È il marketing, bellezza!

È il marketing, bellezza!

di Davide Bassani

Alzi la mano chi, tra i frequentatori di queste disgraziate pagine, non abbia prestato attenzione alle paginate dei giornali ed ai posti incazzosi degli incorreggibili inviperiti da tastiera dinnanzi allo spettacolo consumatosi solo qualche giorno fa di fronte alle porte scorrevoli dei supermercati LIDL.

I fatti son noti e non abbisognano della mia chiosa – mi limito alla cronaca: LIDL, in questi giorni di black friday ha proposto, ed esaurito, delle sneakers accompagnate da calzini in rigorosa e teutonica spugna (ci sarebbero anche le ciabatte ma vabbè, sorvoliamo, in questa stagione i piedi ci piacciono al caldo). Il genio del marketing ha poi agevolato, tramite i suoi nuovi corifei detti influencer, una inesorabile corsa all’accaparramento del bene e la contestuale nevrosi da “voglio ma non posso” fiorita in un mercato parallelo di speculazione vampira fatta di “offerte” online, siano su Amazon o eBay.

Niente di nuovo. Da quando siamo nell’economia così detta di mercato questi fenomeni sono all’ordine del giorno e si esauriscono il tempo di uno sbadiglio, così come, sempre di questi tempi, esauriscono in un amen le polemiche e le intemerate da tastiera.
Mi sovviene però una pensata: è dai tempi dello spot del Tavernello, di QUELLO spot, (e su questi schermi se n’è ampliamente discusso, ricordo la slavina di commenti) che non s’è visto nulla di questo genere e, forse, Caviro – alla quale ancora vanno i miei personalissimi complimenti per l’idea – è stata antesignana e facile profeta. LIDL ha vinto perché ora ne parlano tutti, anche chi di scarpe non sa una mazza e ci ha sempre messo dentro solo i piedi, così come del Tavernello e di Caviro parlarono in tanti, anche gli astemi.
Il trucco è questo: bene o male, purché se ne parli. Era di Napoleone, Wilde, o più prosaicamente, di Andreotti?

2 Commenti

avatar

bevo_eno

circa 2 settimane fa - Link

ricordiamoci che non solo le aziende col posizionamento basso e grossi numeri vivono di marketing e lo coltivano (giustamente), ma anche quando acquistate vini con un posizionamento alto e numeri più piccoli c'è del marketing dietro...

Rispondi
avatar

Giacomo

circa 2 settimane fa - Link

Quante "scarpe lidl" imbottigliate in albeisa con fascette docg...

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.