Io non aspetterò altri 10 anni per bere un Dom Pérignon 2000

di Alessandro Morichetti

Ammazza che delusione. Oggi sono troppo infuriato per tirarla lunga con la mitologia del monaco Pierre Pérignon a cui dovremmo l’invenzione dello Champagne, o forse il primo blend (l’arte di mischiare vini differenti per farne uno che sia migliore dei componenti), o forse l’utilizzo sistematico dei tappi di sughero. Parlare dello Champagne più mitico e del suo uvaggio è come fare le pulci al didietro di Jennifer Lopez: ahi voglia a dire che è grosso, se lo incoronano “miglior didietro” del mondo il marketing ha già vinto e la filosofia perso.

Che la bottiglia del Dompé sia di una fighezza superiore non ci piove, incute timore e rispetto quasi più del prezzo sganciato in enoteca (125 euro). L’arte di vendere a quel prezzo un vino prodotto in 5 milioni di bottiglie è una roba che mi lascia interdetto e dimostra che in questo campo i francesi non prendono lezioni da nessuno.

Poi, a margine, il vino. Trattasi di Dom Pérignon 2000: boisé in evidenza, glicine, burro, nocciole. Aspetto arrivi la frutta o qualche sfumatura delicata ma niente: grassezza e maturità spadroneggiano senza rivali. La bocca è distesa, ampia e morbida, molto equilibrata. Il finale richiama le note olfattive, c’è coerenza ma anche un fastidioso effetto dejà-vù. Diciamo 85/87 punti.

Considerazioni conclusive: non lo ricomprerei neanche sotto tortura. Nessuna base lascia presagire qualche miglioramento in bottiglia. Poi si dirà che la serie Oenothèque è meglio, che la 2000 forse non è un’annata leggendaria e altre storie. La sostanza è che a quel prezzo si trova in giro di molto meglio ma io e qualche altro milione di persone abbiamo comprato il mito. Bell’affare.

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

36 Commenti

avatar

Nelle Nuvole

circa 9 anni fa - Link

Peccato che Kenray sia in altre faccende affaccendato. Questo post é per lui. Riguardo alla sottoscritta, finalmente qualcuno che dice che la Lopez ha il culone... Il Re é nudo, Morricchia la birra ti fa bene!

Rispondi
avatar

gian paolo

circa 9 anni fa - Link

La Lopez avrà il culone , "mòc gnòca"- traduzione dal modenese ma che bella ragazza ugualmente-ciao GP

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 9 anni fa - Link

io l'ho assaggiato due anni fa e non me lo ricordo così tremendo, anche perchè lo pagai 89 euro in promozione sotto natale all'ipermercato. Per quella cifra era già meglio!

Rispondi
avatar

Mauro Mattei

circa 9 anni fa - Link

secondo me sono vini che in "gioventù" si intravedono solo. Vanno ridiscussi dopo anni di bottiglia. E' con l'affinamento in vetro che cambia l'andazzo. Stappare una boccia di Dom Perignon che non abbia almeno un numero enne di centimetri di polvere sull'etichetta non ha alcun appeal sulla mia losca figura. Malato io, questo è indubbio :D

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 9 anni fa - Link

Affronterei il tema "prezzi di Champagne griffati" solo avendo Francesco Fabbretti come avvocato. Anche io ne comprai una bottiglia lo scorso anno a quella cifra, nella Gdo chiaramente. L'esubero di pezzi e i margini sulle singole bottiglie ci farebbero diventare i capelli bianchi prima che il gallo canti. ps: il titolo è chiaramente una risposa preventiva al commento di tal Mauro Mattei intervenuto qui sopra :-)

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 9 anni fa - Link

Chiamato in causa rispondo volentieri in maniera semplice e diretta. La delusione provata da Alessandro è identica a quella che fra 5 anni proveremo bevendo krug. In Italia non arriviamo a 50.000 persone che dichiarino un reddito superiore a 200.000,00 euri, in Cina ce ne sono già oltre 30 milioni. Secondo me l'obiettivo del gruppo LVMH è arrivare a coprire quella potenziale domanda con buona pace della nostra altrettanto potenziale delusione degustativa. Evviva il Dom PeLignon!!!

