Hoyo de Monterrey Epicure Special, il piacere speciale della Vuelta Abajo

di Andrea Gori

Un colorado maduro affascinante già appena esce dal tubo, aitante e muscoloso: ecco l’impressione che dà l’ultimo nato nella famiglia Epicure della mitica Hoyo. Fondata nel 1865 dal leggendario José Gener, immigrato spagnolo a Cuba giovanissimo, che nel 1850 aveva già fondato “La Escepción “. In pochi anni la tenuta Hoyo de Monterrey (nel cuore della Vuelta Abajo, la Borgogna del sigaro mondiale) arriva a 50 milioni di sigari e quando José muore nel 1900 è la più grande di Cuba.

Da allora è passata di mano più volte, ma la qualità è rimasta altissima e non solo per il mitico Double Coronas, ma per la gamma intera. Tra questi gli Epicure, famiglia composta dal leggero n.1, il più corposo n.2 e il nostro Especial: appena estratto dal tubo regala intensi profumi, dal fieno al floreale con tocchi di caramello, terra e una pesca bianca rara tra i sigari, anche a Cuba.

L’inizio è tra note terrose ed erbacee sottili, poi ecco l’esplosione di spezia quasi improvvisa, che apre la strada al famoso timbro cubano (il misterioso “cuban twang”, una specie di sentore raffinato di merde de poule borgognona con tocchi di pepe e cedro), e una profondità appena accennata che si rivela appieno nel secondo tercio, dove peperoncino e cacao aprono le danze su note terrose che continuano a manifestarsi con l’aggiunta di frutta secca, nocciole e mandorle, e canditi.

La chiusura è simile con una aggiunta di cacao amaro niente male. Fumata briosa e di carattere di media intensità, adatta anche ai non espertissimi, benché il finale si carichi di una certa pesantezza. 90

Abbinamenti: difficile pensare ad un solo abbinamento, quindi diremmo uno Champagne Blanc de Blancs per partire. Come seconda possibilità consigliamo una miscela di caffè arabica, meglio se con un’alta percentuale africana come il Mokarico. Infine un whisky dal piglio floreale, ad esempio il Coilltean 1992 Sherry Cask Single Malt Whisky Campbeltown (bottled 2009) della selezione di Samaroli, un whisky con pesca e albicocca, che arrivano ancor prima del leggero torbato e del floreale. Bello il duetto del sigaro con lo zenzero e i canditi, con una bocca armoniosa e suggestiva, fresca e saporosa.

Marca: Hoyo De Monterrey
Vitola de Salida: Epicure Especial
Vitola de Galera: Gordito
Largo: 141 mm X 50

[Immagine: Habano Cuban Cigars]

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

1 Commento

avatar

James

circa 6 anni fa - Link

Complimenti per la scelta del whisky da abbinare...

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.