Una birra per l’estate | 5 stili sotto l’ombrellone

di Marco Pion

La birra non è una bevanda estiva. Non è come l’amaca, il materassino di Winnie Pooh o il para-sole di Hello Kitty: la birra è adatta a qualsiasi momento della giornata, dalle 11 in poi, in tutte le stagioni. Certo che alcune birre sono indubbiamente più indicate di altre alle temperature estive, e di conseguenza sono ottime compagne di una rilassante giornata di vacanza. Prima di raccontare 5 stili consigliati sotto l’ombrellone, però, alcune raccomandazioni: le birre non vanno mai bevute ghiacciate e a canna. Non importa se volete sentirvi fighi come quelli della tv: non siete belli come loro ma potete bere meglio di loro. E dimenticate gli agrumi: limone, lime o arancia non devono venire a contatto con la birra: stappa, versa e bevi. Si, ok, ho capito… a forza di chiacchiere con 35 gradi si secca la gola.

Wit o Blanche | Birre di frumento in stile belga, spesso speziate con coriandolo e buccia d’arancia amara. Poco amare e molto rinfrescanti. Ideali per l’uomo che non ama l’amaro o per la donna che una chance alla birra vuole darla. Esempi da seguire: la Hoegarden, commerciale e da supermercato, era il simbolo dello stile ma ora rischia di essere noiosa più di un singolo di una ex Spice Girl; meglio quindi iniziare da una Blanche de Namur o una St. Bernardus. In Italia ne abbiamo di ottime, migliori di molte belghe: Panada di Troll, Runa Bianca di Montegioco e Seta del Birrificio Rurale sono il mio personalissimo podio.

Weizen o Weißbier | Birre bavaresi di frumento, con note di banana e chiodo di garofano al naso, poco amare e adatte a chi la birra proprio non la capisce. Al supermercato si può cominciare con una Franziskaner o una Paulaner per passare poi alle Weihenstephaner, Schneider e Ayinger. In Italia da provare quelle di Manerba e del birrificio Italiano. Le Weißbier hanno diverse “varianti”: dalle filtrate alle scure alle WeizenBock, più alte di gradazione. Ce n’è per tutti i gusti (tranne il mio).

Pils e KellerBier | Sono basse fermentazioni in stile boemo o tedesco. Birre molto diverse tra loro per secchezza, luppolatura, corpo ed aspetto ma con una comune caratteristica: si possono bere in quantità ingenti. Il modo migliore per provarle è visitare Baviera, Franconia e Boemia, anche perché sono difficilmente trasportabili data la loro delicatezza. In Italia Tipo Pils del Birrificio Italiano, Magut di Lambrate e Via Emilia del Ducato sono ottimi esempi di questi generi, utili per allenarsi prima del viaggio.

Blond | Sono birre in stile belga: chiare, luppolate e con note speziate al naso e mediamente contenute nel tenore alcolico. All’inizio sembrano più impegnative ma vi assicuro che dopo il primo litro danno soddisfazioni. Esempi belgi da annotare sono la già citata Westvleteren Blond, XX Bitter e Taras Boulba; in Italia esemplari perfetti sono Blond di Extraomnes, Runa di Montegioco e Tùvi Tùvi di Barley.

Bitter e Summer Ale | Birre in stile anglosassone dal basso contenuto alcolico (dai 4,5° in giù) in cui malto e luppolo giocano un ruolo fondamentale; il paso doble tra gli ingredienti, con la supervisione del lievito, deve essere perfetto per dare soddisfazione al bevitore. Solo che la perfezione varia in base la bevitore che può gradire più malto, con note di miele o caramello, o più luppolo, con amaro agrumato o terroso. Per fortuna lo stile permette molte sperimentazioni al bevitore. Percepire le differenze stilistiche tra una birra e l’altra è maniacalità da birrofighetto, goderne la compagnia in un pub è una vacanza all’inglese.

20 Commenti

avatar

Marino

circa 8 anni fa - Link

Se posso, aggiungerei le Kolsh alte fermentazioni originarie di Colonia ma alcuni microbirrifici italiani rappresentano perfettamente lo stile come: la Rodersch di Bi-Du,la Tscho di Maltovivo, l'Estiva O.G.1045 di Carrobiolo, la Stria di Toccalmatto. Aggiungerei anche le IPA, le APA etc (birre del momento)ma solo nelle versioni basiche quindi non troppo caricate dal luppolo e dal malto (imperial o double..) e per i più temerari le lambic, in modo particolare le gueuze che sono di una straordinaria bevibilità, anche le fruit (kriek, framboise..)che risultano molto fresche.

