Come Bartali nel Tour: Marco Chiesa è Ambassadeur du Champagne!

di Andrea Gori

Per la prima volta, l’Italia vince l’ambito trofeo Ambassadeur du Champagne, concorso che vede ogni anno i migliori formatori e comunicatori dello Champagne d’Europa in gara per aggiudicarsi l’onore di rappresentare lo Champagne nel mondo. In passato grandi comunicatori italiani come Roberto Bellini, Leonardo Taddei e Marco Anichini  ci avevano provato senza successo, perdendo contro vari Master of Wine stranieri. Stavolta invece Marco Chiesa è stato più forte di tutto e tutti, relegando Francia e Spagna al secondo e terzo posto. Siamo tutti orgogliosi di Marco oggi, e mi sento meglio persino io visto che nella finale italiana di Settembre la giuria ci aveva messo un’ora e mezzo per decidere se mandare ad Epernay Marco oppure  il sottoscritto!

Ecco la classifica finale, non ancora resa nota sul sito ufficiale (per il classico sciovinismo francese?).

Italia: Marco CHIESA – wine consultant, formateur

Spagna: Daniel CORMAN – Directeur et professeur d’un club de dégustation à Bilbao

Francia: Charles SAVARY – Directeur de l’agence People and wine

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

3 Commenti

avatar

Roberto Anesi

circa 11 anni fa - Link

Che bellissima notizia!!! Nn conosco Marco personalmente ma sono davvero orgoglioso per questo risultato!!! Complimentissimi Marco, davvero!!!

Rispondi
avatar

Francesco Marchio

circa 11 anni fa - Link

Tanti complimenti anche da parte mia!

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.