Che ci fa la Coulée de Serrant al Carrefour?

Che ci fa la Coulée de Serrant al Carrefour?

di Antonio Tomacelli

Disclaimer: la foto di copertina è una simulazione di quanto potrebbe avvenire in un futuro non tanto remoto.

La distribuzione dei vini è un problema che risale al tempo dei Tirannosauri. Si sa, infatti, che la loro estinzione fu dovuta ad un meteorite che aveva sbagliato corriere, finendo sulla Terra anziché su Marte. Il misunderstanding distributivo ce lo portiamo sulle spalle milioni di anni dopo ed è inutile sperare in catastrofi o pandemie: due sole specie conquisteranno la Terra: gli insetti e i rappresentanti di vino.

Ne sa qualcosa il povero produttore di vini naturali Nicolas Joly che questa mattina ha pubblicato un doloroso post su Facebook per giustificare la presenza delle sue bottiglie nel supermercato Carrefour. Eh sì, avete capito bene: la gloriosa Coulée de Serrant è finita sugli scaffali della catena di supermercati francese presente anche in Italia. Problemi di distribuzione indipendenti dalla nostra volontà, dice il post, e chissà che strani giri hanno fatto quelle bottiglie per finire lì.

Schermata 2020-09-25 alle 10.02.54

Sapete che vi dico? Mentre voi riflettete sul tema “Stronzate della distribuzione e come migliorarle” io faccio un giro al supermercato qui sotto: non è francese ma hai visto mai che hanno messo Krug al 3×2?

Update!

Screenshot_20200925_123713

 

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi e Stefano Caffarri il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

33 Commenti

avatar

Bernardo

circa 1 mese fa - Link

Non capisco quale sarebbe il problema, soprattutto se il prezzo è buono!

Rispondi
avatar

Alberto Niceti

circa 1 mese fa - Link

luce, calore, sbalzi termici, poca umidità....per un vino non imbottito con quintalate di solforosa sarebbe una morte preannunciata. Dovrebbero stoccarlo sempre in una cantinetta refrigerata e ad umidità controllata.

Rispondi
avatar

bevo_eno

circa 1 mese fa - Link

alberto niceti, la GDO gestisce freschi, surgelati pesce fresco ecc... e prodotti ben piu delicati di una bottiglia di vino... vuoi che non sappia gestire una bottiglia di vino come si deve?

Rispondi
avatar

Alberto Niceti

circa 1 mese fa - Link

Beh mi é già capitato di vedere vini di cantine che apllicano la stessa filosofia produttivs di Joly, abbandonati su espositori vicino a vini che hanno dentro più solforosa che uva. E parlo di Esselunga, non dell'ultimo discount disgraziato. Stessi discorso vale per le birre artigianali, che non sono pastorizzate e sicuramente più delicate di un vino. La GDO non mi dispiace come sbocco di una cantina, ma deve essere fatta bene.

Rispondi
avatar

Maurizio Gily

circa 1 mese fa - Link

Joly la solforosa la usa eccome. La teorizza pure. Comunque la conservazione di qualunque vino su scaffale non è così critica se non ci resta anni. In effetti molto più critica in enoteca che al supermercato.

avatar

Sir P.

circa 1 mese fa - Link

allora non capita solo in italia che grossisti e distributori anche piccoli o molto piccoli svuotino i magazzini nei supermercati dove ci sono buyer compiacenti che se ne sbattono della filiera e fanno il cappero che vogliono? Perchè bastano 2 bt a scaffale in qualche regione per far su tutte queste pr gratis. Tra l'altro in questi casi gli agenti, seri, sono parte lesa. Il covid riempirà i supermercati di vini buoni in questo modo. Purtroppo (per la filiera). Spero di sbagliarmi.

Rispondi
avatar

Matteo Martinelli

circa 1 mese fa - Link

Alla Coop c'è il Sassicaia.. e allora??

Rispondi
avatar

Adele

circa 1 mese fa - Link

Alla Conad, vicino casa mia, c'è il Petrus ... e ho detto tutto?

Rispondi
avatar

Simone Di Vito

circa 1 mese fa - Link

Parli del Conad ad Anagnina?

Rispondi
avatar

Adele

circa 4 settimane fa - Link

No, parlo del Conad di Via Verdi a Rende (CS).

Rispondi
avatar

Adele

circa 1 mese fa - Link

Dipende sempre da che clientela ha quel supermercato e da quanto ne capisce il direttore che, nella sua autonomia, può decidere cosa mettere sullo scaffale.Tanto ai vertici interessa se lo riesce a vendere o meno, non se è Petrus o Margaux?