Rispondi
avatar

enzopiet

circa 9 anni fa - Link

Condivido totalmente la tua risposta. Sono stato di recente in nota località montana svizzera e i milionari russi che spadroneggiavano tra enoteche, wine-bar e ristoranti fighi ordinavano quasi sempre Dom Perignon. E tenevano la bottiglia in bella vista sul tavolo. Vaglielo a spiegare al paperon de paperoni di turno che di quel vino se ne imbottigliano 5 milioni di bottiglie e che a parità di prezzo, se non meno, si può bere effettivamente dell'ottimo champagne? E' un prodotto che pur conservando (almeno credo) uno standard qualitativo medio-alto ed immutato nel tempo si rivolge prevalentemente ad un pubblico che acquista prima di tutto quel brand. E che gode solo a pronunciare quel nome: "Monsieur, Dom Perignon s'il vous plait." Contenti loro...

Rispondi
avatar

Mauro Mattei

circa 9 anni fa - Link

io questi personaggi che comprano a vanvera e pretendono la pappa bella-e-pronta non li sopporto proprio... :D P.s. ogni riferimento a persone, cose o gatti è puramente casuale.

Rispondi
avatar

Nic Marsèl

circa 9 anni fa - Link

Ne ho acquistata una bottiglia ad Andorra con dei compagni di merende nel 1993. Sotterrata in cima ad un monte nei paesi baschi e dissotterrata nel 2003 (a qualcuno ricorda qualcosa?), dopo mille peripezie per ritrovare il luogo esatto di sepoltura. Bevuta a canna sul posto è stata la miglior bottiglia della mia vita. Irripetibile.

Rispondi
avatar

Nic Marsèl

circa 9 anni fa - Link

Per la cronaca si trattava dell'annata 1985.

Rispondi
avatar

Leone

circa 9 anni fa - Link

Che bella storia, Paolo Conte dovrebbe farci una canzone !! ;)

Rispondi
avatar

somm

circa 9 anni fa - Link

Il 2000 l'ho bevuto recentissimamente ed era fantastico, anche se come gusto personale preferisco altre cose (Anselm Selosse per esempio). Non volendo assolutamente mettere in dubbio l'esperienza fatta, si possono azzardare alcune considerazioni: - il vino dal momento che viene confezionato vive un'esperienza che è diversa da bottiglia a bottiglia (conservazione, momento di beva etc.) - lo champagne, e, comunque, tutti quei vini ottenuti con seconda fermentazione, acuiscono queste differenze perchè conducono questa fase, appunto, bottiglia per bottiglia - non dovremmo sottovalutare la data di degorgement, che per esperienza personale apportano diversità nel prodotto da consumare In conclusione, per quanto mi consta, è difficile dare giudizi assoluti avendo bevuto una bottiglia. Saluti alcolici

Rispondi
avatar

Angelo Di Costanzo

circa 9 anni fa - Link

"Aspetto arrivi la frutta..." A' Morichè, dopo undici anni di bottiglia e con sto' po-po' de' cammino? :-) Accontentati del mito, credi a me, ne hai speso - solo per quello - almeno 80 di euro!

Rispondi
avatar

Flachi10

circa 9 anni fa - Link

Ho bevuto il Dom Perignon del 2000 una volta... trovandolo "urendo". Altro prezzo altra categoria, ma sempre nella categoria "Champagne D'Elite", il Cristal. Ne ho bevuti 5 in questi 29 anni di vita, ovviamente tutti offerti da un mio amico (non genovese come me) a cui piace esagerare in discoteca quando già ampiamente ubriaco. Erano di diverse annate, e le ho trovate tutte strepitose. Con il 2001 sopra le altre. Ero ubriaco anche io? Aspetto il commento di quell'alcolizzato di Kenray sulla mia "genovesità". P.S. Sono appena rientrato in albergo qui a Seoul e l'enoteca qui davanti aveva un "Chianti Terre di Prenzano" Vignamaggio 2006... sono ancora sotto shock, cosa non fa la globalizzazione...

