Vigneron del futuro: Stefano Amerighi da Cortona

di Alessandro Morichetti

bottiglia di SyrahDomanda: come può essere così buona la prima annata di produzione di un vino? E non stiamo parlando dell’ennesima cantina superfamosa. Almeno per ora, questa è l’unica etichetta di un apprendista vigneron: il Syrah di Stefano Amerighi è una piccola perla dell’enologia toscana.

Studi in scienze politiche applicati all’enologia per seguire una vocazione – fare vino, farlo buono e pure biodinamico. Pochi e apparentemente semplici gli ingredienti della ricetta: potatura e lavorazioni del terreno scandite da fasi lunari e planetarie, sovesci invernali, esclusivamente rame e zolfo per i trattamenti in vigna, fermentazioni spontanee con lieviti indigeni, senza aggiunta di solforosa e controllo della temperatura. Ci aspettavamo un vino in fieri, ci siamo ritrovati ad assaggiare due campioni – 2006 (annata d’esordio) e 2007 – diversi ed eccezionali.

Il primo bicchiere offre un naso di tabacco e spezie che inseguono la carnosità di un frutto rosso ben bilanciato: lo spettro olfattivo è intrigante e composito, ora marascato ora floreale. L’intensità – prepotente fin dall’ingresso in bocca – non è affatto fuori dalle righe, il calore alcolico bilancia bene i tannini, dovuti forse ai legni nuovi (dosare con parsimonia!). Vino di personalità e già interessante di suo, cede il passo al cospetto di un 2007 dalla severa maturità espressiva. Al naso è ampio su toni di frutta rossa dolce, cioccolato, cuoio,  note floreali, agrumate e speziate, l’odore richiama il naso nel bicchiere, fluttua, si apre e chiude a fisarmonica. Davvero sorprendente. La bocca è armonizzata e il tannino più definito: un vino che entusiasma. Il merito di vini così andrebbe ricercato nel mix di svariati fattori: azzeccato abbinamento vitigno-condizioni pedoclimatiche (le viti reimpiantate provengono da una selezione fatta nella valle del Rodano), rigore produttivo di tutto rispetto e bravura nell’affidarsi a consulenti – Federico Staderini, l’enologo, ma anche Vincenzo Tommasi, Michele Lorenzetti, Pierre Masson, Michele Tremori e Francois Bouchet – che sanno convogliare una volontà produttiva senza snaturarla.Stefano e Micaela Amerighi

Le bottiglie sono poche, non arriveranno a 10.000. Il prezzo sullo scaffale è ambizioso, sui 20 euro, in attesa di un Syrah base più abbordabile. Bella storia, di vino e non solo, quella di Stefano. Progetti futuri? Oltre il vino, la produzione, sempre seguendo dettami  “naturali”, di cereali, ortaggi e frutta. Con la benedizione di don Vannuccio, il prete-cacciatore che non si perde una vendemmia.

Az. Agr. Stefano Amerighi
Poggiobello di Farneta – 52044 Cortona (Ar)
info@stefanoamerighi.it

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

5 Commenti

avatar

RAMPAVIA

circa 10 anni fa - Link

Grazie per la segnalazione e l'ottima descrizione dei vini. Con buona probabilità andrò dalle parti di Cortona prossimamente e spero di aver la possibilità di visitare l'azienda di Stefano Amerighi.

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 10 anni fa - Link

Per Andrea è il syrah più buono d'Italia. Ho assaggiato anche Baracchi, Fontodi e D'Alessandro ma il ricordo più nitido e sorprendente rimane questo. Suggestione o realtà? Ne sentiremo parlare: al top dell'armonia, con piante dalle ossa robuste e legni calibrati (più grandi o più vissuti), sarà un gioiellino.

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 10 anni fa - Link

E' il Syrah che più ricorda i francesi della Valle del Rodano. A Firenze ce lo beviamo anche a bicchiere, grazie ad un amico enotecario che ha creduto nel vino di Stefano fin da subito. @Alessandro: la sensazione di legno timidamente abbondante nel 2006, mi pare non sarà un problema del 2007. Che dici?

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 10 anni fa - Link

Esatta percezione avuta a Merano. Produttore consenziente, e di questi tempi trovarne uno che possa convenire su un timido eccesso di legno è grasso che cola.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.