Intravino vi aiuta: correggiamo insieme la carta dei vini del Ricci, il ristorante milanese di Belen e Bastianich

Intravino vi aiuta: correggiamo insieme la carta dei vini del Ricci, il ristorante milanese di Belen e Bastianich

di Andrea Gori

Ci sono in giro almeno un milione di carte dei vini scritte malissimo. Noi nella lunga carriera ne avremo viste circa due milioni e pazienza, abbiamo sempre fatto spallucce. Ma QUESTA NO cribbio. È esposta in galleria a Milano, Corso Buenos Aires, alla vista di tutti, fuori dal ristorante Ricci: proprietà di due elegantoni come Joe Bastianich e Belen. Sì, Joe, quello che a MasterChef ci ha fatto una testa tanta sull’importanza del vino al ristorante.

argh

Quando bisogna fare sul serio, la carta dei vini del Ricci scivola malamente su un “Aglianico delle VOLTURE” (manco fosse una cantina del notaio), un laconico “Chianti” invece di “Chianti Classico” per il Fizzano del presidente del Consorzio, poi un “Badia a Passiniano” e l’eterna indecisione nello scrivere rosé nel modo giusto: rosè? Rose’? Almeno decidersi.

Le chicche sono molteplici. Per esempio, quel povero Rosso di Montefalco senza un nome di produttore, di chi sarà mai figlio? E il Rosso di Montalcino, come mai quello è DOC, e tutti gli altri vini boh? Non potevamo restare indifferenti, insomma. Aiutateci ad aiutarli!

Immagine – Crediti]

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

33 Commenti

avatar

Nicola G.

circa 4 anni fa - Link

E la Petite Arvine di Les Cretes nei rossi dove la metti!!!

Rispondi
avatar

vinogodi

circa 4 anni fa - Link

...lo stacco coscia di Belen mi distrae . Caspita ...

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 4 anni fa - Link

In effetti per selezionare l'immagine di copertina il team di Intravino ha lavorato tantissimo e d'impegno, te l'assicuro! ;-)

Rispondi
avatar

Andrea

circa 4 anni fa - Link

e poi vedi il Giulio a 65€ in carta e decidi di chiudere un occhio

Rispondi
avatar

Andregolf

circa 4 anni fa - Link

Assolutamente d'accordo!

Rispondi
avatar

elle

circa 4 anni fa - Link

10 euri in meno che all'esselunga. bella joe!

Rispondi
avatar

alessio

circa 4 anni fa - Link

Sicuro un errore visto che costa come la riserva Lunelli... :)

Rispondi
avatar

amedeo

circa 4 anni fa - Link

Anche Teintillante è una bella chicca. Secondo me l'ha scritta Belen.

Rispondi
avatar

Federico

circa 4 anni fa - Link

Anche Riserva Lunelli e Giulio Ferrari allo stesso prezzo fa riflettere

Rispondi
avatar

Sergio

circa 4 anni fa - Link

ma va'. chissà che cosa sono, invece!

Rispondi
avatar

VinidiSicilia

circa 4 anni fa - Link

E lo Chardonnay di Cossetti si chiama "Tetillante", non "TeINtillante"...ma chi l'ha scritta, Belen in persona? E le annate? Perché quel povero Montefalco Sagrantino di Roccafiore non ce l'ha (da degustare alla cieca)?

Rispondi
avatar

Fabio G.

circa 4 anni fa - Link

È il Rosso Conero sarà il San Lorenzo di Umani Ronchi o Artù di Fattoria San Lorenzo?

Rispondi
avatar

Simeone

circa 4 anni fa - Link

Scelta cosi così in entrambi i casi

Rispondi
avatar

Angelo

circa 4 anni fa - Link

Sottolineo anche che Negramaro è il nome del gruppo, il vitigno si chiama Negroamaro.

Rispondi
avatar

Alessandro

circa 4 anni fa - Link

Per me una carta dei vini ove il piu economico costa 26€, gia di per se costituisce un problema.