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 9 anni fa - Link

Perché sotto shock? Perché era molto buono? O molto cattivo? PS La Korea é un buon mercato per il Chianti e anche per i toscani in generale. Pps Forse quest'anno ci torno, se sì mi piacerebbe incontrare il vostro gruppo di ingegneri avvinazzati.

Rispondi
avatar

Flachi10

circa 9 anni fa - Link

Noooo io amo i vini di Vignamaggio (tranne la pesantezza WineObsession) e ci vado quasi ogni anno qualche giorno con la mia dolce metà. Lo shock è stato trovarmelo qui sotto visto che nessuna enoteca di quel buco di culo di Genova ne tiene una bottiglia! La Korea è un buon mercato in generale, ma cambiare le abitudini di chi pasteggia a Soju (non mi dire che non sai cosa sia...) penso sarà impossibile. Ho scritto un post l'anno scorso sul blog del buon Ziliani riguardo i vino e la Korea, se ti interessa te lo linko... non che sia un esperto è solo dal mio punto di vista! Piacere nostro (della compagnia degli ingegneri con la cirrosi) incontrarti nel fareast alla prima occasione! Se prendi un volo venerdì puoi presenziare sabato ad una degustazione organizzata nel ristorante italiano di alcuni amici... :-)

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 9 anni fa - Link

Ho letto adesso il commento su Vino al Vino e ti ho fatto i complimenti, al prossimo viaggio cercherò di arrivare il venerdì...

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 9 anni fa - Link

Sì, secondo me eri ubriaco, visto che nel 2001 (una delle peggiore annate della storia moderna dello Champagne) Cristal non è stato prodotto, così come praticamente tutte le altre cuvée prestige con la mera eccezione dell'ufo Vilmart Coeur de Cuvée...

Rispondi
avatar

Flachi10

circa 9 anni fa - Link

Chiedo venia! Errore di battitura dovuto all'ora tarda in korea... giuro che stasera non ho bevuto! L'annata era 2002 e non 2001!

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 9 anni fa - Link

comunque, fermo restando che da metà anni '80, complice l'aumento esponenziale di produzione, è iniziato il declino del Dom (con il forte sospetto che per l'Oenotheque si faccia un minimo di selezione della materia prima, visto lo stacco qualitativo anche in annate grame), la 2000 è una versione un po' minore ma non atroce come, ad esempio, la dimenticabilissima 1993. In ogni caso c'è di meglio, specie per chi non stravede per lo stile opulento e piacione della Maison.

Rispondi
avatar

fabrizio pagliardi

circa 9 anni fa - Link

A me il 2000 piace . Le note mi sanno un po di bottiglia tenuta male. Il Boisè in particolare mi sembra strano se intendi sentori che ti ricordano il legno.... Boisè come? in che senso? Il 93 non l'ho trovato assolutamente atroce ne nel 2001 al primo incontro ne l'ultima volta un mese fa. Qui pesa molto sapere da dove viene la bottiglia e che storia ha visto che ha girato per 10 anni.

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 9 anni fa - Link

Note dolci di torrefazione, polvere di caffè, vaniglia, nocciole tostate: profilo un po' stancante ma non posso giurare sulla conservazione. Vista la coerenza gustativa, non mi ha rapito affatto. Come lo ricordi tu, più coinvolgente? Pensi valga quanto costa?

Rispondi
avatar

kenray

circa 9 anni fa - Link

allora, pur cotto dal viaggio di ritorno da torino intervengo nella discussione sto piscio di verro l'ho bevuto a natale. questo vino è una MERDA non vale un cazzo. suo cuginetto KRUG fa altrettanto cagare. perchè ci sono in giro tanti coglioni che si ostinano a comprarlo è un mistero. o forse no, perchè ...dddioo quanto fa figo averlo in tavola. x chi si sente offeso: nessun problema, mi scriva che gli do l'indirizzo di casa e la facciamo fuori a botte. addendum me l'hanno regalato. e spero che chi l'ha fatto legga questo post.

Rispondi
avatar

Vinogodi

circa 9 anni fa - Link

sicuro?

