Non siamo pronti per l’abbinamento cocacola/cucina italiana, specie se lo chef è Simone Rugiati

di Antonio Tomacelli

L’abbinamento coca/cozze giuro che l’ho provato e ho dato di stomaco per due giorni. Non andò meglio con le orecchiette e cime di rapa, il cui deciso sapore amarognolo fu seppellito da una coltre di zucchero, né posso dire mi abbia mai soddisfatto l’accoppiata torcinelli/Cocacola: per le delicate interiora di agnello alla brace, ammettiamolo, servono tutt’altre bollicine. Insomma, la bibita americana è come lo chef-per-insufficienza-di-prove Simone Rugiati: che c’azzecca con la cucina italiana? Niente, ovviamente, ma il marketing è de’ coccio e, ostinatamente, vuole convincerci del contrario. I nuovi spot aziendali, ad esempio, apparecchiano tavola nelle piazze italiane e la prima a subire le prodezze di Rugiati è Napoli. Seguiranno altre vittime? Al momento non sappiamo ma un consiglio ci permettiamo di girarlo ai prodi pubblicitari del colosso ammeregano: lasciateci perdere, innaffiare di Cocacola le nostre tagliatelle, gli spaghetti con le vongole, il risotto ai porcini, la coda alla vaccinara, la pasta e fascioli e l’abbacchio a scottadito è un crimine contro l’umanità previsto dalla Convenzione di Ginevra.

A noi italiani piace da sempre pasteggiare a vino che, pur nella temibile versione frizzantino/amabile, abbiniamo felicemente alla pasta al forno di mammà. Ma poi dico io: avete mai visto un nonno italiano che porge al nipotino un bicchiere con due dita di coca annacquata? Mi volete distruggere l’icona massima dello svezzamento alcolico?

Insomma, convincetevi: l’abbinamento Cocacola/Cucina Italiana non fa per noi e se ci riprovate scateno i nostri lettori, gente dura che nella vita ha provato di tutto. Anzi, lo chiedo subito: qual è l’abbinamento vino/cibo della vita, la madeleinette che vi fa piangere come vitelli al solo ricordo?

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi e Stefano Caffarri il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

30 Commenti

avatar

Simone e Zeta

circa 8 anni fa - Link

Un poveretto.

Rispondi
avatar

maurizio fava

circa 8 anni fa - Link

ci dovrebbe essere un limite anche alle marchette, ma che ci volete fare... dopo gli chef che usavano il dado da brodo-glutammato, il tavernello e i cossanesi che facevano la reclame al buon vino disalcolato di barolo... che sarà mai un rugiati da Atlanta? Quello che questi signori non sanno è che la "orrenda bevanda gassata" (ipse dixit!) viene usata dai veri amanti della buona cucina italiana solo in rare occasioni, quando è indispensabile un gran rutto liberatorio...

Rispondi
avatar

valeria

circa 8 anni fa - Link

ben detto

Rispondi
avatar

Giusepponi Mauro

circa 8 anni fa - Link

Cosa si fa x il ''dio denaro''!!!!!...che schifo

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 8 anni fa - Link

Ma da quando hanno permesso l'uso alimentare di quel liquido per levare la ruggine al ferraccio?

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 8 anni fa - Link

Per bere la coca-cola non c'è bisogno di bicchieri, un bel risparmio. Il bicchiere si usa quando alla bevanda si accompagnano cubettoni di ghiaccio. Così il crimine è doppio. Voi fate gli spiritosi, ma io ho il ricordo di autorevoli pluripremiati produttori italiani in trasferta che pasteggiavano a coca-cola. Lo facevano gratis, senza prestare il volto a marchette. E senza ruttare.

Rispondi
avatar

maurizio fava

circa 8 anni fa - Link

infatti ho scritto "veri amanti della buona cucina italiana", mica produttori di vino in trasferta... ;-)

Rispondi
avatar

pietro

circa 8 anni fa - Link

Che spot tremendo! Intento chiaro di espandere l'utilizzo della bevanda oltre al classico pizza e cola, noi scandalizziamoci per la marketta di Rugiati ma consoliamoci: non siamo in USA, la vedo dura che il messaggio sia digeribile, con rutto o meno.

