San Martino 210 La Busattina | C’è aria di Loira in Maremma

di Mauro Mattei

San Martino 210Lo puntualizziamo subito così da evitare misunderstanding: non parliamo di chenin blanc. Il San Martino 210 del 2007 è infatti frutto di un assemblaggio più casereccio (trebbiano, malvasia, ansonica). Tranquillizzatevi quindi, non si esce degli schemi della tradizione toscana in quanto a varietà utilizzate. La Busattina e’ un azienda maremmana che lavora in biodinamica (certificata dal marchio Demeter) e che ci regala sensazioni d’oltralpe, almeno nel confezionare questa stimolante creazione vinosa. Vouvray? Savennieres? Maddeché, San Martino sul Fiora in provincia di Grosseto. Eppure nel bicchiere analogie a go-go. Intanto aprite la boccia e stupitevi.
Cromaticamente è ricco. Al naso: frutta gialla, fiori, verve aromatica. Un ingresso quasi dolce (proprio come per alcune produzioni della Loira, viene volutamente interrotta la fermentazione alcolica, lasciando un residuo zuccherino percettibile) che si risolve in un finale succulento con mineralità ed acidità da vendere. L’assetto gustativo verte tutto sul contrasto dolce/sapido e questo crea una dinamica giocosa al momento dell’abbinamento cibo-vino. Insomma, si attinge a piene mani, qui in Maremma, e non si può dire che manchino modelli o punti di riferimento. E’ pur vero che se si vuole fare vini biodinamici e si cerca ispirazione, dove si può pescare se non nell’angolo della Francia che ha dato i natali a Nicolas Joly, padre della famosa Coulée de Serrant ? Io trovo idea e risultato avvincenti.  Di certo non è un vino semplice, l’evidente  “morbidezza” regala tratti che possono apparire dissonanti al neofita. Per bevitori esperti – verrebbe da dire -ma siamo sicuri che sia un limite?

La Busattina – San Martino sul Fiora (GR)
tel. 0564 607840

Mauro Mattei

Sommelier multitasking (quasi ciociaro, piemontese d'adozione, siculo acquisito), si muove in rete con lo stesso tasso alcolico della vita reale.

1 Commento

avatar

Eleutherius Grootjans

circa 11 anni fa - Link

L'unico limite del San Martino è la non immediata reperibilità, almeno a Roma. Ultimamente l'ho reperito - casualmente - da Graziani a Via di S. Costanza. Trovo molto convincente la dinamica gustativa di questo vino, che fuga bene e in giusta progressione il minimo dubbio sul carattere "flatteur", indotto dalle suadenze iniziali (aromatiche, dolci), vira senza iati al fiore prima, poi al fruttato di susina, pesca gialla, mela limoncella, cloudberry, infine dispiega la dosata verve acida. Questa si compone bene con il riflesso delle note iniziali, in lento sviluppo e mai latitanti. Un vino non imponente ma "circolare", con il dettaglio non indifferente di un prezzo che invoglia.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.