Vini d’Italia 2012 del Gambero Rosso | Premi speciali e bullismi incontenibili

di Antonio Tomacelli

Attimi di bullismo incontenibile e una redazione trattenuta a stento: queste le prime reazioni quando le agenzie hanno battuto la notizia che Mattia Barzaghi è la “Cantina emergente dell’anno” per la Guida del Gambero Rosso. Il pluridecorato redattore Andrea Gori, autore dello storico degupost-in-piscina, per dire, è ancora in piena crisi isterica. Lo stiamo curando con dosi da cavallo di Tavernello intramuscolo, ma continua a urlare “l’ho scoperto io!”. Alla notizia che il Lambro di Paltrinieri è il vino con il “miglior rapporto qualità/prezzo” invece, un altro redattore — uno alto e molto ma molto marchijano — ha inforcato bici e mazza da baseball. Ora è segnalato dalle parti dei Colli Bolognesi, per cui occhio: nuoce gravemente alla salute. Ci tacciamo sul resto solo perchè il “nuovo corso” del Gambero Rosso post-Cernilli è ancora sotto osservazione ma, hey! vi teniamo d’occhio.

Ora scatenatevi pure senza risparmiare colpi. Come sparring partner siete sensazionali.

La Cantina emergente | Mattia Barzaghi
La Cantina dell’anno | Tasca d’Almerita
Miglior rapporto qualità/prezzo | Lambrusco di Sorbara Lecllisse 2010, Gianfranco Paltrinieri
Il Bianco dell’anno | Verdicchio dei Castelli di Jesi Superiore V.V. 2009, Umani Ronchi
Il Rosso dell’anno | Carignano del Sulcis Superiore Arruga 2007,  Sardus Pater
Le Bollicine dell’anno | Franciacorta Extra Brut 2005, Ferghettina
Il Dolce dell’anno | Cristina V.T. 2008, Roeno
Il Viticoltore dell’anno | Sergio Mottura, Giuseppe Russo
La viticoltura sostenibile | Alois Lageder

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

13 Commenti

avatar

carolina

circa 8 anni fa - Link

bravo a mattia, se lo merita tutto questo premio, e anche i 3 bicchieri!

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 8 anni fa - Link

Tra l'altro un altro grande risultato raggiunto, è il perfezionamento dello stile a farfalla del Gori. PS: Ferghettina, ci sta. E' molto buono

Rispondi
avatar

Franco Ziliani

circa 8 anni fa - Link

Vi conviene intensificare le cure da cavallo per il vincitore della finale italiana del Concorso Ambasciatore dello Champagne! E' così convinto di avere scoperto tutti, forse anche l'uva ed il vino, che viene così celebrato "I recenti riconoscimenti di Mattia Barzaghi con La Vernaccia e di Michele Braganti con il Sangiovese, festeggiati assieme ad Andrea Gori il loro primo pigmalione; fresco vincitore delle selezioni Italiane per il Concorso Ambassadeur de Champagne. La Firenze del Vino festeggia Assieme!!!!" come "pigmalione" di un Chianti Classico di cui altri avevano scritto già anni fa... Sembra un po' il Pippo Baudo nella parodia di Gianfranco D'Angelo al Drive In: "l'ho inventato io!"...

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 8 anni fa - Link

Quello è colpa mia....

Rispondi
avatar

gianpaolo paglia

circa 8 anni fa - Link

Se posso dire, uno dei primi scopritori di Mattia (oltre a Simone Morosi, ovviamente) fu Christian Bucci. Ricordo che Simone, credo ormai 3 anni fa, mi mando dei campioni di Vernaccia da fare assaggiare per Grosseto (visto che a tempo perso vendiamo anche vini di altri), che pero' non suscitarono un entusiasmo particolare nei "guru" della zona. Dopo pochi mesi, a Merano, Christian Bucci (Les Caves de Pyrene) venne da me a dirmi "ho trovato la Vernaccia piu' buona del mondo". Da allora tutti quelli che non erano entusiasti cominciarono ad esserlo. Prima morale: se credi in un vino, non ti curare di quello che dicono gli altri Seconda morale: Christian Bucci e' fenomenale nello scoprire vini che poi tutti dopo scoprono (Roccalini, Picariello, Barzaghi e millanta altri) Terza morale: Gori col sigaro in piscina e' la dimostrazione vivente di "Crisis? What crisis?"

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 8 anni fa - Link

...Tasca d'Almerita cantina dell'anno?

Rispondi
avatar

she-wolf is back

circa 8 anni fa - Link

Il Rosso che Conta.

Rispondi
avatar

Massimo D'Alma

circa 8 anni fa - Link

Che tristessa, vero?

Rispondi
avatar

A3C

circa 8 anni fa - Link

io so il barone Tasca e tu te prendi in saccoccia mio caro...

Rispondi
avatar

A3C

circa 8 anni fa - Link

io so il barone Tasca e tu te lo prendi in saccoccia mio caro...

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 8 anni fa - Link

in rete affermare "l'ho detto prima io" è come giocare a chi ce l'ha più lungo. Non mi interessa e non mi ci metto in genere. Nella fattispecie Antonio ha voluto ribattere non tanto la primogenitura su Barzaghi (oltretutto il vino mi fu segnalato proprio da Simone Morosi e non "trovato" per caso) quanto il fatto che all'epoca tutti ci scherzarono perchè la degustazione in piscina non sarebbe servita a far conoscere quel vino e che avrebbero dovuto radiarmi dall'AIS. E invece. Su Monteraponi potete provare quanto volete e vi accorgerete che ne parlai a Febbraio 2007 con il plauso alla Riserva 2003. Mi pareva assurdo un vino così buono senza il Merlot ;-) Ma anche lì devo ringraziare Riccardo Bellini uno degli agenti più attivi e svegli di Firenze che mi portò al banchino dell'azienda presente all'Anteprima del Chianti Classico alla Leopolda. Poi se vogliamo vedere in maniera scientifica http://cruvee.com/ divertitevi a scoprire come si viene a sapere di queste due cantine sul web in ambito anglosassone http://bit.ly/rfd0se e http://bit.ly/oYnDQD

Rispondi
avatar

Franco Ziliani

circa 8 anni fa - Link

dai Gori so che ci tieni, ce l'hai più lungo tu. Sulla fiducia non mi interessa controllare... :)

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 8 anni fa - Link

Ehm...datevi un contegno, su :-)

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.