Cara Borletti Buitoni, aggiunga il “Minuscolo pezzettino di carne con quattro fagiolini” di Enrico Crippa al suo curriculum. Offre Intravino

Cara Borletti Buitoni, aggiunga il “Minuscolo pezzettino di carne con quattro fagiolini” di Enrico Crippa al suo curriculum. Offre Intravino

di Antonio Tomacelli

Questa settimana Il Premio “Voce dal sen fuggita” che lo chef Fulvio Pierangelini assegna quando si incazza, se lo aggiudica d’imperio il sottosegretario Ilaria Carla Anna Borletti Dell’Acqua in Buitoni. La motivazione, rilasciata alla rivista Panorama dallo chef pluristellato, recita: “È il delirio di una snob calvinista, tutta retroguardia e qualunquismo“. Eccola, se ve la siete persa, la frase che ha consegnato alla storia il sottosegretario Borletti Buitoni facendole vincere il prestigioso premio:

 «Giudico negativamente il livello degli chef italiani. In Italia si è smesso da tempo di mangiare bene, anche perché siamo corsi dietro alle mode, ai francesi, allontanandoci dalla nostra idea di cucina»

Pensate sia facile pronunciare simili banalità senza rovinare la messa in piega? No, cavoli, non lo è, ma la signora è riuscita nell’impresa di superare se stessa con un comunicato pubblicato sul suo sito che, se possibile, peggiora la situazione fiondandola diritta nell’Empireo delle Banalità, a fianco delle frasi “di mamma ce n’è una sola” e “non ci sono più le mezze stagioni”. Leggiamola insieme, in religioso silenzio:

«Confesso che, come forse la maggior parte degli italiani, tra quattro fagiolini che circondano un minuscolo pezzettino di carne e un piatto di pappardelle al sugo di lepre, preferisco la seconda opzione»

Insomma, la smentita peggiora la posizione della Signora che non riesce a distinguere la differenza che passa tra cucinare e scongelare.

Una volta per tutte Borletti Buitoni: la Grande Cucina Tradizionale non è una questione di porzioni abbondanti e di spaghetti ajo e oio ma di tecnica e genio allo stato puro. Il “Bollito non Bollito” di Massimo Bottura, per dire, è un grande piatto della tradizione italiana al quale lo chef modenese ha cambiato i tempi e le modalità di cottura, seguendo i dettami di Ferran Adria. Ora dovrei aprire un capitolo a parte per spiegarle chi è Ferran Adria e perchè la cucina internazionale si sia lasciata affascinare dallo chef spagnolo — non francese, badi bene – ma, come si dice, un’immagine vale più di mille parole.

La lascio, dunque, al “Minuscolo pezzettino di carne con quattro fagiolini“* preparato apposta per Lei dallo chef del ristorante Piazza Duomo di Alba, Enrico Crippa. La guida Michelin gli ha assegnato giusto qualche mese fa le Tre Stelle, il massimo riconoscimento che un cuoco possa ottenere.

Spero lo perdonerà, nessuno è perfetto.

* Brasato al vino bianco, fagiolini dell’orto, bietole, carote e purea di fave bianche” 

[Foto: Alessandro Morichetti. Grazie ad Enrico Crippa e allo staff del Ristorante Piazza Duomo di Alba per la collaborazione]

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

28 Commenti

avatar

stefano bonilli

circa 6 anni fa - Link

Io ho pubblicato le pappardelle sulla Gazzetta Gastronomica e voi il piatto che Carla Anna Ilaria Borletti dell’Acqua, coniugata Buitoni, detesta. Non resta che andare a mangiare l'uno e l'altro, magari Crippa ci fa anche il piatto di pappardelle :-)

Rispondi
avatar

Stefano Cavallito

circa 6 anni fa - Link

E comunque non se ne può di questo tempo.

Rispondi
avatar

Paolo

circa 6 anni fa - Link

Ieri ho comperato delle mele, Signora mia, e sapesse che tristezza: non sapevano di nulla! oVVoVe!

Rispondi
avatar

A3C

circa 6 anni fa - Link

ma l'avete vista la Buitoni? anche da giovane era un MAPPAZZONE...a forza di mangiare piatti di pappardelle al MAPPAZZONE....che dilusione questi ministri...voglio che muorono...SUBBITO

Rispondi
avatar

luigi russolo

circa 6 anni fa - Link

per degustare,amare,condividere.... ci vuole sagezza e un po di tempo.. il cibo e' amore e come l'amore... non si fa per corrispondenza *certe" persone"sembra che non vivino la nostra contemporaneita. che peccato essere distratti

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 6 anni fa - Link

Ok lo confesso. Ho fotografato il piatto, me lo sono pappato e poi ho spazzolato 3 piattozzi di amatriciana con la brigata di cucina. Sono da ricovero? :D

Rispondi
avatar

Gabriele Boffa

circa 6 anni fa - Link

Sei un figo!