Rispondi
avatar

Alessandro

circa 4 anni fa - Link

Ma se uno ordina il Petit Arvine (aspettandosi un rosso, come da carta) e si vede arrivare un bianco...lo fa notare (facendo la figura del coglione) o fa finta di nulla ("volevo sperimentare un bianco col il brasato")

Rispondi
avatar

Denis Mazzucato

circa 4 anni fa - Link

Pessima lista prima ancora di entrare nel merito dei vini! Che tristezza! Soprattutto immaginando che ci sarà di sicuro un sommelier in sala e che per il conto non basterà uno zero solo... Parlando delle scelte dei vini: due bianchi e zero rossi dal piemonte...

Rispondi
avatar

Ludovico

circa 4 anni fa - Link

"Con 30000 lire il mio falegname la fa meglio"

Rispondi
avatar

hugo

circa 4 anni fa - Link

E pure con la coscia più lunga.

Rispondi
avatar

Capex

circa 4 anni fa - Link

Questa è peggio di Gardini all'Eurospin!

Rispondi
avatar

Nicola

circa 4 anni fa - Link

"Vuoi che muoro?" (cit.)

Rispondi
avatar

Ale

circa 4 anni fa - Link

comunque sul sito la carta è più lunga e mi sembra che gli errori descritti non ci siano (almno non tutti sto finendo i leggerla) http://www.riccimilano.com/wp-content/uploads/2015/12/CARTA-DEI-VINI.pdf

Rispondi
avatar

Alessandro

circa 4 anni fa - Link

A dirla tutta, pero, sul sito (oggi) c è una carta dei vini molto diversa da questa, piu ampia, abbastanza completa, fatta a mio avviso discretamente bene http://www.riccimilano.com/wp-content/uploads/2015/12/CARTA-DEI-VINI.pdf

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 4 anni fa - Link

E' vero! ma allora sono proprio poco furbi...perché esporre una carta piena di errori al pubblico ludibirio e dentro averne una corretta? E sopratutto, visto che il Giulio Ferrari magicamente sparisce in sala, dove lo possiamo avere a 65€ allora?!? Più probabilmente hanno due carte, una light per il pranzo e il bar e una per il ristorante più complessa. In ogni caso quella che ho fotografato è quella in bella vista in esterno quindi quella che in teoria dovrebbe dare il tono del locale...

Rispondi
avatar

Alessandro

circa 4 anni fa - Link

2 "Ale" che scrivono la stessa cosa a distanza di 3 minuti...e non sono la stessa persona (giuro) ...strane coincidenze!!!

Rispondi
avatar

Ale

circa 4 anni fa - Link

..................

Rispondi
avatar

biotipo

circa 4 anni fa - Link

ce ne sono di simili, nei ristoranti cinesi... l'errore più grave cmq è mettere la petit(e) arvine tra i rossi...

Rispondi
avatar

gp

circa 4 anni fa - Link

Ancora peggio è declassare un Chianti Classico Gran Selezione (checché ciò significhi) a Chianti Riserva, come nel caso della Riserva di Fizzano. Il Consorzio del Gallo Nero potrebbe richiedere l'invio di ispettori per verificare come stanno realmente le cose...

Rispondi
avatar

MGdiSPB

circa 4 anni fa - Link

Quindi il Giulio Ferrari 2004 a 65€ poi non esiste sul serio??? Degli errori importa sega, quello invece mi interessava.

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 4 anni fa - Link

a quanto pare esiste, ma solo al Bar (i tavoli più esterni)

Rispondi
avatar

Alessandro

circa 4 anni fa - Link

magari è il prezzo al bicchiere....e allora tutto si spiega....;-))

Rispondi
avatar

Vincenzo busiello

circa 4 anni fa - Link

Per a.gori: ludibrio non ludibirio. Scusa. Per la carta dei vini: che indecente approssimazione ! Ma la figuraccia non la fa belen. Lei ,poveretta, di suo ci mette il meglio che può. Le cosce. È joe che scivola sulla buccia. Dopo tutto il suo parlare fatto di rigore precisione e professionalità. Joe joe...

Rispondi
avatar

andrea jermol groppi

circa 4 anni fa - Link

S. Urbano Speri 2012? Se e' l' Amarone il prezzo è super, ma ( potrei sbagliarmi) ricordo che pure un Valpolicella con uve leggermente appassite e' S. Urbano. E allora e' caro.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.