vini del piemonte

È morto Pio Boffa

È morto Pio Boffa

Ci sono personaggi che mettono entusiasmo e vitalità solo a vederli: Pio Boffa, viticoltore in quel di Alba con l’azienda Pio Cesare, era uno di questi.

Era, perché il maledetto Covid lo ha strappato ai suoi cari ed … continua »

Un’idea diversa di Barolo: Tre Tine di Beppe Rinaldi

Un’idea diversa di Barolo: Tre Tine di Beppe Rinaldi

“Ragazzi, ditemi un po’: cosa ne pensate della deriva berlusconiana di questo Paese?” Non fraintendete, non mi sono svegliato credendo di essere un giornalista de Il Fatto Quotidiano, questa è la domanda a bruciapelo che mi ha fatto una persona, … continua »

Smettetela di sottovalutare il grignolino!

Smettetela di sottovalutare il grignolino!

La premessa è che non conosco il grignolino, ma chi, fra i non piemontesi, lo conosce veramente?

Ai corsi da sommelier lo senti nominare, certo, ma poi alla lezione sul Piemonte mica ti fanno degustare un grignolino. Nebbiolo, barbera, semmai … continua »

Il Barolo gentile di Livia Fontana

Il Barolo gentile di Livia Fontana

È fine gennaio, e le giornate nelle quali si può apprezzare il cielo azzurro non sono poi molte.

Sono partito da quasi un’ora, direzione Castiglione Falletto quando ad un tratto scorgo una macchia bianca tra il grigio asfalto e il … continua »

Roero, l’altro vino rosso piemontese

Roero, l’altro vino rosso piemontese

L’emersione del Roero e delle sue colline risalgono a 3 milioni di anni fa ma solo negli ultimi dieci anni si può parlare di presa di coscienza del valore dei vini da parte del pubblico. Molto prima quella dei produttori … continua »

Barolo 2016, 9 bottiglie all stars per capire se è l’annata del secolo

Barolo 2016, 9 bottiglie all stars per capire se è l’annata del secolo

Arriviamo forse per ultimi a dirlo ma la 2016 a Barolo, e in generale in tutta Italia, è una vendemmia destinata a far parlare di sé a lungo e che sarà vista come spartiacque come a suo tempo lo fu … continua »

Grandi classici sconosciuti: il Barolo Chinato di Barale

Grandi classici sconosciuti: il Barolo Chinato di Barale

Classici. Ci sono quelli che lo diventano ed altri che già lo sono. Mentre scrivo ho nelle orecchie “Royal Tea” l’ultimo disco di Joe Bonamassa e lui è perfettamente l’esempio di cui sto parlando. Già un classico nonostante … continua »

Arnaldo Rivera e il Barolo MGA: la svolta che aspettavamo?

Arnaldo Rivera e il Barolo MGA: la svolta che aspettavamo?

La coop nel vino è sempre stata una fourletterword per l’Italia in quanto da sempre quasi esclusivamente indicatore di vini banali e di interessi economici più che di amore per il territorio, meno che mai per la qualità del vino … continua »

Bramaterra Noah, il tesoro nascosto sotto il Monte Rosa

Bramaterra Noah, il tesoro nascosto sotto il Monte Rosa

A Bramaterra non si può arrivare.

Non si può arrivare perché non c’è una strada. Non c’è una strada perché Bramaterra non esiste. La furia del Sesia che si è ingozzato di pioggia ha spazzato via un ponte che invece … continua »

Una vite da mediano: il comprimario Dolcetto

Una vite da mediano: il comprimario Dolcetto

Sfogliando vecchi almanacchi calcistici che ogni tanto saltan fuori riordinando casa, leggo e mi imbatto in iconiche squadre del passato, grandi giocatori, capitani e bomber, che con i loro gol o gesta sono entrati nel cuore di sportivi e tifosi. … continua »

Laboro, il disobbediente che voleva essere un Barolo

Laboro, il disobbediente che voleva essere un Barolo

Alessandro e Gian Natale Fantino, barolo boys di Monforte d’Alba, fino agli inizi degli anni 80 vendevano vino e uva a terzi.
Alessandro fu anche dal 1981 al 2000 cantiniere di Bartolo Mascarello. Dal 1998 però iniziò a dedicarsi … continua »

#iorestoacasa: Il Rabajà di Cortese non risolve i problemi però aiuta

#iorestoacasa: Il Rabajà di Cortese non risolve i problemi però aiuta

L’effetto peggiore di questa voragine spazio-temporale in cui siamo cascati è che mi si sono atrofizzati i pensieri. Ora che è tutto congelato, s’è paralizzato pure il mio cervello, anche disponendo di tutto il tempo e l’agio immaginabili.
Mi sento … continua »