Rispondi
avatar

enzopiet

circa 8 anni fa - Link

Di birra ci capisco poco e niente ma quest'estate mi sto letteralmente "sfondando" di Theresianer Premium Pils e Wit. Le trovo entrambe molto piacevoli e molto dissentanti. E le trovo nella mia enoteca di fiducia. Ho di recente bevuto anche la Gauloise blonde, dal buon rapporto q/p.

Rispondi
avatar

daniela

circa 8 anni fa - Link

gent. Sig. Pion trovo errato dare giudizi, mi riferisco a chi beve la Weizen bier..... penso, a mio giudizio, dovrebbe astenersi a fare classifiche..... si possono amare tutte le birre nello stesso modo, non per questo non capirci niente!!!! le preferenze possono essere diverse e su questo sono pienamente d' accordo....conoscere la birra non è solo gradevolezza nel palato.....ma sono sicura lo sappia di suo.. Daniela

Rispondi
avatar

Tyrser

circa 8 anni fa - Link

Daniela, grazie per la sua critica. Per quanto riguarda le Weizen, stile che personalmente non amo, le ho incluse nella lista proprio perchè sono uno stile che piace e che fa estate. Il mio "adatte a chi la birra proprio non la capisce" è effettivamente un po' troppo ermetico. Intendo dire che chi "non beve la birra perchè amara" o chi "a me la birra fa schifo" (generalizzo ed estremizzo, ovviamente) posto di fronte a una Weißbier potrebbe rimanerne piacevolmente stupito dal fatto che non tutte le birre sono uguali. Le classifiche (quali, per inciso?) non sono podi olimpici ma semplicemente scale di gradimento, con la loro parte oggettiva e soggettiva. Quello che scrivo è uno spunto per la comunicazione, non un "o questo o nulla". "si possono amare tutte le birre nello stesso modo, non per questo non capirci niente!!!! le preferenze possono essere diverse e su questo sono pienamente d’ accordo…" Non ho mica ben capito il senso. A meno che non sia legato al fatto che non amo le birre di frumento tedesche... "conoscere la birra non è solo gradevolezza nel palato…..ma sono sicura lo sappia di suo.." Anche qui mi areno. Sarà la pioggia. Il senso del pezzo è "in estate ti viene voglia di birra: invece che berti una industriale a canna, prova queste tipologie" Ma forse si riferisce ancora alle Weißbier. Prometto che nel prossimo viaggio in Baviera ne berrò un paio per espiare...

Rispondi
avatar

Tommaso Farina

circa 8 anni fa - Link

Mi sa che finirò per precederti, e che racconterò qua alcune weizen decisamente croccanti in cui mi sono imbattuto, anch'io in Baviera. In particolare una maibock di frumento davvero notevole.

Rispondi
avatar

SR

circa 8 anni fa - Link

parli di queste vero? http://bit.ly/pXZNk3

Rispondi
avatar

Davide Cocco

circa 8 anni fa - Link

Non cambierete mai davide

avatar

Tommaso Farina

circa 8 anni fa - Link

Quelle al gusto Worcester DEVONO ESSERE MIE.

avatar

INDASTRIA

circa 8 anni fa - Link

Personalmente, pur dopo aver bevuto di tutto e di più, le weizen restano belle alte nella mia scala di gradimento; anzi è proprio un amore. Purtroppo, come un po' tutte le tedesche, solo poche raggiungono l'eccellenza. mentra un numero sconsiderato (ce ne sono davvero tante) resta nell'ambito medio/basso. Per chi le considera "le birra che sanno di banana", ci sono anche esempi che hanno un fruttato più vicino alla pesca, con la banana solo sullo sfondo se non assente. E aggiungo pure che tra chi non è esperto di birra secondo me ci sono più persone che le odiano che altro. CMQ d'estate mi ucciderei (lo stomaco) di 3F geuze :D

Rispondi
avatar

Riccardo Francalancia Vivanti Siebzehner

circa 8 anni fa - Link

. . ottimi consigli, davvero da seguire specie per chi come me non si orienta facilmente nel vasto ( e gustosissimo!) mondo delle birre con la B maiuscola . . io però seguirei anche le solite bionde. . .insomma . .ecco. .anche semplicemente quella della foto. . .forse perchè ha anche lei la B maiuscola ? ;-)

Rispondi
avatar

Luca Cravanzola

circa 8 anni fa - Link

Da profano posso chiederti Mr. Pion perchè è già due post che batti e ribatti finisci sempre per demolire la birra con il limone\lime? Non capisco quale sia il messaggio nascosto: la corona fa schifo, oppure il limone nella birra è come il ghiaccio nel vino? Grazie per le preziosissime chicche... (e non in senso ironico) p.s: tra le prime la Biancaneive del Birrificio CitaBiunda di Neive la trovo meravigliosa!!!!