Rispondi
avatar

Fabrizio Giorgi

circa 8 anni fa - Link

C'è un errore nel titolo, Simone Rugiati non è e non è mai stato uno chef. Da quel che so quando ha frequentato le cucine di ristoranti l'ha fatto da stagista o da commis.

Rispondi
avatar

Fabrizio Giorgi

circa 8 anni fa - Link

M'è partito l'invio. Volevo aggiungere che è un personaggio televisivo, vive di televisione e trovo naturale che faccia pubblicità come tutti i suoi colleghi, intendo quelli che vengono scelti dalle aziende e dalle agenzie. Buon per lui. Buona cochina fresca a tutti.

Rispondi
avatar

Paola

circa 8 anni fa - Link

E la domanda di Antonio? No, perché sparare sulla crocerossa è davvero troppo facile dunque mi asterrò dal dir qualcosa sullo spot e sul suo improbabile testimonial :-P Io ho un abbinamento semplice ed arduo al quale tengo molto, (sebbene non l'abbia mai ripetuto) ed è il seguente: pizza e Brunello di Montalcino (non ne ricordo né l'annata né la cantina), in sé forse nulla di trascendentale, ma è l'occasione che merita: maggio 2006, la sera in cui comunicai ai miei amici più cari che era appena finita una mia storia d'amore (e convivenza) durata 13 anni, loro si precipitarono da me, noncuranti del fatto che ci fossero i festeggiamenti di San Nicola (per chi conosce Bari sa che arrivare in zona lungomare è un'ardua impresa!). Riuscimmo a fendere la folla, scappare dal gran caos, comperare delle pizze al volo e andammo su alcuni scogli a mangiarle, stappando quella indimenticabile bottiglia che un mio carissimo amico (sapendo che non l'avevo mai bevuto!)aveva deciso di portare per "celebrare" il momento, con tanto di fuochi d'artificio in lontananza e quei sapori preziosi e consolatori come poco altro al mondo. Ecco, tutto qui. :-)

Rispondi
avatar

Manilo

circa 8 anni fa - Link

Al peggio non c'è mai fine, ma vi è mai capitato di andare al ristorante con amici, magari ti prendi piatti tipo rigatoni con la pagliata,pappardelle al cinghiale,piatti che meritano di bere solo vino neanche l'acqua, magari dipende da chi c'è fra i commensali io mi posso adattare anche al vino della casa,giuro ma non sopporto chi te ordina la cocacola e anche l'aranciata. Con questa pubblicità sarà più difficile educare a mangiare bene.

Rispondi
avatar

Msimone

circa 8 anni fa - Link

Spero che in seguito alla decisione di fare da testimonial per la CocaCola non riceva una fatwa. Simone Rugiati è sostanzialmente un presentatore televisivo, non è percepito come un grande chef, un pò come Alessandro Borghese. Pertanto non mi preoccuperei per i possibili condizionamenti.

Rispondi
avatar

Roy

circa 8 anni fa - Link

Questo abbinamento mi ricorda un Alessandro Borghese che markettava i quattro salti in padella :O Comunque penso che il ceto medio basso italiano pasteggia molto con la ruttocola....quindi ci sta.

Rispondi
avatar

giorgio m

circa 8 anni fa - Link

Rugiati... XXXXXXXXX! Essù, Giorgio, una battuta meno scontata... (A.T.)

Rispondi
avatar

giorgio m

circa 8 anni fa - Link

il mio sogno è essere scontato, forse il pop è la mia cifra...

Rispondi
avatar

postatore_occasionale

circa 8 anni fa - Link

l'abbinamento del ricordo (buono per il momento della vita ma gastronomicamente pessimo ) e' un pranzo dagli hare krsna, tutto vegetariano e molto buono, soprattutto i dolci. per motivi religiosi non servivano alcolici ma succo d'uva, un po' dolce ma niente di tragico finche' non l'ho bevuto insieme a un dessert di latte cagliato (sandesh mi pare...) non ho sputato solo per rispetto un abbinamento che mi ha positivamente colpito per l'elevata sinergia e la marcata trasformazione dei sapori originari e' invece quello tra il bianco malesan, mi pare chardonnay (non uno di pregio, quello economico del supermercato) assieme alla mozzarella fritta (fette di fior di latte vaccino impanate con uova, pangrattato, timo e fritte in olio evo). purtroppo in questo caso il pasto l'ho consumato in un momento della vita non particolarmente esaltante

Rispondi
avatar

Silvia

circa 8 anni fa - Link

sul povero Rugiati non sparo perché il tiro al piccione mi appare disumano. sulla cocacola nemmeno perché è partita persa. quindi la madeleine: porto ed un gran tocco di cioccolato con le nocciole, una sera d'inverno, con i piedi nudi nelle "sue" mani davanti al caminetto. bello spot anche questo, in effetti... p.s.: poi "lui" è ovviamente sparito, ma il ricordo è splendido.

