La Casa di Carta in quarantena

La Casa di Carta in quarantena

di Alberto Muscolino

It.: Professore… professore… che sta succedendo??! Non abbiamo sue notizie da giorni, la situazione ci sta sfuggendo di mano!

Professore: calmati It.! Fai un bel respiro e stammi a sentire. Mi sono dovuto muovere continuamente, le protezioni non sono bastate e quasi ci rimettevo le penne. Qua fuori è un inferno, ma non possiamo permetterci di mollare. Dobbiamo mantenere il controllo e lo faremo tutti insieme, attenendoci al piano.

It.: professore qui abbiamo rischiato un ammutinamento, gli ostaggi sono allo stremo delle forze, è già la quinta settimana che cerchiamo di distrarli facendogli impastare quintali di pane, pizza e pasta all’uovo. E’ quasi finito il lievito, e la farina di semola ormai è un lontano ricordo. Bisogna fare qualcosa cazzo!

Professore: ok…ho capito… è arrivato il momento… organizza la squadra, passiamo al protocollo “ebbrezza totale”. Quante munizioni vi sono rimaste?

It.: 5 casse di rifermentati atomici, 3 di macerati estremi, 2 di rossi da appassimento incontrollato, una di lambrusco di sorbara e una di bianco trentino.

Professore: molto bene! Usatele tutte, sai cosa fare, ma lascia le ultime 2 per dopo.

It.: ma che sta dicendo maledizione?! Dopo quando??! Non sappiamo nemmeno se arriveremo a stasera, questa è una fottuta gabbia, una quarantena forzata, non usciremo mai da qui!!!

Professore: adesso basta! Ti ho detto che tutto andrà bene, ma dovete fidarvi di me! Resistete, mantenete i nervi saldi e continuate a seguire il piano. Uscirete molto presto e una volta fuori ci riabbracceremo e avremo bisogno di festeggiare e ballare e stappare come non abbiamo mai fatto prima.”

Fino a poco tempo fa nessuno avrebbe confuso il confine tra la serie televisiva e la realtà, ma adesso le differenze si sono fatte sempre più sfumate e siamo più vicini che mai ai personaggi della Casa di Carta. Anche noi reclusi, al limite delle nostre risorse psicologiche, ci affidiamo ai piani del Professore e speriamo che finisca presto. Nel frattempo possiamo optare per una versione light del protocollo “ebbrezza totale” che chiamerei “ebbrezza distillata”. Una goccia al giorno o un calice se preferite, e visto che quelle due casse le ho conservate anch’io vi dico di che si tratta e comincio a prenderne qualche bottiglia:

il più beverino e “temibile” è il sorbara 2015 metodo classico Rosè brut di Cantina della Volta. L’annata lo ha reso così equilibrato e succoso che una bottiglia finirà prima ancora di capire che cosa si sta bevendo. Il lambrusco, così, può arrivare molto lontano…

Il bianco trentino è il Maso Franch di Cantina Lavis, incrocio manzoni e chardonnay, acciaio e legno. Tanta sostanza, frutta, idrocarburi, sale e miele (e un leggerissimo residuo zuccherino). E’ uno di quei vini da piccoli sorsi e tanti pensieri, seduti sul divano, comodamente. La bottiglia si berrà lentamente, ma non c’è nessun pericolo a lasciarla per l’indomani, sarà ancora più buona.

Manteniamo la calma, beviamo bene e restiamo a casa. Andrà tutto a meraviglia.

avatar

Alberto Muscolino

Classe '86, di origini sicule dell’entroterra, dove il mare non c’è, le montagne sono alte più di mille metri e dio solo sa come sono fatte le strade. Emigrato a Bologna ho fatto tutto ciò che andava fatto (negli anni Ottanta però!): teatro, canto, semiotica, vino, un paio di corsi al DAMS, vino, incontrare Umberto Eco, vino, lavoro, vino. Dato il numero di occorrenze della parola “vino” alla fine ho deciso di diventare sommelier.

3 Commenti

avatar

vinogodi

circa 7 mesi fa - Link

... aggiungi un Pelaverga di Burlotto bello freddo e un Phermento di Ermete Medici , armi di distruzione di massa...

Rispondi
avatar

vinogodi

circa 7 mesi fa - Link

...anzi ... di "distrazione" di massa ...

Rispondi
avatar

Sancho P

circa 7 mesi fa - Link

Sto cominciando la quarta stagione, e la sto vedendo assieme alle mie figlie. Non sarà True detective o the Killing, ma bella. Spezieri Col d'Orcia, vino dalla beva pericolosa come direbbe Cernilli, costa una manciata di euro e si abbina a quasi tutto. Piacevole come la serie di cui sopra.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.