Vinerie vintage. Quella cosa che “un’immagine vale mille parole”

di Fiorenzo Sartore

Non penserete certo che i media sociali siano solo Facebook e Twitter. Sarebbe bello. E invece il flusso scorre in un numero di rivi infiniti e non tutti notissimi: ci sono i proto social come il semidefunto FriendFeed, c’è Tumblr, ci sarebbe Google Plus. E Diaspora, signora mia? E la smetto qui. La foto che vedete qua sopra viene dal Tumblr di Giuliano Abate, amico e finissimo venditore – talmente raffinato che affida ad un social alternativo i suoi contributi.

Milano, anni venti: esterno di una pasticceria-bottiglieria. Non serve commentare più di tanto, basta fermarsi e guardare. Io sono riuscito a starci su una buona mezz’ora. E come si usa dire: condividere con voi pareva bello.

Si potrebbe partire dall’elenco delle aree vitivinicole: Canelli già voleva dire Moscato. Il Barolo è quello dell’Opera Pia, oggi Marchesi di Barolo. Il sud Italia ha una connotazione territoriale, Barletta: archeo terroiristi? Il vino è comunque “da pasto”, e il termine usa ancora, per definire il vino quotidiano. Ed infine quel cospicuo “assaggio gratuito dei vini da pasto”, scritto più piccolo. Chissà come si chiamava il marketing negli anni venti.

[L’immagine grande è meglio visibile qui]

avatar

Fiorenzo Sartore

Vinaio. Pressoché da sempre nell'enomondo, offline e online.

8 Commenti

avatar

Marilena

circa 6 anni fa - Link

Per il Sud c'era anche il Marsala - Florio, ovviamente - fino ai primi del secolo il vino italiano più esportato al mondo. Bello, sì. Grazie Fiore. M.

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 6 anni fa - Link

Bellissimo omaggio. Anche io sto guardando la foto da più di dieci minuti. Quindi circa quattro volte di più di quello che impiego per leggere ed elaborare un post standard. Per lo studio di tutti i dettagli ci vorrà invece molto più tempo. Per esempio, neanche un vino toscano, nemmeno il Chianti. Altro esempio, "Aceto di vino" scritto in caratteri grandi come gli altri vini. Barletta unica "insinuazione" sudista - a parte il Marsala che fa storia a sé -, forse dovuta alle origini dei proprietari della pasticceria-bottiglieria? Grazie Fiorenzo.

Rispondi
avatar

Gianpaolo Giacobbo

circa 6 anni fa - Link

Bellissima sta foto. Mi piace la gerarchia nel posare davanti al fotografo. Una foto era un evento importante. Bella davvero Grazie Fiore. Il Reciotto italianizzato bello!

Rispondi
avatar

Emanuele

circa 6 anni fa - Link

Ci rivedo anche certe foto ingiallite della mia bisnonna, paesana di un cru di Verdicchio senza saperlo, che nella sua bottega - mesticheria, si vendeva un po' di tutto - offriva l'assaggio preventivo. Vino da pasto e solo quello, ché le bottiglie andavano in città. Grazie Fiorenzo.

Rispondi
avatar

Francesco Cannizzaro

circa 6 anni fa - Link

Hai ragione, non serve commentare, per quanto è bella. Grazie per aver condiviso.

Rispondi
avatar

Alessandro Farina

circa 6 anni fa - Link

Davvero bella! Un sapore d'altri tempi! Grazie per averla postata.

Rispondi
avatar

zamboulder

circa 6 anni fa - Link

Reciotto!!!

Rispondi
avatar

davide

circa 6 anni fa - Link

per la cronaca adesso c'è un negozio di materiale elettrotecnico [img]http://i1348.photobucket.com/albums/p739/Violet_Gibson/ex-enoteca_zps2bef2ef6.jpg[/img]

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.