Rispondi
avatar

Aneles

circa 8 anni fa - Link

Io in questi commenti sento un'acidita' oltremisura, peccato, ci sarebbe tanto da fare per promuovere la cucina italiana anziché pensare a Rugiati e alla Coca cola...

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 8 anni fa - Link

Sarebbe la prima cosa che dovresti dire allo stesso Rugiati invece che ai commentatori, non credi?

Rispondi
avatar

Francesco Annibali

circa 8 anni fa - Link

risling robusto con un filo di zucchero (alsazia, pfalz, wachau) - carbonara porto fruttato e freddo - frutta fresca porchetta - matelica dolcetto - resto del mondo nei sogni: risotto di Leveillé e Krug Collection vecchio di 30 anni (rutto libero)

Rispondi
avatar

OK MORANDO SERGIO Crocefieschi Genova Malpotremo Lesegno Italia Argentina San Morando

circa 8 anni fa - Link

La bevanda di bollicine americana C...C... può andare bene solo per un cibo Italiano :la pizza che in alternativa può essere accompagnata da una birra Italiana..per delle tantissime pietanze Italiane è quasi d'obbligo al 99% l'insuperabile e ineguagliabile Italico VINO Morando

Rispondi
avatar

allievo divino

circa 8 anni fa - Link

Tortelloni ripieni di foie gras e astice con salsa al porto-ribolla Gravner Billecart Salmon rosé e...non ricordo più cosa stavo mangiando perchè lei era così meravigliosa!

Rispondi
avatar

Francesco Annibali

circa 8 anni fa - Link

quei tortelloni mi sembrano un piatto di arduo abbinamento (detto da uno che notoriamnte non ci capisce niente). La ribolla "concordava" (non credo), "reggeva" (ho dei dubbi) o "rimandava" (cosa che posso credere)?. Sono ccose diverse, prima o poi andranno approfondite

Rispondi
avatar

allievo divino

circa 8 anni fa - Link

Il piatto era sicuramente difficilotto. L'unico aspetto di "concordanza" era a livello cromatico, in pratica una (piacevole) variazione intorno all'arancione. La ribolla camminava su un filo a 20 metri di altezza mentre il tortello le lanciava bordate di porto e foie gras...a mio parere la rebula ha "retto". Anzi sembra che, arrivata sulla pedana, abbia anche mostrato il dito medio al tortello smargiasso. Che carattere!

Rispondi
avatar

Elena

circa 8 anni fa - Link

Il mio primo ricordo : panettone e moscato d'asti tanto indimenticabile che almeno a natale la tradizione va mantenuta.

Rispondi
avatar

claudioT

circa 8 anni fa - Link

Caprese e CocaCola o Crostata di mele e Aranciata non sono male come abbinamento per contrasto da regola AIS...

Rispondi
avatar

mariateresa carlucci

circa 8 anni fa - Link

ho visto di peggio! la mia madeleine resta invariata nel tempo: è il pancotto che preparava mia madre con il pane pugliese. Un capolavoro della cucina povera, difficilissimo da fare a regola d'arte. Per quanto riguarda l'abbinamento con il vino... ...ahimè, sono astemia totale!

Rispondi
avatar

ceedub

circa 8 anni fa - Link

questi commenti sono talmente insopportabilmente snob che mi viene voglia di aprire una boccia di coca al pranzo di natale fatto cucinare da rugiati (e detto da uno che la coca la beve solo occasionalmente e la tv la guarda ben poco è tutto dire)

Rispondi
avatar

alcool duro

circa 8 anni fa - Link

coca cola e spaghetti ketchup/olive. magia dei 15 anni altro ricordo è merenda salame e vinaccio rosso tagliato con seven up dopo una gita massacrante in valle d'aosta

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.