L’enoteca Bernabei chiusa per spaccio di droga

L’enoteca Bernabei chiusa per spaccio di droga

di Antonio Tomacelli

Facciamo subito chiarezza su un punto: l’enoteca Bernabei non spaccia cocaina. Nonostante la casa madre non c’entri nulla con la droga però, la Squadra Mobile di Roma ha chiuso per 30 giorni una delle tante enoteche in franchising della Capitale.

I troppi clienti del negozio al quartiere Testaccio che uscivano senza mai comprare bottiglie di vino, avevano insospettito gli investigatori che, dopo una serie di appostamenti, sono entrati nel negozio per perquisirlo. Nascoste sotto il bancone hanno trovato diverse bustine in cellophane con chiusura a pressione, un bilancino di precisione e numerose dosi di cocaina già pronta per la vendita.

I commessi, infatti, si dedicavano più al commercio di droga che di vino. I tre sono stati subito sospesi dalla direzione dell’azienda ma, intanto, il negozio resterà chiuso per 30 giorni.

Giova ripeterlo, l’enoteca Bernabei è parte lesa nella vicenda.

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

1 Commento

avatar

Patrizio

circa 1 mese fa - Link

L' enoteca di Testaccio non è un franchising, ma una delle due enoteche dirette di Bernabei, la seconda che hanno aperto dopo quella storica di Trastevere.. Inoltre qui si afferma che bilancini e dosi siano stati rinvenuti sotto il bancone del locale mentre gli articoli che avevo letto precedentemente affermavano che erano stati trovati addosso ad un "cliente"..

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.