Rispondi
avatar

Tyrser

circa 8 anni fa - Link

L'aggiunta del lime nelle birre messicane ha probabilmente due valenze: la prima è disinfettare il collo della bottiglia (!) la seconda è dare un gusto alla bevanda e renderla più accattivante. Inoltre queste birre sono vendute in bottiglie trasparenti che non proteggono la birra dalla luce solare donando alla bevanda quel gusto di cartone tipico...che il lime nasconde. Il limone (o arancia) nelle Weißbier è una pratica che non approvo perchè cambia il gusto alla birra rendendola meno birra e più bibita. Il limone è, per me, come il giaccio nel Barolo o il ketchup sugli ovoli (visti fare entrambi, allo stesso tavolo!) Se poi uno lo gradisce, nessuno gli vieta di farlo. Ma spero non al mio tavolo;-) La Biancaneive del Birrificio CitaBiunda di Neive purtroppo non la incontro spesso. La prima volta che l'ho bevuta è stato a Piozzo qualche anno fa durante il concorso homebrewers e mi era piaciuta molto

Rispondi
avatar

Roberto Erro

circa 8 anni fa - Link

ma il concetto dell'arancia vale pure per le wit, no? e poi, ho trovato l'amaro della blond extraomnes un po' aggressivo (un solo assaggio: bottiglia sfortunata?) - mentre deliziose la saison e la tripel

Rispondi
avatar

TERROIR

circa 8 anni fa - Link

quando parlate delle birre mi mettete tristezza

Rispondi
avatar

Marco Pion

circa 8 anni fa - Link

non ti curar di noi ma guarda e passa...

Rispondi
avatar

Schigi

circa 8 anni fa - Link

Grazie della citazione. Non per sdebitarmi ma non posso non citare tra le Wit la Remedios e quella che secondo me è la birra della sete...la Rodersch, entrambe del Bi-Du. Beppe rules

Rispondi
avatar

jaws

circa 8 anni fa - Link

Piacevolissima birra stile Blonde belga ma con una gradazione non pesante è la trappe blond ... meno impegnativa di altre blonde dal belgio che hanno qualche grado in piu' il discorso delle weizen è corretto nel senso che anche io non bevevo birra fino a 3 anni fa e il mio innamoramento e inziato grazie all'assaggio di birre in stile blanche , poi weizen appunto... poco amare e beverine ... utili per iniziare ad avvicinarsi al mondo della birra... adesso bevo tutti it ipi di birra con piacere e ne apprezzo profondamente i diversi caratteri ( parlo di birre di qualita' ovviamente ) ,e l'ultimo viaggio in belgio ha confermato il mio amore incondizionato per questo piccolo stato che , mio parere personale , in quanto a qualita birraria non ha pari .

Rispondi
avatar

GIAMPIERO PEZZUTI

circa 8 anni fa - Link

Su Intravino si continua,con gran voglia di approfondimento,a fare l'apologia della birra.E' solo un modo di ''cavalcare l'onda'', o oramai siamo in pieno gemellaggio ideologico (?)vino/birra,e ci dobbiamo rassegnare?Qualcuno ha commentato che leggere di birra su Intravino gli mette tristezza.A me fa proprio schifo.Mi fa tanto pensare ad una joint-venture che fa bene a qualcuno..ma non a chi fa o si occupa di vino.

Rispondi
avatar

postatore occasionale

circa 8 anni fa - Link

sul liquidare weiss e blanche solo come stili poco impegnativi un paio di considerazioni: non potendo disporre di ale inglese come spillata in UK, le weiss sono le birre piu' dissetanti le blanche hanno l'impagabile caratteristica di accompagnarsi bene col pesce parlando di blanche, la francese chti ? la trovo tanto buona e particolare quanto senza carattere la doppio malto dello stesso produttore...

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.