Rispondi
avatar

Roberto

circa 1 mese fa - Link

Premesso che io non trovo nulla di strano che anche la GDO venda top wines, resta da chiedersi perché il sig. Joly abbia così in uggia la presenza delle sue bottiglie su quegli scaffali, al punto da scrivere "tutti sanno del nostro rifiuto verso la GDO". A meno che non glielo abbiano rubato, il vino sarà uscito dalla cantina al prezzo che voleva lui!

Rispondi
avatar

Vincenzo Donatiello

circa 1 mese fa - Link

Carrefour a Beaune ha una selezione spettacolare con Premier Cru, Grand Cru e vini dell’Hospices comprati per la catena. Il produttore guadagna anche lì, i soldi non son certo differenti.

Rispondi
avatar

Lanegano

circa 1 mese fa - Link

In realtà, al netto delle condizioni di conservazione che spesso non sono ottimali (ma anche in molte enoteche ho visto condizioni piuttosto 'spartane'...), la cosa interessante sarebbe se qualche grande distributore organizzato lavorasse sulla fruibilità dei prezzi che ormai in molti casi rasentano l'immoralità. Lo snobismo di Joly è probabilmente suffragato dalla sua filosofia che in gran parte condivido ma che non si applica al costo delle sue bottiglie (spesso eccellenti ma non sempre...) dato che sono lievitate sensibilmente in pochi anni fin quasi a raddoppiare. Nessuno si scandalizza se nei supermercati ci sono cibi biologici dunque perchè non potrebbero esserci anche vini artigianali, pregiati o 'naturali' ? Magari con un addetto ben preparato che spiega e descrive le caratteristiche dei vini guidando, consigliando ed educando, se mi passate il termine, la clientela non abituata a fruire di vini non convenzionali.

Rispondi
avatar

Stefano

circa 1 mese fa - Link

Ma se è del 2018, come da etichetta, quella bottiglia non dovrebbe aver fatto molti passaggi di mano.... Detto ciò, voi la comprereste al Supermercato?

Rispondi
avatar

Damiano

circa 1 mese fa - Link

Joly segue i dettami dell'antroposofia (la 'diramazioine' legata all'agricoltura è la biodinamica) che, se ci si documenta un pochetto, vede ovvio il conseguente dissenso alla gdo, ben oltre il mero aspetto della conservabilità.

Rispondi
avatar

Davide Bruni

circa 1 mese fa - Link

Altre tre o quattro annate a 100 euro la bottiglia e se lo compra il Carrefour 😂😂

Rispondi
avatar

andrea

circa 1 mese fa - Link

In questa stagione tutti in Francia fanno la Foire su vin. Dalla piccola bottega sotto casa alla enorme distribuzione. È si rischia di fare discreti affari. Joly ancora una volta dimostra di essere uno squalo della finanza trapiantato nel mondo del vino. Consapevole che una bottiglia dovrebbe costare al massimo 10 euro cerca di mantenere il suo prodotto sopra il mercato ad ogni modo. Cavalli , corni letame e una puzza sotto il naso che gli permette di camminare 1 metro sopra di noi. Ritorna sulla terra avido speculatore!

Rispondi
avatar

Antonio CH

circa 1 mese fa - Link

Ti quoto alla grande Andrea, ne abbiamo abbastanza di questi presuntuosi arroganti che non fanno altro che speculare e arricchirsi alle spalle di quelli che credono alle loro "alchimie". Purtroppo noto che in Italia abbiamo una schiera di piccoli Joly che sono sulla stessa strada

Rispondi
avatar

SuperTroopper

circa 4 settimane fa - Link

Grande commento. Curioso della lista dei piccoli Joly nostrani :-)

Rispondi
avatar

Vocativo

circa 1 mese fa - Link

Credo sia una questione un filino più complessa... Chiudo dando per certo che Joly non sia più ricco del 95% delle cantine (e mi tengo basso) che distribuiscono nella GDO. E mi auguro che anche voi siate consapevoli di questa piccola verità.

Rispondi
avatar

marcow

circa 1 mese fa - Link

"... perché il sig. Joly abbia così in uggia la presenza delle sue bottiglie su quegli scaffali, al punto da scrivere “tutti sanno del nostro rifiuto verso la GDO”.(Roberto) __ Perché la stessa bottiglia, invece, può essere venduta online... senza che si scateni il rifiuto di Joly? Forse perché negli scaffali della GDO la bottiglia di Joly è a pochi metri da vini "popolari": un Tavernello(aridaje) o la boccia di 5 litri(magari per chi ha prrso il posto di lavoro con il covid e non si può permettere più la bottiglia di 6 7 8 euro... di qualche mese fa). Insomma, la "costruzione retorica" della bottiglia "feticcio"... grande è l'abilità del marketing di Joly... "potrebbe" essere "sgonfiata" dal fatto che il luogo dell'esposizione non sia adeguata. Dice Stefano: "Detto ciò, voi la comprereste al Supermercato?" Lo stesso che rifiuterebbe di comprarla alla GDO potrebbe, invece, comprarla online. Anche se la bottiglia di Joly ha viaggiato in un furgone... con bottiglie di vino di basso lignaggio __ PS Leggevo un articolo che parlava della crisi della GDO dopo l'avvento delle vendite online. E di come stanno cercando di contrastarla. Certo fa impressione, in certi giorni, vedere i vasti spazi della GDO quasi vuoti. Mentre centinaia di furgoni sfrecciano nelle strade con prodotti da consegnare. E questo nel giro di pochi anni. Furgoni, motorini del food delivery... e monopattini... sono uno dei segni più evidenti della trasformazione del mondo. Rimane "costante" il fatto che un vino con prezzi ELEVATI(e in certi casi assurdi) va "COSTRUITO" non soltanto in campagna e in cantina ma anche con le vecchie e nuove tecniche della RETORICA.

