Osteria Bottega. “I tortellini più buoni di Bologna, del mondo” e poi Daniele Minarelli, un fuoriclasse

Osteria Bottega. “I tortellini più buoni di Bologna, del mondo” e poi Daniele Minarelli, un fuoriclasse

di Alessandro Morichetti

Bologna, 8 anni dopo la laurea, scintilla delle stesse cose che a suo tempo non vedevo. Il turismo che cresce in doppia cifra l’ho invece intuito subito, schivandone le tentazioni lungo il percorso pianificato: da San Donato all’Osteria Bottega passando per l’Università, via Zamboni, le torri, la Feltrinelli di piazza Ravegnana, una piazza Maggiore da tuffo al cuore e le viette nobili del centro. Unica tappa intermedia, quell’Enoteca Italiana di via Malcontenti in cui da studente ho solo guardato e mai toccato. Boccia di Franciacorta Rosé Dosaggio Zero Arici e mortazza di Pasquini & Brusiani per entrare nel mood. Alla stirpe Morichetti, graduata all’Alma Mater, l’amarcord mette una sete boia proprio a livello di cromosomi.

Nota indigena: Lucio Dalla a Bologna è salito in cielo tra le stelle e nei locali viaggia veloce. Siamo tutti un po’ emiliani anche noi, prima di cena e pure durante.

L’Osteria Bottega è piccola e i tavoli vicini: stanza unica e non più di 30 posti da fiato sul collo. Tempo 5 minuti e questo sarà un dettaglio.
Arriva l’oste, due tocchi alla Maradona per imbastire il gioco e sai che vincerà lui, è solo questione di tempo. L’accoglienza dei 2 giovani affamati urla Torri-Tortellini-Tette in un amen. Daniele Minarelli ha la faccia gaudente di chi la sa lunga e il tatto del grande oste nel leggere un tavolo al primo sguardo. È lui ad accogliere e prendere l’ordine. Nei geroglifici della comanda ci sono l’invenzione della gioia, Fellini e l’estetica del godimento.

Alla fine sarà un trionfo, niente di meno.

Si inizia rigorosamente col piattone di salumi, che è eccellente, mentre i tortellini in brodo di cappone sono inimitabili. “Una trattoria senza tempo, sotto i portici, nel cuore di Bologna, con le lasagne, le tagliatelle, i tortellini più buoni di Bologna, dell’Emilia, del Mondo“, scrisse Stefano Bonilli.

Non c’è carta dei vini ma l’oste guida perché la brigata gira. Solo etichette di Emilia e Romagna. Rimosso 2012 Cantina della Volta per iniziare, il miglior Lambrusco di Sorbara rifermentato in bottiglia ever by Christian Bellei. Sui primi, Il Mio Malvasia Rosa 2010 di Camillo Donati, crosta di pane vera, ci piace. Chiusura col Limbecca 2012 di Paolo Francesconi, un Sangiovese di Romagna in acciacio di succo e slancio, nitido e bbòno: 54 euro di vino spesi ottimamente.

Tortellini in brodo di cappone (15 euro), Tagliatelle al ragù Bologna (14 euro), Costoletta di vitello in osso alla Petroniana, cioè cotoletta alla bolognese (per 2 persone, 34 euro) vanno tra gli imperdibili e onore al merito di un servizio che vede alternarsi con spigliatezza al nostro tavolo ben 4 persone diverse, sintesi di raccordo e coordinazione vestite di quel sorriso informale che non guasta mai.

Chiocciola tutta la vita, tappa fissa. E qualsiasi discussione sui prezzi sarà bannata per eccesso di noia.

 

Osteria Bottega
Via S. Caterina, 51
Bologna
Tel. 051.585111

[Foto comanda: Gazzetta Gastronomica]

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

7 Commenti

avatar

Francesco Annibali

circa 6 anni fa - Link

Certe notti ti senti padrone di un posto che tanto di giorno non c'è. Grande attacco

Rispondi
avatar

bettino

circa 6 anni fa - Link

sì, una recensione assolutamente azzeccata. essendo bolognese, concordo praticamente su tutto : attualmente ( ormai da un paio d'anni, eh !) è uno dei luoghi più piacevoli per gustare la cucina della tradizione senza troppi ghirigori e salamelecchi. la prossima volta, i due giovani affamati provino il Bertozzi : lo stile è un filino più ruspante ma la qualità è altrettanto alta e rispettosa della tradizione. ... Però..."i tortellini più buoni di Bologna, dell’Emilia, del Mondo“ li fa ancora la mia mamma ...non si discute !!!

Rispondi
avatar

Federico

circa 6 anni fa - Link

Sentir parlare della propria città in questi termini, accarezza l'ego. Si, il turismo cresce in doppia cifra. Il turismo del fine settimana fa bene alla città, almeno io la vedo così. Speriamo lo faccia anche alla ristorazione del centro. Sembra di sì. Sta cadendo un po' di ruggine anni '80/'90/'00 e qualcosa di nuovo si muove. Ma come biasimare i bolognesi se non si sono mai lamentati più di tanto. Fino a ieri avevano nonne e mamme a casa a fare in continuazione le tagliatelle, i tortelloni, le lasagne e... i tortellini (bettino, mia madre li fa più buoni della tua. Giuro.). Soldi freschi per la ristorazione di tutti i giorni in centro li portavano gli studenti ... che non è che in materia siano il miglior metro. Poi c'è Osteria Bottega. Altra categoria. L'Enoteca Italiana. Bella e con ricarichi degni della migliore (peggiore) Bologna. Mi hai fatto venir voglia di fare le corna alla mamma ... che non è come farle alla moglie, ma si può fare. p.s.: sulla mortazza un giorno ne parliamo ... ;-)

Rispondi
avatar

marziano

circa 6 anni fa - Link

bertozzi e osteria bottega, ora me li segno. bravi! peccato che a bologna non ci debba più andare per lavoro....arrgh!

Rispondi
avatar

Davide G.

circa 6 anni fa - Link

agnolotti al tartufo piemontesi battono tortellini : 10 - 0 (e abito a bologna)

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 6 anni fa - Link

Ma nemmeno per sogno, neanche lontanamente. Menti sapendo di mentire. (e abito a Barbaresco, :D)

Rispondi
avatar

Luca

circa 6 anni fa - Link

I tortellini non si toccano! Ho avuto la fortuna di andare in entrambi i ristoranti: confermo il diverso stile. L'osteria Bottega è più un'esperienza, da Bertozzi è una "sbaraccata" (concedetemi il termine...un po' più rustico come ambiente intendo) di altissimo livello. Ma se parliamo solo di tortellini...quelli della nonna non li batte nessuno, ma c'è un posticino sui colli modenesi che mi ha fatto venire il dubbio! In ogni caso confermo: di fronte a cotanta qualità banniamo ogni discussione relativa alla vil pecunia!

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.