezza: che uomo l’Artusi, diventato oltremodo famoso a sua insaputa, dopo la morte. Certo che il poveretto viene sempre … continua »

Vino rosso o bianco? Come si organizza una degustazione seriale

Vino rosso o bianco? Come si organizza una degustazione seriale

Rosso o bianco? Non sono seduto in trattoria a mangiare, con l’oste del tempo andato: era la domanda di rito del passato con il patron a chiedere, prima ancora di sapere cosa mangiare, il vino da abbinare. No, qui sto … continua »

Quando la commissione boccia il presidente del Consorzio: il caso di Stefano Amerighi

Quando la commissione boccia il presidente del Consorzio: il caso di Stefano Amerighi

“Cortona DOC Syrah Apice 2016 Stefano Amerighi: bocciato”.

Cosa è uno scherzo, una battuta? No, è il verdetto finale della “Commissione d’assaggio” che così ha decretato come il vino Apice di Stefano Amerighi, dopo i regolari assaggi obbligatori … continua »

Coronavirus: gli impossibili esami della scuola alberghiera

Coronavirus: gli impossibili esami della scuola alberghiera

Gli esami di Stato del 2020, ovvero nell’anno del Coronavirus hanno senso?
Per gli studenti forse si, il senso di cavarsela con un esame facile che ha tutta l’aria di una farsa.

Per i docenti costretti a questa pantomima il … continua »

Il rappresentante di vino è un lavoro a rischio?

Il rappresentante di vino è un lavoro a rischio?

In tutte le crisi le persone stanno male, ma c’è chi sta più male degli altri. Non sto facendo un’analisi sociologica globale, mi limito ad affrontare l’argomento vino, uno di quelli di mia competenza, insieme all’argomento cibo, entrambi sviscerati in … continua »