Ho conosciuto Fulvio Bressan e non sono morto (ma fossi nel Collio starei attento)

di Alessandro Morichetti

Lo vedi e subito pensi a una controfigura dell’A-Team. Carismatico, difficile, puro, intransigente, vero. Fulvio Bressan non passa inosservato, si infervora quando parla del vino, di sé, del Collio e del suo essere vinaio tra le 60 sigarette quotidiane. E’ viscerale e intransigente, psicologo di formazione ma vignaiolo per vocazione e studi a Bordeaux. I modi rustici di chi non tollera compromessi dividono il mondo in detrattori e innamorati. Da questo crisantemo di uomo non ti aspetti vini scarni e acidini da sorseggiare spensieratamente in riva al mare della Maremma e infatti non li trovi.

Lo Schioppettino 2005 è una concentrazione di spezie che pochi bicchieri sanno regalare. Volevo chiedere a Fulvio per quanti mesi abbia messo a macerare chiodi di garofano, pepe nero e mirtilli nel suo vino ma riflettendo sulla foto accanto ho preferito soprassedere. Il Moscato Rosa 2009, etichettato “a pennarello”, offre menta, tannino e ciccia in ottima armonia. Lo sviluppo gustativo è pieno e avvolgente, l’alcol c’è ma la compagnia a corredo non manca. Siamo d’accordo che il Verduzzo Friulano 2006 non vada servito a temperatura da frigo ma ecco, dicendo che la temperatura ambiente gli giovi non sarei sincero. Vini di sovrabbondante personalità e nessuna sciatteria. Il Pinot Noir 2004 è impattante e succoso, non lascia indifferenti come il Carat 2006, uvaggio di friulano, malvasia e ribolla che macerano sulle bucce come il verduzzo.

I vini di Bressan sono poco fieristici, l’assaggio veloce li castra. Possono non piacere, come i modi di Fulvio, e metto questa caratteristica tra i pregi di un ambiente spesso conformista e propenso a una finta civiltà delle buone maniere. Bressan non è un uomo facile da approcciare e ha molti nemici. Ultimi arrivati, il Consorzio di Tutela dei Vini del Collio e Slow Food Friuli Venezia Giulia, che lo ha escluso dalla manifestazione SuperWhites Milano 2011 (tenutasi il 9 maggio) dopo le dichiarazioni fatte da Bressan ad Andrea Petrini (Percorsi di vino) in occasione di SuperWhites Roma (13 marzo). Antefatto: Nereo Bressan, il padre di Fulvio, è stato uno dei fondatori del Consorzio di Tutela Vini del Collio nel 1964. Era il Pleistocene del vino italiano. Passano gli anni e cambiano molte cose. I prezzi crescono come le bottiglie prodotte e le rese per ettaro consentite. Disciplinari che prevedono 110 quintali/ha stanno stretti a chi come Bressan produce 30/35 q.li/ha e quando la promozione privilegia alcune aziende a discapito di altre, ad esempio chi produce vino a doc piuttosto che igt, i conti di Bressan non tornano. Invito caldamente ad ascoltare l’intervista che segue. Il primo che apprezza la schietta sincerità boscaiola del Bressan ha il mio massimo rispetto. Posso dissentire su alcune idee ma amo chi non si nasconde dietro un dito e se aprissi il capitolo “Efficacia, efficienza e metodi di gestione dei Consorzi di Tutela” staremmo qui a discutere fino a Natale e oltre.


avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, vendo vino su Doyouwine.com. Marchigiano, vivo nelle Langhe. Amo tutti gli animali e qualche umano.

