Vini d’Italia 2010, la prima guida del Gambero Rosso ds (Dopo Slow Food)

di Massimo Bernardi

Vini d'Italia 2010 del Gambero RossoIn una scala da uno a… carismatico decidete voi che voto dare al sito Wine News. Ma prendo per buone le indiscrezioni su Vini d’Italia 2010, la prima guida del Gambero Rosso ds (dopo Slow Food) perché Daniele Cernilli, direttore del Gambero, è uno tra i millemila santini dell’enomondo cui Wine News accende ceri ogni giorno. Indiscrezioni dicevamo. Cantina dell’anno sarebbe quella di Bruno Giacosa a Neive (Cuneo). Vino rosso dell’anno, il piemontese Gattinara Osso San Grato 2005 di Antoniolo. Vino bianco, il Fiano di Avellino Colli di Lapio ’08 di Clelia Romano.

Nel campionato bollicine avrebbe primeggiato il Trento Altemasi Graal Brut Riserva 2002 Cavit. Produttore dell’anno: il pugliese Gianfranco Fino. Tra i passiti si fa il nome del Barattieri Colli Piacentini Vin Santo Albarola Val di Nure 1999. Niente nomi per l’enologo dell’anno, ma pare non sarà uno dei soliti noti.

Siccome a distribuire più premi non ci si rimette di sicuro, da quest’anno arrivano anche una trentina di “tre bicchieri” plus.

Come trovate questi rumors? Se venissero confermati, vi sembra che il nuovo staff della guida abbia fatto un buon lavoro?

15 Commenti

avatar

Simone e Zeta

circa 10 anni fa - Link

Dare i tre bicchieri ai non famosi sarebbe una politica già vecchia, morta e sepolta per la nuova guida. Assaggeremo e valuteremo.

Rispondi
avatar

Lizzy

circa 10 anni fa - Link

@Simone e Zeta: l'Altemasi Graal di Cavit un non-famoso?? It's a joke, isn'it??! :D L.

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 10 anni fa - Link

Dimenticavo: sono curioso per quanto riguarda la Toscana, anche lì i tre bicchieri ai vari Calimero? No, direi proprio di no. Scommetto sui premi ai soliti noti, big e fashion e Conti, Stilisti, industriali e semidei; poi magari mezza palettata di quei 30 bicchieri di plastica in avanzo a Cernilli.

Rispondi
avatar

Vignadelmar

circa 10 anni fa - Link

Io aspetto la conferma ufficiale, poi via di corsa a festeggiare con Gianfranco e Simona Fino.....sarebbe troppo bello !!! . Ciao

Rispondi
avatar

Giorgio Campora

circa 10 anni fa - Link

Complimenti a Cavit... Giacosa bravissimo! di cattivo gusto incensarlo proprio quest'anno che ha combinato un disastro con i 2006 Osso San Grato 2005 meglio della versione 2004??? siamo sicuri? Suona strano Fino a quanto dicono non vede neppure di striscio la vigna e quindi chiamarlo vigneron, farà un po' ridere? Se esistono i plus... che valore avranno quelli normali, sostituiscono i 2 bicchieri e 1/2?

Rispondi
avatar

Vignadelmar

circa 10 anni fa - Link

Beh, non so chi le abbia potuto dire una simile castroneria ma Gianfranco Fino è un corpo unico con la propria vigna. Non faccio classifiche con altri Produttori ma secondo me lui è indubbiamente un vigneron, no non fa ridere, leggere quello che lei ha scritto fa solo rabbia. . Ciao

Rispondi
avatar

Giorgio

circa 10 anni fa - Link

scusi non volevo offendere nessuno, è solo che dopo aver letto il nome in questione ho fatto qualche telefonata e mi hanno detto, probabilmente sbagliando visto le sue affermazioni perentorie, che il produttore si avvaleva di fidati conferitori... per il resto le mie idee sulla Cavit (milioni e milioni di bottiglie, magari una selezione l'azzeccano), l'Osso del 2005 e Bruno Giacosa che ha fatto infuriare tutti i produttori della zona, rimangono immutate... Un saluto e mi dispiace se ho fatto infuriare qualcuno, non era mia intenzione anche perchè non è detto che essere un vigneron sia il massimo ed essere un imprenditore il minimo...

Rispondi
avatar

Roberto Anesi

circa 10 anni fa - Link

Io posso solo confermare il premio della miglior bollicina, il Trento Doc Altemasi Graal Brut Riserva 02, l'avevo sentita a fine agosto da un collega!

Rispondi
avatar

Pasquale Porcelli

circa 10 anni fa - Link

Sono contento per Gianfranco Fino se lo merita. Quanto al resto come tutte le scelte possono essere discutibili, ma ne vale la pena?

Rispondi
avatar

nicola a.

circa 10 anni fa - Link

Belle sorprese credo che arriveranno dalla Liguria.

Rispondi
avatar

Pz

circa 10 anni fa - Link

Finalmente il premio ad uno dei più grandi rossi italiani: l'Osso San Grato. Ho anche io qualche dubbio che la 2005 possa essere migliore della meravigliosa 2004.

Rispondi
avatar

Tommaso Farina

circa 10 anni fa - Link

Il vinsanto del Conte Barattieri, che non molti conoscono, è uno dei più grandi vini italiani. E' oltretutto quasi inconfondibile per il suo profumo intenso di zafferano e di zabaglione al marsala.

Rispondi
avatar

dejan

circa 10 anni fa - Link

enologo dell'anno ad un veronese...

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.