Rispondi
avatar

Sancho P

circa 1 mese fa - Link

La prima volta che ho comprato Gravner è stato al supermercato (Carrefour/Auchan a Roma neanche mi ricordo). Bottiglia in bella mostra, assieme al Tignanello, e a qualche spirito mediamente pregiato.) Il denaro muove il mondo, le ideologie servono ad ammantare di belle intenzioni l'interesse. Scandalizzarsi è da ingenui .

Rispondi
avatar

Vinogodi

circa 4 settimane fa - Link

...fare il vino e impresa " per passione" è quanto di più cretino abbia mai sentito in vita mia. Quelli che ho conosciuto che ci hanno provato sull' onda emotiva sono falliti. Non per questo non ci si può appassionare al proprio lavoro, anzi. Il fine dell' impresa è fare profitto. Poi c' è un aspetto sociale che eleva lo spirito dell' imprenditore. Ma senza profitto l'impresa è destinata a morire. Le cantine, in quanto impresa, non sono diverse. Perché stupirsi se differenziano il canale di distribuzione? Avranno fatto una analisi di " costo beneficio" altrimenti sono dei pirla...

Rispondi
avatar

Sancho P

circa 4 settimane fa - Link

Appunto.

Rispondi
avatar

Angelo

circa 4 settimane fa - Link

Meglio in GDO che su tannico o bernabei al prezzo di costo. E ve lo dico da Enotecaro di Città

Rispondi
avatar

bevo_eno

circa 4 settimane fa - Link

tannico ha i prezzi piu alti che si siano mai visti, sui gin ti carica 10 15€ senza battere ciglio

Rispondi
avatar

Angelo

circa 4 settimane fa - Link

Meglio in GDO, anche a prezzo basso, che su tannico o bernabei al prezzo di costo....

Rispondi
avatar

Ferretti

circa 4 settimane fa - Link

Intravino grazie per un pezzo inutile, spocchioso e che denota la totale non conoscenza di cosa succede nel mondo. Scendete dal pero.

Rispondi
avatar

Matteo Martinelli

circa 4 settimane fa - Link

La piacevole degustazione conversazione che ho avuto con un vigneron della zona ha avuto, nel finale, questo sviluppo: recupero di vigneti semi scomparsi, la biodiversità, la natura padrona durante il lock down, gli insetti e le malattie sempre più agguerrite contro l'agricoltura (e non solo direi), Greta "la nostra coscienza vivente", la globalizzazione, l'omologazione e la GDO. Sono convinto che, forte dei suoi ideali, se vedesse una delle sue bottiglie sullo scaffale della Coop vicino al Sassicaia, si sentirebbe tradito e incolpevolmente colpevole. Credo che lo stesso valga per Joly, peccato, mi sarebbe piaciuto di più figurarmelo come un francese snob e arrogante come tanti altri.

Rispondi
avatar

Maurizio

circa 4 settimane fa - Link

Che c'entra Sassicaia in tutto questo?

Rispondi
avatar

Matteo Martinelli

circa 4 settimane fa - Link

Lo avevo, erroneamente, portato come esempio in un commento precedente.

Rispondi
avatar

Rolando

circa 4 settimane fa - Link

La GDO vende sia bottiglie di un certo livello (Tignanello, appunto, come detto da qualcuno) che il bag in box da 2,5 litri. Si chiama GDO per questo. Alcuni produttori non vorrebbero vedere i loro vini nel supermercato perché questo li accomuna, nel sentimento popolare, ai vini da poco prezzo. Solo una questione di immagine, insomma. Per la conservazione, mi preoccuperei più del trasporto che non dello stoccaggio sullo scaffale. E la vicenda la dice anche lunga sul controllo che hanno i produttori delle loro bottiglie, i loro clienti non sono chi si beve il loro vino ma i distributori. Poi se Joly ha fatto il comunicato perché dispiaciuto davvero oppure è solo una posa, questo lo sa solo lui.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.