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 6 anni fa - Link

E non uso lo scalogno. Mangio anche quello, pure crudo! ;-)

Rispondi
avatar

Anna girello

circa 6 anni fa - Link

Ben fatto

Rispondi
avatar

A3C

circa 6 anni fa - Link

@luigi russolo *certe” persone”sembra che non vivino la nostra contemporaneita. che peccato essere distratti.... e certo.... soprattutto quando si sbagliano i congiuntivi e gli accenti

Rispondi
avatar

Dylan Doc

circa 6 anni fa - Link

Grande A3C, paladino della grammatica italiana. Che peccato sarà la distrazione? Venale o veniale? ;-)

Rispondi
avatar

A3C

circa 6 anni fa - Link

visto che siamo su IV direi peccato baccanale

Rispondi
avatar

Giulio

circa 6 anni fa - Link

Secondo me è un concetto vero, ma espresso di m...a!

Rispondi
avatar

Filippo

circa 6 anni fa - Link

Io affermo convintamente che non ci sono più le mezze stagioni

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 6 anni fa - Link

Nasce intanto il "Movimento 4 Fagiolini" ad opera di Bob Noto https://www.facebook.com/pages/Movimento-Quattro-Fagiolini/459651954121913

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 6 anni fa - Link

Cari amici di tutto il mondo, in Italia si mangia male; parola di (quasi) ministro! Che splendido esempio di tafazzismo, spero solo che l'augusta signora non volga la sua fertile mente al nettare di Bacco.

Rispondi
avatar

dva45

circa 6 anni fa - Link

Caso da manuale: una volta arrivata in fondo, l'illuminata Sotto Segretario ha cominciato a scavare...

Rispondi
avatar

vincenz

circa 6 anni fa - Link

Ti faranno santa,Ilaria.Attaccata e denigrata : ai contro tutti i blog del web.Siamo in pochi a dire,in solitudine,non ti hanno capito ,non hanno capito un c.... ,anche se hai fatto qualche errore di comunicazione.Sono sempre stato dalla parte dei martiri.Santa subito!

Rispondi
avatar

Alberto G. Tricolore

circa 6 anni fa - Link

Parlava probabilmente di pseudoristoranti e finticuochi. Si ferma all'apparenza del pezzettino di carne e fagiolini (certo pochina ma bisogna giudicarne qualita',idea, sapori ecc. ecc.) Se mi fermassi all'apparenza, come questa specie di sottominestro ha fatto, solo a guardare quei capelli che tiene.le chiederei un suo parere sulla qualita' dei parrucchieri italiani.Spero che il suo parrucchiere non sia italiano.

Rispondi
avatar

vincenz

circa 6 anni fa - Link

Alberto mi piacerebbe sapere se le pappardelle al sugo di lepre (ma potrebbe essere uno dei 1000 piatti della Grande Cucina Classica Italiana), ti piace? Poi la Buitoni ha commesso qualche errore di comunicazione,ma la reazione è stata ENORME e dovrebbe far riflettere,non l'imperfezione di stile di I.B.B. ma la reazione.

Rispondi
avatar

Alberto G. Tricolore

circa 6 anni fa - Link

A me piacciono i "Classici della Cucina italiana",penso piacciano a tuttt o quasi. Vado pazzo per certi piatti. Certo non giudico male es. un Bottura solo perche' fa cose "strane" cosi' a priori.Bisognerebbe avere una mente un po piu' aperta,il che no significa mangiare una caccola che ti spacciano per Stella Cometa. Il modo in cui comunichi un messaggio e' molto importante, bisogna chiarire bene quello che si vuol dire, specie se vai a colpire nel mucchio e se sei un personaggio che puo' influenzare qualcuno. Se io dico una sciocchezza, o se sono solo superficiale e mi spiego molto male, piu' o meno finisce li, quando parla un ministro,un giornalista un qualsiasi personaggio pubblico l'effetto potrebbe essere a volte molto deleterio proprio per chi si un mazzo cosi'. Vincenz la reazioine e' stata enorme perche' sicuramente una parte di chi lavora nel settore con impegno e capacita' si e' sentita offesa. L'altra, quella che fa ristorazione per modo di dire, chi ti vende di tutto o quasi, chi cerca di fregarti in ogni modo,quella parte, forse neanche li legge sti argomenti. Di sicuro non sono tutte rose e fiori nell'universo enogastronomico ma come tu dici e' il modo in cui comunichi che diviene fondamentale perche' un concetto sia recepito nel modo giusto.

Rispondi
avatar

davide

circa 6 anni fa - Link

Borletti Buitoni (Viendalmare), più cognomi che cervello ...

Rispondi
avatar

vincenz

circa 6 anni fa - Link

Se il tuo cervello riesce a produrre questa frase ,beh non è poi così grande. Capelli ,fagiolini,pluricognomi...una denigrazione di bassa lega che sminuisce chi le formula.Abbi pazienza,signora Ilaria.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.