Ho conosciuto Elisabeth Salmon ed è stato amore a prima vista

di Jacopo Cossater

Cara Elisabeth, ti scrivo da casa, con calma, perché le parole mi vengono meglio dopo che ci ho pensato un po’. È stato bello incontrarti a Roma, più di quanto potessi immaginare. Avevo sentito parlare di te ma sai, le occasioni per vederti da vicino non sono così frequenti. In Italia, poi. Mi ha stupito la tua eleganza, quel tuo sembrare sfuggevole che nasconde una tempra non comune. Hai fascino ma è evidente che ti piaccia farti scoprire, piano piano. La tua caratteristica è proprio questa sfaccettatura di tutti i tuoi elementi, questo continuo giocare su tono tanto freschi quanto tostati. Il tuo entrare nella stanza con fare delicato si trasforma in una presenza di grande statura, gli occhi dei presenti non sono che per te. Era prevedibile.

Abbiamo avuto la possibilità di conoscerti da giovane, era il 2000, e già era evidente la tua spiccata femminilità. Forse non avevi quella maturità che chi ti conosce ama in altri momenti, ma che bellezza, che vigore. Eri gentile, così floreale e croccante. Sembravi librarti leggera tra i presenti.
Nel 1998 invece sapevi già dimostrare tutta la tua profonda complessità. Eri tattile, di sostanza e sempre elegantissima. I tuoi erano profumi cremosi, di frutta secca e di albiccocca. E poi ti distendevi in un assaggio lunghissimo, struggente per complessità aromatica.
Il 1996 è stato il tuo momento magico, quello in cui tutte le tue componenti sembrano aver trovato un equilibrio difficile da raggiungere in altri momenti. Eri indimenticabile, così morbida ed al tempo stesso fresca. E poi quella tua acidità, così integrata al tuo corpo. Mi piacerebbe ricordarti sempre così, praticamente perfetta.
Nel 1990 ti sei un po’ traformata, e la tua evoluzione ha portato con sé profumi di torrefazione, caffèlatte, tabacco e frutta secca. Ma non hai perso quella giovane freschezza che sembra caratterizzarti da sempre, anzi.
Nel 1988 eri vivissima e profonda, raccontavi di miele e note balsamiche. Avevi una concentrazione rara che con il passare dei minuti si ammorbidiva e diventava commovente, come un abbraccio.

Cara Elisabeth, il mio è amore, ti vorrei con me tutti i giorni. Se solo non costassi così tanto.

Nata nel 1988, la Cuvée Elisabeth Salmon Rosé di Billecart Salmon è figlia di un assemblaggio di chardonnay e pinot nero vinificato in rosso. Viene prodotta in circa 25.000 bottiglie e si trova a scaffale a circa 150 euro. E’ importata in Italia da Velier.

Jacopo Cossater

Comunicazione digitale ed e-commerce, è tutta una questione di vino, di birra e di trail running. Vive in Umbria, a Perugia, per motivi diversi ha un debole per NYC e per Stoccolma ma non potrebbe mai fare a meno dei ritmi dell'Italia Centrale. Su Intravino dal 2009.

8 Commenti

avatar

Francesco Fabbretti

circa 7 anni fa - Link

meglio tardi che mai.... ahahahahahah

Rispondi
avatar

Alessandro

circa 7 anni fa - Link

Cuvée Nicolas Francois 1998 ubeer alles! love to Billecart salmon

Rispondi
avatar

Leonardo

circa 7 anni fa - Link

Eh il problema sono proprio i prezzi di questi favolosi vini. Io, non potendo arrivare spesso a queste cifre di spesa, tendo a buttarmi sui vini di Marie-Noelle Ledru o sui Jaquesson e mi consolo sempre abbastanza bene :-)

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 7 anni fa - Link

purtroppo i veri capolavori di Jacquesson non costano meno... oltre ad essere di ben più difficile reperibilità.

Rispondi
avatar

Leonardo

circa 7 anni fa - Link

Eh lo so, però mentre Billecart-Salmon ha in generale i prezzi livellati verso l'alto, di Jaquesson si trovano anche cuvée a prezzi più umani. Sulla reperibilità sono d'accordo, ma io me li procuro direttamente alla fonte, quando posso :-)

Rispondi
avatar

Beniamino D'Agostino

circa 7 anni fa - Link

Ti manca la 1997 se vieni a trovarmi a Gravina una bottiglia in serbo c'è

Rispondi
avatar

massimo sacco

circa 7 anni fa - Link

Caro Jacopo anche a me la cuvee Elisabeth fa impazzire....peccato per i prezzi!!! Anche se fortunatamente in Francia costano un poco meno :)

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.