Confessioni pubbliche: il junk-drink è il mio peccato. Pure il tuo, però

di Antonio Tomacelli

Davanti a un piatto di patatine fritte affogate nel ketchup neanche il foodie più integerrimo dirà mai di no. Magari saranno patate fritte a mano (Pasquale Torrente, i suppose?) e il ketchup è biologico ma tra le grinfie del cibo-spazzatura — junk-food, per chi conosce le lingue — prima o poi ci cascano tutti. Se siete tra quelli che salivano come cagnolini in presenza di un Filet-O-Fish o perdono le loro notti sperimentando la panatura ottimale per il pollo fritto, beh, sapete di che parlo: il junk-food è lo scheletro nella dispensa di ogni gastrofighetto degno di questo nome.

E di quei loschi figuri che passano il loro tempo affogando il naso nel bicchiere alla ricerca dei sentori di bue muschiato, cioè noi enostrippati, ne vogliamo parlare? Abbiamo anche noi un vizietto da nascondere tra uno sciatò e un brunello o l’enoico mondo è scevro dalle lusinghe mondane? Manco per il cavolo! Ammettiamolo una volta per tutte, i nostri armadi pullulano di scheletri che neanche ad Halloween: le nostre notti sono invase dai fantasmi delle sambuche molinari, disturbate dall’incubo del Vov e possedute dallo spirito dell’amaro montenegro.

Certo, anche noi mascheriamo le nostre debolezze illudendoci con Limoncelli Gran Cru e digestivi alle erbe d’alpeggio raccolte da vergini al chiaro di luna ma sempre di junk-drink si tratta.

Uh, guarda, senza volerlo ho coniato un neologismo da niente: junk-drink.

P.s.: a questo punto dovrei chiedervi qual è il vostro alcol-spazzatura di riferimento ma mi è venuta una voglia di quell’orrenda crema al whisky che lèvati. Fate come se.

 

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi e Stefano Caffarri il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

2 Commenti

avatar

Paolo A.

circa 8 anni fa - Link

junk drink neologismo? dai, per favore...

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 8 anni fa - Link

...quali superalcolici quando non bevo vino? Roba così.[img]http://img571.imageshack.us/img571/6863/mcaq.jpg[/img]

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.