L’oggetto misterioso

di Antonio Tomacelli

Per questa volta non crocifiggeremo le teste da marketing che hanno ideato la…beh, scopritelo dopo il salto di pagina.È  la bag-in-box più cool del momento, almeno in Svezia. Prodotta dalla Nordic Sea Winery ha vinto la medaglia d’oro per il design innovativo durante il “Carton Award” di Shanghai. Per ora contiene Chardonnay e Viognier ma una Negroamaro version non ce la vedrei male.

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

5 Commenti

avatar

Nelle Nuvole

circa 9 anni fa - Link

E già, questa é l'amara verità, in Svezia e credo anche in Norvegia, il vino bag in box copre almeno il 50% del mercato. Con i costi del monopolio, spesso i grandi bevitori nordici si devono accontentare dei vini "inscatolati", dove la confezione conta più del contenuto.

Rispondi
avatar

gianpaolo

circa 9 anni fa - Link

io credo che il baginbox sia un alternativa credibile alla bottiglia per un ampissima fetta dei vini che non sono destinati o pensati per invecchiamento, e che a ben guardare rappresentano probabilmente il 90% della produzione. Il vetro costa, sia acquistarlo che trasportarlo che riciclarlo, i tappi anche. In Svezia trovi baginbox di molte aziende jtaliane che si vergognerebbero di fare la stessa operazione in Italia, ma io penso che non dovrebbero vergognarsi.

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 9 anni fa - Link

Non credo che sia vergogna, ma mercato e anche organizzazione. Il BIB conviene quando si fanno grandi numeri, quando c'é anche un cliente (Monopolio) che é disposto a rischiare e ci sono strutture in grado di provvedere degnamente all'"inscatolamento", cioé con un impianto adeguato per funzionalità e igiene. In Italia non siamo culturalmente preparati ad accettare il BIB, che é una cosa molto diversa dal brick. Per me é meglio così, anche se riconosco a tanti vini confezionati in BIB più sincerità di altre operazioni commerciali ben più pretenziose.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.