102 Commenti

avatar

kenray

circa 6 anni fa - Link

di verduzzo buono ancora devo assaggiarne uno che sia uno bressan come lo fa? (bressan mi perdoni ma lei deve darsi una regolata col cibo)

Rispondi
avatar

Fulvio Bressan

circa 6 anni fa - Link

Lei ha perfettamente ragione...ma fin ora sono riuscito a giustificarmi dicendo che un buon attrezzo deve stare sempre al coperto... Saluti Fulvio BRESSAN

Rispondi
avatar

kenray

circa 6 anni fa - Link

bressan il tuo vino lo assaggerò promesso ma se fa schifo alla ciolla...non te lo dico.. mica son scemo :)

Rispondi
avatar

Valerio

circa 3 anni fa - Link

Mitico Bressan

Rispondi
avatar

carolina

circa 6 anni fa - Link

lo fa buono, come tutti i suoi vini, crediammè. a cerea era davanti a me col banchetto, strano tu non l'abbia visto.... eri forse illuminato dalla mia facciona? :)

Rispondi
avatar

kenray

circa 6 anni fa - Link

tesoro cercavo prosecchi non verduzzi

Rispondi
avatar

Marco De Tomasi

circa 6 anni fa - Link

Fulvio Bressan è un personaggio che vale la pena di conoscere e con cui almeno una volta nella vita bisogna intrattenersi. Al mio primo incontro (io mai visto lui e lui mai visto me), prima che io proferissi parola, mi squadrò ed esordì: "tu di vino non capisci un cazzo !". Ti stimo fratello !

Rispondi
avatar

kenray

circa 6 anni fa - Link

uno che pesa come un camion a rimorchio ha sempre ragione a prescindere. l'anno prossimo a cerea lo vado a conoscere. e gli dirò "tu di calcio non capisci un cazzo" vediamo che succede dopo.

Rispondi
avatar

Fulvio Bressan

circa 6 anni fa - Link

Che io di calcio non ci capisca un cazzo é perfettamente VERO....posso avere la forma di una palla, ma di calcio non ci capisco nulla Fulvio BRESSAN

Rispondi
avatar

corrado dottori

circa 6 anni fa - Link

Dedicato ai tanti che stanno trasformando le pubbliche denominazioni di origine in marchi commerciali privati. Grande Bressan.

Rispondi
avatar

Fulvio Bressan

circa 6 anni fa - Link

Caro CORRADO, hai proprio messo il ditino nella piaga....ormai le DOC sono di proprietà dei grandi produttori...Grandi per volumi e non sicuramente per qualità. Questi potentati non gradiscono che la gente assaggi i vini di piccoli produttori, che nel 90 per cento sono più buoni e con un rapporto qualità-prezzo più giusto.... Allora i produttori grossi,non grassi, assieme a quelli Gamberizzati creano il monopolio per spartirsi l'OSSO della promozione, della stampa, insomma non c'è cosa peggiore del povero ARRICCHITO che guarda il suo passato NEGANDOLO e prostituendosi per avere quella gloria che gli sta scivolando via,perchè la sua ingordigia lo ha reso cieco... Fulvio BRESSAN

Rispondi
avatar

Catine

circa 6 anni fa - Link

Bravo Bressan. Condivido in toto.

Rispondi
avatar

andrea petrini

circa 6 anni fa - Link

Mi avete anticipato nel post ma sul tema della libertà di espressione con Bressan organizzeremo qualcosa di particolare. Siete tutti invitati.

Rispondi
avatar

Carlo Cleri

circa 6 anni fa - Link

Il "carat" 2006 che ho assaggiato in un laboratorio di bianchi friulani di più di 5 anni a mio parere era straordinario. Come straordinari erano i suoi interventi!

Rispondi
avatar

Carlo Cleri

circa 6 anni fa - Link

" Chiariamo subito una cosa: io non faccio vino per le masse! Piuttosto metto le mine nelle vigne!"

Rispondi
avatar

kenray

circa 6 anni fa - Link

un bel tipo. e chi è, lo sgarbi del grappolo? se devo contribuire metto dei soldi per il napalm. cosi siam sicuri che di vino non ne fa piu'. firmato: uno della massa

Rispondi
avatar

Carlo Cleri

circa 6 anni fa - Link

:-) Il suo vino non era per niente banale Kenray.

