Il mostruoso spread che separa il mio portafoglio dall’asta dei vini di Ferran Adrià

di Antonio Tomacelli

Vediamo se riesco a regalarvi un brivido sotto l’ombrellone: Ferran Adrià, lo chef spagnolo del defunto El Bulli, mette all’asta tutta la carta dei vini e, credetemi, a pensarla mi tremano i polsi. Parliamo di una carta enciclopedica, un volume di 139 pagine che potrebbe tranquillamente intitolarsi “Sogni bagnati di un enostrippato”. Le casse, in totale, sono 1.600 e contengono uno scibile enoico che copre il pianeta, con particolare predilezione per i vini francesi e spagnoli (10 annate di Torres’ Mas La Plana). Di solo Montrachet si contano 17 casse e, se vi garba Romanée-Conti, potete impossessarvi del millesimo 1999 per soli 5.300  euro.

I vini del ristorante, che ha servito l’ultimo pasto a luglio, verranno messi all’asta da Sotheby’s in autunno mentre il Magico Adrià è tutto preso nella creazione di una think-tank per la cucina d’avanguardia. El bulli, infatti, si trasformerà nel 2014 in fondazione che avrà tra i suoi scopi l’insegnamento e la divulgazione del verbo molecolare. Ma torniamo per un momento all’asta perché mi scappa la domandina finale: voi che leggete Intravino, ci avete mai partecipato? Le ritenete convenienti o utili per acquistare meraviglie introvabili o le considerate un pollaio per i tycoon russi e cinesi? Insomma, visto che siamo in tempo di crisi, c’è da risparmiare qualcosina su quel Romanée-Conti?

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

9 Commenti

avatar

Adriano Aiello

circa 8 anni fa - Link

Un uomo, un museo. Postumo in vita (cit.). vado a cercare un bancomat (aricit.)

Rispondi
avatar

Costanzo D'Angelo

circa 8 anni fa - Link

Certi posti chiudono anche per questo, credo. Capitali immensi fermi lì ad aspettare chissà cosa o chi... :-(

Rispondi
avatar

Andrea Capobianco

circa 8 anni fa - Link

giustissimo

Rispondi
avatar

Rryl

circa 8 anni fa - Link

Anche Christie's organizza almeno una volta al mese un'asta di vini rari o pregiati...certo questo è un signor catalogo, tuttavia proprio a causa del numero di parvenu che parteciperanno consiglio d'evitare la partecipazione, questo perché il "nome" di un vino spesso può far lievitare il prezzo in maniera del tutto innapropriata rispetto al reale valore (di qualità) di quella singola annata. Certi vini, seppur rari e pregiati, è meglio andarli a cercare direttamente dal produttore o dal ristorante in attività. Oppure, partecipare... sì, ma utilizzando la tecnica del cecchino, selezionando solo un paio di lotti e concentrarsi unicamente su quelli conservando le proprie quotazioni per la fase finale d'aggiudicamento...

Rispondi
avatar

Il Guardiano del Faro

circa 8 anni fa - Link

Spread enorme esistente anche tra quella tipologia di "cucina" e i grandissimi vini presenti in quella carta, ma così difficilmente abbinabili con quei... "piatti". E adesso è venuto il momento di realizzare qualcosa di concreto.

Rispondi
avatar

Gaetano

circa 8 anni fa - Link

Io non sono molto "dentro" la questione, ma sentivo dire che il vate ha chiuso per banale "fallimento". Me lo confermate?

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 8 anni fa - Link

Non è un fallimento ma si chiude con i conti in rosso. Facile quando hai più personale che clienti in sala, nonostante il ristorante avesse una lista d'attesa di circa due anni.

Rispondi
avatar

silvano brescianini

circa 8 anni fa - Link

ho partecipato ad un asta a Hong Kong, con la "tecnica del cecchino", cercando vini "NON Parkerati", si possono fare affari, esempio: un grandissimo Apparita 97 snobbato dai cinesi!

Rispondi
avatar

roberto bardelli

circa 8 anni fa - Link

Per me lo spread c'era anche con la mia idea di cucina,per carita' riconosco la valenza storica del vate,ma la chimica cosi' invadente non l'ho mai vista di buon occhio,come la tecnica deve essere uno strumento per esaltare il meglio della piu' straordinaria materia prima di un territorio. Quindi,cucina-spettacolo e conseguentemente carta dei vini-spettacolo,ma non credo che l'asta fosse un'occasione per i poveri mortali,meglio andare direttamente in Borgogna o altrove e scoprire i bravi e magari poco conosciuti produttori. Amen.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.