La Commissione Europea autorizza un arricchimento extra dello 0,5% vol

di Alessandro Morichetti

Non so esattamente cosa voglia dire quanto segue e quali implicazioni abbia sulla vendemmia 2014 ma quello che so è che ho scoperto proprio ieri l’esistenza di un sito che si chiama Wine Acts e che quanto segue avrà implicazioni sulla vendemmia.

“La Commissione europea è in procinto di autorizzare, con un opportuno regolamento, un ulteriore incremento dello 0,5% per l’arricchimento dei prodotti provenienti dalla vendemmia 2014. Questa decisione fa seguito alle richieste di alcuni paesi europei, tra cui l’Italia, di ritenere non sufficiente l’aumento del titolo alcolometrico naturale fino a 1,5% vol concesso abitualmente dalle norme Ue, considerate le sfavorevoli condizioni climatiche della scorsa estate. Il provvedimento interesserà alcune regioni italiane e precisamente Veneto, Friuli Venezia Giulia, provincia di Trento, provincia di Bolzano, Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana e l’area della Dop Orvieto. Non è escluso che altre regioni faranno richiesta dello stesso aumento e possano aggiungersi in un momento successivo. Con circolare Mipaaf del 12 settembre scorso sono stati forniti chiarimenti operativi.”

[Fonte: Wine Acts]

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

8 Commenti

avatar

antonio

circa 7 anni fa - Link

Quest'anno il prezzo del mosto concentrato aumenterà ora per ora, non giorno per giorno!! Saltando di palo in frasca, mi ricordo che diverse aziende a Montalcino in anni tipo 1997 hanno prodotto esclusivamente Brunello vista l'eccezionalità della vendemmia, saltando cioè l'annata di Rosso di Montalcino. Ora sono curioso di vedere quanti produrranno solo Rosso vista la difficoltà dell'annata! Sono aperte le scommesse, io voto per nessuno!!!!

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 7 anni fa - Link

Spiacente, ma nel 1997 si è prodotto il record storico di Rosso di Montalcino; non ne sono state prodotte così tante bottiglie fino al 2004.

Rispondi
avatar

damiano

circa 7 anni fa - Link

Chi sa interpretare farà bene anche quest'anno. Magari vini che emergono tra anni (2002 docet), sicuramente diversi (come logica vuole). Personalmente ritengo che arricchire i mosti non serva (esistono vini magnifici anche a basse gradazioni).

Rispondi
avatar

Stefano Menti

circa 7 anni fa - Link

Vini insulsi che non si dovrebbero chiamare vini, passeranno dai 9,51 grandi alcolici agli 11,51 e potranno riportare in etichetta il grado 12. Senza che comunque in etichetta venga riportato alcun arrichimento, che può avvenire anche con mosto di non provenienza italiana.

Rispondi
avatar

Federico

circa 7 anni fa - Link

Non ho conoscenze professionali per dire quanto segue, vado "a buon senso". L'arricchimento serve per lo più (sottolineato "per lo più") a chi fa grandi numeri, vini standard per il consumo di massa e per farlo si spingono le rese per ettaro al massimo. In questi casi la gradazione è normale che tenda ad essere bassa e non avendo la qualità come proprio fine, l'arricchimento è ciò che serve per mettere a scaffale le etichette a gradazione standard. In un anno come questo dove l'acqua ha giocato un ruolo determinante, probabilmente serve una spinta in più. Quindi anche io credo che ciò avrà "implicazioni sulla vendemmia", ma esattamente come negli altri anni. Il problema semmai è quest'ultimo.

Rispondi
avatar

Andrea

circa 7 anni fa - Link

Non sarebbe male ricordare che in Francia e' ammesso lo zuccheraggio come pratica di arricchimento...............

Rispondi
avatar

Stefano Menti

circa 7 anni fa - Link

e che cosa ce ne frega. Se iniziano a fare vino con l'acqua pretendiamo di farlo anche noi? Chiamiamolo bibita allora.

Rispondi
avatar

tom

circa 7 anni fa - Link

ehm il vino è almeno 70% acqua...

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.