Barolo 2012 e Barbaresco 2013 | L’anteprima dell’Anteprima di Luca Gardini. Perché io so’ io…

Barolo 2012 e Barbaresco 2013 | L’anteprima dell’Anteprima di Luca Gardini. Perché io so’ io…

di Antonio Tomacelli

Nell’Italia del “Lei non sa chi sono io” e della pernacchia ai lavoratori sul ciglio della strada, sta prendendo piede una nuova forma di maleducazione che, per comodità, chiameremo “l’Anteprima dell’Anteprima”.

Dopo l’anteprima del Brunello di Montalcino, riservata ai giornalisti americani qualche mese prima di quella ufficiale, ecco che il Consorzio di Tutela di Barolo e Barbaresco, Alba, Langhe e Dogliani si esibisce in uno schiaffo agli addetti ai lavori (buyer, giornalisti, blogger), spedendo agli associati la mail che qui riportiamo:

Oggetto: Degustazione Luca Gardini – Barolo 2012/Barbaresco 2013 Gent.mo Associato, Nelle giornate del 2 e 3 marzo 2016 presso il Consorzio Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani, Luca Gardini assaggerà il Barolo annata 2012 ed il Barbaresco annata 2013, così da redigere un personalissimo reportage sull’annata e sul territorio di produzione del Barolo. · Le aziende interessate potranno recapitare i campioni (1 bottiglia per tipologia richiesta) entro e non oltre venerdì 26 febbravio p.v., presso gli uffici del Consorzio, indicando sulla scatola “Degustazione Gardini”.

E così, da oggi, la “Degustazione Gardini” is the new “Io so’ io e voi non siete un cazzo” (cit. marchese del Grillo).

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi e Stefano Caffarri il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

11 Commenti

avatar

claudia

circa 5 anni fa - Link

Stiamo arrivando all'inutilità delle anteprime Costi per i consorzi e basta?

Rispondi
avatar

Adriano Aiello

circa 5 anni fa - Link

Io sono per l'anteprima in vasca, con muta e boccaglio, predisposta di cannuccia di assaggio incorporata. Temo però l'abuso dei sentori salmastri.

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 5 anni fa - Link

ci stiamo avvicinando a Bordeaux! là sono alla 2015 tra poco...

Rispondi
avatar

Alberto

circa 5 anni fa - Link

te rode parecchio, eh?

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 5 anni fa - Link

sinceramente, nel caso citato non saprei come giudicarle con efficienza. Ma in ogni caso, se Intravino facesse la medesima richiesta non credo che rimarremmo senza bottiglie da assaggiare. Il trend nei Consorzi è questo e non è detto che in assoluto sia negativo. La preoccupazione semmai è che le aziende non siano commercialmente strutturate per gestire questo lancio in anteprima.

Rispondi
avatar

Peter

circa 5 anni fa - Link

glie rode parecchio, perchè tommaso tommacelli conta meno di Gardini......FATTENE UNA RAGIONE . E magari cominciate a scrivere qualcosa ad'interessante ! I consorzi di sicuro fanno una campagna comunicativa orribile , ma anche voi con questi articoli arrrivate dove loro non arrivano......

Rispondi
avatar

Hamlet

circa 5 anni fa - Link

continuano le approssimazioni di Antonio Tomacelli. Dopo l'errore sull'articolo su Gualtiero Marchesi (ma uno che fa informazione non dovrebbe rettificare un errore su un articolo?), ecco un'altra approssimazione. Tomacelli scrive "Dopo l’anteprima del Brunello di Montalcino, riservata ai giornalisti americani qualche mese prima di quella ufficiale," 1) non si tratta di qualche mese da di un solo mese e 2) ogni consorzio è libero di organizzare le anteprime dove vuole e a chi vuole. Se il 25% del brunello va negli Usa, che male c'è a organizzare un "Benvenuto Brunello Usa" in 2 città americane? Uno che vive negli Usa, ha avuto la possibilità di assaggiare alcuni Brunello a New York o a Chicago, uno che vive in Europa, avrà la possibilità di assaggiare molti Brunello a Montalcino. Bisogna sempre fare polemiche sul nulla??

Rispondi
avatar

Morrisoff

circa 5 anni fa - Link

Nell’Italia del “Lei non sa chi sono io”... lo sentito dire da parecchi giornalai.

Rispondi
avatar

Montosoli

circa 5 anni fa - Link

Dubbio che ci sara' una calca di produttori con campioni finiti. Perche' non parlate anche voi del Barolo 2012 e Barbaresco 2013...??

Rispondi
avatar

landiano

circa 5 anni fa - Link

le anteprime sono una buona azione. fare le preanteprime no. diamoci un pò di importanza e valore. che senso ha presentare vini in questo modo? tutto è lecito per carità, ma un pò di coerenza!

Rispondi
avatar

arnaldo

circa 5 anni fa - Link

Ah beh.....se la fa' Luca Gardini....

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.