Dom Perignon Rosé Vintage 2003. La prima delusione d’amore non si scorda mai

di Cristiana Lauro

Siamo sinceri: alla fine preferiamo un complimento fasullo a una critica verosimile. Ho parlato spesso di bottiglie fantastiche di Dom Perignon Vintage, rosé e Oenoteque brut e rosé, perché quei vini mi sono piaciuti, non per altro. Eppure prima o poi doveva capitare la bottiglia della delusione, quella memorabile e utile a ricordare che nulla è certo, tranne le tasse.

È successo a Milano da Trussardi alla Scala, un locale che mi piace per vari aspetti oltre alla cucina di Luigi Taglienti, al piano superiore, già riconosciuta dalla critica ufficiale. Il posto è gestito alla perfezione da Luca Cinacchi e ha una varietà di offerte: potete passare in modo veloce ed informale a mangiare un piatto al banco con un’ampia scelta di vini oppure scegliere, come me, un ottimo cocktail preparato da Tommaso; il contesto è piacevole dal punto di vista estetico, dell’accoglienza e per le attenzioni rivolte ai clienti. Parlo proprio da cliente, altro non sono. Solo che a me non piace Trip Advisor.

L’incontro era di lavoro, dovevo parlare con un collezionista di vini che voleva provare con me, Luca Cinacchi e Marco Curcio, sommelier del ristorante, due annate di Dom Perignon rosé: 2003 e 1998, quest’ultima in versione magnum. Io avevo aperto un ’96 dello stesso champagne il giorno prima da Roscioli, a Roma, ed ero quindi in possesso di un confronto recente.

L’ultima novità che segnalo da Trussardi è un ampio fumoir, dotato di un impianto di aspirazione così prodigioso che mi è sparita la forfora sulla giacca. Si può bere, parlare, mangiare, fumando sigari eccellenti. Ed è esattamente quello che abbiamo fatto noi, con Habana Montecristo “A”.

Dom Perignon Rosé 2003 è figlio di un’annata calda. Uve raccolte con quasi 40 gradi, in condizioni dove solo Geoffroy, lo chef de cave, poteva ricavare qualcosa di buono, cosa che gli è riuscita degnamente col brut ma un po’ meno con questo rosé. L’acidità non è sufficiente a sostenere un frutto così carico, maturo, che sa direttamente di Kir Royal, di cassis de Dijon, senza passare dal ribes, che è evidente e piacevole nel ’96 (grandioso) e, ancor di più, nel ’98, ornati entrambi da spezie, agrumi e bocca assai nobile per equilibrio. Il perlage è come sempre inattaccabile. Nel complesso, non m’è parso di avere a che fare con un vino pesante ma con una bevuta eccessivamente morbida, almeno per il mio gusto, sul cui futuro non scommetterei.

Dom Perignon Rosé Vintage 2003 non mi ha soddisfatta, sono sincera e prima o poi doveva capitare. Non è così grave che le certezze possano incrinarsi, e sono convinta che nel vino, come in amore, a niente serva il sacrificio di innamorarsi dei difetti dell’altro: basterebbe imparare ad accettarli.

avatar

Cristiana Lauro

Cantante e attrice di formazione ma fortemente a disagio nell’ambiente dello spettacolo, che ha abbandonato per dedicarsi al vino, sua più grande passione dopo la musica. Lauro è una delle degustatrici più esperte d’Italia e con fierezza si dichiara allieva di palati eccellenti, Daniele Cernilli su tutti. Il suo sogno è un blog monotematico su Christian Louboutin e Renèe Caovilla, benchè una rubrica foodies dal titolo “Uomini e camion” sarebbe più nelle sue corde. Specialista di marketing e comunicazione per aziende di vino è, in pratica, una venditrice di sogni (dice).

12 Commenti

avatar

Pier Paolo

circa 7 anni fa - Link

Non ho sentito il Rosé, ma il Brut 2003 mi ha deluso parecchio con quella nota amarognola fastidiosa, calcolando che è stata anche la prima bottiglia di Dom che ho comprato interamente con i miei dindi alla delusione si è unita anche un pò di incazzatura!

Rispondi
avatar

AG

circa 7 anni fa - Link

Per rispetto a M. Geoffroy, direi "Semplicemente, l'eccezione che conferma la regola."

Rispondi
avatar

Alberto Lupetti

circa 7 anni fa - Link

Cara Cristiana, ne abbiamo parlato brevemente poco tempo fa ed eravamo di idee diverse. Però ci dobbiamo ritrovare tra un po' di fronte a una bottiglia di DPR 2003 perché credo che il tempo giocherà a suo favore. Quindi... a presto!

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 7 anni fa - Link

Sì è vero ne abbiamo parlato e ricordo bene che non eravamo della stessa opinione. Siccome mi piace confrontarmi, cerco di avere ragione più che posso ma capita spesso che abbia torto, accetto l'invito con piacere. ;-) che nella mia lingua significa: offri tu! :D

Rispondi
avatar

Rossano Ferrazzano

circa 7 anni fa - Link

cioè, Cristiana, questi spendono dei soldi (immagino non pochi) per avere consulenze d'assaggio, nel mentre ci si fuma sigari di non propriamente leggera dote aromatica? il mondo è meraviglioso (o almeno può esserlo) :-D

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 7 anni fa - Link

Oggesù, è arrivato Furio...precisiamo allora: abbiamo bevuto, poi mangiato e poi parlato (ma non con la bocca piena) e solo successivamente fumato sigari. A parte il fatto che la cosa non mi scandalizzerebbe comunque perchè, non so tu, ma io so distinguere sentori di tabacco fumato da ribes e cassis. P.s la persona in questione non spende soldi per consulenze di assaggio. Il mio mestiere non consiste nel farmi pagare per dire a uno se il vino è buono o cattivo. E poi pensi sempre ai soldi, che volgarità ;-)

Rispondi
avatar

apalmero

circa 7 anni fa - Link

well, Trussardi alla Scala, tre annate di Dom Perignon in due giorni, Montecristo... this is so Jet Set!!! Se c'e' da bere vino mediocre in questo modo, chiamatemi! ;))))

Rispondi
avatar

Muffanobile

circa 7 anni fa - Link

D'accordo con Cristiana. Degustata due giorni fa da Arcioni, insieme al nuovo ed eccezionale Dom Pèrignon Vintage 2004 ed all'interminabile Dom Pèrignon Enothèque 1996. Un Rosè certamente ben equilibrato, ma privo della personalità che contraddistingue i vini di Geoffroy. Oltre alla calda annata 2003 le uve, prima della vendemmia, subirono anche un paio di giorni di gelate notturne. La qualità di questa 2003 non giustifica certamente l'alto prezzo di vendita.

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 7 anni fa - Link

Musica per le mie orecchie. 04 buonissimo, Oenoteque 96 spaziale e l'enoteca Arcioni gran buon indirizzo a Roma. ;-)

Rispondi
avatar

muffaplebea

circa 7 anni fa - Link

sante parole, il buon vecchio Geoffroy non e' piu quello di una volta... ah, non c'entra nulla, ma nel'ultima settimana mi sono scolato 14 dom perignon diversi in formato tanica. avevo una sete... Buonini ;)

Rispondi
avatar

Giacomo

circa 7 anni fa - Link

Meno male che non avete fumato prima di bere allora visto che dopo una fumata di quelle il palato diventa inservibile per un po' di tempo :D

Rispondi
avatar

Denny

circa 7 anni fa - Link

Evviva i vini con i diserbanti a gogo e gli insetticidi a manetta

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.