Gianluca Rossetti

Il vino d’estate (e la birra d’inverno)

Il vino d’estate (e la birra d’inverno)

“Ma come si fa a bere vino d’estate? Rosso poi. Assurdo, impensabile”. Chi non l’ha letto in giro dopo il solstizio?

È un problema serio, altro che. Come facciamo, chiudiamo il blog per tre mesi? Baci e abbracci, ci si … continua »

Storie di birra: le IGA del Birrificio Artigianale Barley

Storie di birra: le IGA del Birrificio Artigianale Barley

“Ciao Jacopo, come va? Qui a Cagliari è bellissimo, quasi venti gradi, e io sto andando a birre. Poi ti racconto”.

Inizia così una giornata che ricordo come l’ultima prima che la soglia del Coronavirus si piazzasse davanti la porta … continua »

Il turista italiano ai tempi del colera

Il turista italiano ai tempi del colera

Di ritorno dal nord Europa con un paio di ”boh” stampati in fronte.
Lei da dove arriva? Da Roma. Ah, ok.
Questo accadeva lunedì 24.
Sto a un paio d’ore da Amsterdam, esco a cena perché la sera ho fame. … continua »

Guida galattica (e vinicola) per uscire dal caos delle chiacchiere

Guida galattica (e vinicola) per uscire dal caos delle chiacchiere

“Ci sono ovviamente molti problemi che la vita ci pone: alcuni dei più noti sono rappresentati da domande quali “Perché noi uomini nasciamo?”, “Perché moriamo?”, “Perché passiamo tanta parte del tempo concessoci a portare orologi da polso digitali?”.
Guida galattica … continua »

Io questo vino non l’ho capito

Io questo vino non l’ho capito

E poi accade di non capirlo, un vino.
Di questo si parla poco, quasi mai. Pubblicamente l’ho sentito dire forse mezza volta, o nessuna. “Proprio non lo inquadro, va per suo conto, che fastidio, sa un po’ di questo e … continua »

Voglio un vino fatto come si deve

Voglio un vino fatto come si deve

Fanculo voi, il brett, la macerazione. E pure l’uccello femmina dal collo lungo, il tea, la resina, il solvente. Per non dire della stalla, di afrori altri e delle riduzioni tutte. Dio vi ha dato cinque sensi, perché non li … continua »

Vino, la mia parte intollerante

Vino, la mia parte intollerante

Ma se tua figlia ti guarda e chiede – d’occhio, di tocco o di mezze parole – “Papà, ho bisogno che tu per me faccia…”.

Se, come accade a chi diventa padre, questa domanda presto o tardi arriva, tu, formerly continua »

Il Lambrusco, per me questo sconosciuto

Il Lambrusco, per me questo sconosciuto

Beata ignoranza, non so un accidente di Lambrusco.

Ne ho assaggiati diversi senza mai capirci molto se non che:
-mettono allegria (sì lo so, suona tipo: hanno il ritmo nel sangue);
-si maritano al cibo in modo imbarazzante;
-credo di
continua »

9 motivi per cui non dovrei scrivere di vino + 1

9 motivi per cui non dovrei scrivere di vino + 1

Se ti muovi dentro una scheda di degustazione → sei ingessato

Se fai il blogger → sei poco serio

Se dici cose serie → non vai bene per internet

Se scrivi scarno ed essenziale → comprati un dizionario

Se scrivi … continua »

Farlo strano in Irpinia: il fiano macerato sulle bucce

Farlo strano in Irpinia: il fiano macerato sulle bucce

Pensiero (lungo) della sera.

Bevuto questo fiano di Calitri, due mesi sulle bucce, solo acciaio e produttore che, a quanto pare, come natura crea. Azienda Tufiello, una qualche parentela con quelli di Tenuta Grillo ma orientata a sud. E in … continua »

Un vino per l’estate, anzi, due

Un vino per l’estate, anzi, due

Estate di prossima inaugurazione, tra mattonelle a bordo piscina e acrilico dei costumi.

Un po’ dappertutto vestiti corti, sottili, stampati nel colore. E luce insistente, tanto da perderci le diottrie. Col sole ti guardano tutti da una fessura, alla Charles … continua »

Più il vino invecchia, più è di qualità. Ma è sempre vero?

Più il vino invecchia, più è di qualità. Ma è sempre vero?

Alcuni giorni fa leggevo nell’Internet una riflessione sul tempo e il valore che avrebbe la capacità di un vino di farvi fronte. L’argomento erano i rosati e il pezzo esordiva con una considerazione che riporto integralmente “Purtroppo sono quasi sempre … continua »