Rispondi
avatar

Leonardo

circa 9 anni fa - Link

non mi sento offeso, però a occhio e croce tu mi pari un buon bevitore amante della roba bbuona e mi dispiace che per antipatia nei confronti dei francesi ti perdi quella goduria immensa che è lo champagne. poi sul dom perignon 2000 si può discutere (non piace nemmeno a me, così come non amo nemmeno Selosse, per dirne uno che è stato citato), però perdio ci sono moltissimi altri champagne che davvero meritano se poi vuoi fare a legnate, io ci sto, però poi ci beviamo qualcosa, se sopravvivo

Rispondi
avatar

kenray

circa 9 anni fa - Link

dico una cosa di cui mi pentirò amaramente meglio il lambrusco dello champagne 1000 volte. e costa 30 volte meno

Rispondi
avatar

Leonardo

circa 9 anni fa - Link

me lo immaginavo che avresti detto più o meno questa cosa :-) me ne farò una ragione che non bevi champagne, ne rimarrà di più per noi però, ribadisco, dai retta a me, fattela una bevuta di champagne che i prezzi non sono così esagerati come dici

Rispondi
avatar

Vinogodi

circa 9 anni fa - Link

... domenica scorsa in un epico Gevrey Chambertin Tour , abbiamo introdotto la bicchierata con un Dom Pérignon Oenoteque 1995 da svenimento ( media voto dei presenti > 96/100) . Confermo che il Dom 200 , aperte 4 bocce negli ultimi due mesi , allo stadio attuale è piuttosto imbarazzante , con note idrocarburiche e sospettosamente varietali assai dubbie , ma qualche anno glielo darei per un naturale assestamento ... PS: son di Parma , il Lambrusco è la mia bevanda quotidiana ... prendiamoci pure per il culo , un forum è fatto anche per divertirci ...

Rispondi
avatar

kenray

circa 9 anni fa - Link

cit. il Lambrusco è la mia bevanda quotidiana. lambrusco e bevanda quotidiana non possono coesistere nella stessa frase. E SEI DI PARMA...like me la piccola milano la movida in via farini il peter pan tutti pazzi per lo sciampo come lo chiamiamo qui. cartellino rosso a te e alla schiera di nullafacenti del venerdi sera che intasano runorosamente le vie del centro. e a proposito di lambro..mica sarai un terreverdine dipendente..questo no..daiiii

avatar

Nic Marsèl

circa 9 anni fa - Link

Guardatevi "Fandango", fate la stessa cosa e vedrete che il Dom Perignon di qualsiasi annata risulterà celestiale.

Rispondi
avatar

Fabrizio pagliardi

circa 9 anni fa - Link

@Alessandro.. No non lo ricordo più coinvolgente ma non lo ricordo affatto stanco. Gli aromi tostati di torrefazione, il caffè sono abbastanza tipici in un dom in fase di crescita, ma ad equilibrare c'è in genere la struttura minerale e la freschezza che gli danno quegli spigoli che dopo pochi anni si dovrebbero essere smussati ben poco...... Sostanzialmente io non l'ho trovato stancante per niente. Non e' neanche una versione strepitosa ma comunque un ottimo champagne.

Rispondi
avatar

Giancarlo

circa 9 anni fa - Link

Non ti sembra di usare toni un Po' troppo da guerriglia .... Non saranno poi tutti scemi quelli che bevono dom e krug ... Che per molti sia una bevuta status ... Concordo! Ma non per tutti.

Rispondi
avatar

PAOLO

circa 4 anni fa - Link

Ciao, ho una Cristal millesimata del 1995. Entro quanto devo consumarla? come posso conservarla al meglio? Grazie PAOLO

Rispondi
avatar

science

circa 1 anno fa - Link

Salve a tutti, ho trovato delle bottiglie di Dom perignon del 1995 ma sono indeciso sull'acquisto per pareri discordanti. Su qualche rivista davano come bevibilità non oltre il 2010. Che ne dite ?

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 1 anno fa - Link

1995 annata molto interessanti, io le berrei nelle prossime feste...

Rispondi
avatar

science

circa 1 anno fa - Link

Secondo te c'è il rischio che siano andate a male ? asono 5 bottiglie del 1995 a 99€ in un supermercato

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.