Rispondi
avatar

Alberto G.

circa 6 anni fa - Link

Un grande. Ancora mi ricordo come si presento' in una degustazione guidata in cui vi erano cinque vini a confronto, con un introvabile Pignolo Brusin del 99 (ho spulciato negli appunti mica ho tutta sta' memoria), stupefacente.A partire dal colore che due anni fa era ancora brillante,e poi al palato ed al naso,un rincorrersi tra frutto-acidita',spezie e balsamico che a me,e non solo, lascio' a bocca aperta.Il pignolo, come anche lo schioppettino ,per i pochi che avevo bevuto me li ricordavo di una semplicita' (e a volte scarsa qualita')completamente differente.Gia' appunto questo e' un personaggio,"differente" estremista e rompico..... e dice cose che specie a molti della sua zona possono non piacere.Proprio a proposito delle rese,della cura in vigna ecc. ecc.Tra l'altro,di ritorno dalla Francia, a molti ando' proprio sui maroni come dite da quelle parti.

Rispondi
avatar

Renato

circa 6 anni fa - Link

A me i vini di Bressan proprio non piacciono, in particolar modo i rossi. Quasi tutti i miei conoscenti sommeliers dicono di condividire il mio punto di vista, quindi francamemte non capisco tutti sti entusiasmi.

Rispondi
avatar

armando trecaffé

circa 6 anni fa - Link

....sarà pure un grande...e mi piace come tipo (faro' di tutto per conoscerlo) ma 1) come fa ad assaggiare il vino con la lingua asfaltata dalle sigarette? 2) vista l'età se non perde qualke KG. fa la fine di Montalban nell'aeroporto di Bangkok... e cio' sarebbe molto triste....Ciao,

Rispondi
avatar

Mauro Risso

circa 6 anni fa - Link

Ahahahha!!! Grandissimo...

Rispondi
avatar

Mauro Lajo Esperto CasaClima

circa 6 anni fa - Link

Fulvio è solo da conoscere, come del resto il grande Nereo padre di Fulvio. Tutto il resto non conta in quanto sarebbe riportare una visione parziale di un piccolo mondo e di un grande uomo. Per quanto mi riguarda mi ha colpito lui, la sua storia, il suo modo di intendere il rispetto per la natura, per la terra e per il suo lavoro. Il suo modo di fare vino e la sua visione del mondo del vino. Un raro esemplare di integrità, schiettezza, caparbietà e passione.

Rispondi
avatar

Francesco

circa 6 anni fa - Link

...e anche tu eri al "Maremma Wine"? impressioni in merito sui "vermentini gentili" e non solo che erano in degustazione? ciao

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 6 anni fa - Link

I vini ahimé non li ho assaggiati ancora, ma non dispero. Sicuramente il Signor Bressan é un tipo che di persona invita all'assaggio della propria produzione senza pregiudizio alcuno. Si vede che ha studiato psicologia. "di vini non capisci un cazzo" cattura immediatamente la stima dell'interlocutore affetto dalla Sindrome di Stoccolma. "non faccio il vino per le masse" gratifica chi si vuol sentire diverso e facente parte di un élite superiore. Quindi se il suo vino non ti piace la colpa é tua, ignorantone rozzo e schiavo del sistema. Meno male che mastica un mezzo toscano (ma che sigarette A3C!) e che ha un fisico che manifesta il suo amore per la vita, se fosse pure magro e non-fumatore riuscirebbe antipatico. Quel che mi chiedo é: Moricchia, ma a uno che ha il tuo modo di porgersi e quegli occhiali, lo ha dato un cazzotto sul muso prima di concedere l'intervista?

Rispondi
avatar

Davide Cocco

circa 6 anni fa - Link

Quella che ha al collo durante il video è la tesa di Jeeg robot d'acciaio. Alla fine è un bambinone pure lui. Sani.davide

Rispondi
avatar

Fulvio Bressan

circa 6 anni fa - Link

Caro DAVIDE...hai colpito nel segno.... Secondo me...QUANDO MUORE IL BAMBINO CHE C'è IN TE, SEI UN UOMO MORTO... Con questa filosofia mi alzo ogni giorno....e continuo a farmi emozionare dalla natura... Saluti Fulvio BRESSAN

Rispondi
avatar

Davide Cocco

circa 6 anni fa - Link

Il bello è che ce l'ho anch'io da qualche parte. Uguale identica alla tua. Un regalo di mamma. Meglio che la vada a cercare. Sani.davide

Rispondi
avatar

carolina

circa 6 anni fa - Link

che bello esser tutti bambini nonostante gli anni e i kg vero Fulvio? :)

Rispondi
avatar

Virgilio Brunetti

circa 6 anni fa - Link

Caro Fulvio, la "conosco" da esattamente 5 min ma già dai primi 30 secondi mi è risultato simpaticissimo.

Rispondi
avatar

matej figelj

circa 6 anni fa - Link

Secondo me è un buon metodo di fare pubblicità, qua nel collio ne stanno parlando da tempo un pò tutti... spero solo che non censurino il video se no facciamo una figura da terzo mondo.... Per quel che riguarda il vino naturale, ogni Contadino cerca di avere il massimo rispetto per la terra, la vite e la natura il resto sono tutte balle!!!! saluti da Oslavia

Rispondi
avatar

Fulvio Bressan

circa 6 anni fa - Link

Che ogni contadino cerchi di avere il massimo rispetto per la terra, mi sembra una balla colosale: girando per il Collio si possono vedere la maggioranza dei vigneti ben DISERBATI (... ovviamente il diserbo in Collio non arriva nel vino...) e da statistica risulta il miglior consumatore di trattamenti SISTEMICI che sicuramente donano quella marcia in più al vino. Perciò rimangono pochissimi i pazzi scatenati che preferiscono rinunciare ad un pezzo di reddito per poter fare dei vini che non ti spappolano il cervello ed il fegato... Se volete possiamo fare le analisi ai Vs. terreni, assieme ai miei, intendo tutti i terreni, e non solo quelli che vi servono da esibire ai giornalisti o ai creduloni. Poi vedremo i risultati. Fiducioso Fulvio L. Bressan

Rispondi
avatar

Paolo Rusconi

circa 6 anni fa - Link

Ciao Fulvio, a pochi passi dalla tua cantina, oltre al diserbo ci sono molti impianti irrigati, sia con impianti a goccia che con i ruotoni da mais. Gli impianti a goccia sono spesso equipaggiati con tubi venturi per aspirare e mettere nell'acqua qualcosa. In quanto ai risultati analitici a me non servono, basta bere una boccia delle tue che magari si esce allegri, ma mai con un mal di testa o un bruciore di stomaco. ( e non solo perchè te il vino lo vendi pronto da bere) Un abbraccia a te e Yelena, un saluto al piccolo e a Nereo

Rispondi
avatar

Fulvio Bressan

circa 6 anni fa - Link

Caro Paolo, ti ringrazio per l'intervento... ma c'è da dire di più: qui, già da 2 settimane stanno irrigando i vigneti con i rotoloni da mais e tutti gli impianti possibili... e siamo sul Collio. Se incominciano ad irrigare adesso fra un mese non si riesce ad entrare nei vigneti neanche con un fuoristrada, a luglio / agosto si entrerà con il canotto, per arrivare a settembre a vendemmiare con la piroga. E tutto questo solo... e ripeto, grazie a Dio, anche se il Disciplinare Collio prevede esclusivamente l'irrigazione di soccorso, previo disposizione Prefettizzia. Pensa come sono felici le viti di tanta acqua. Viva la qualità. Fulvio Bressan

Rispondi
avatar

matej figelj

circa 6 anni fa - Link

Farra d'Isonzo non è Collio, per il momento qua in collina non c'è alcun bisogno di bagnare, se poi uno lo fa (in pianura) è una scelta prettamente sua... Se uno cosa mi ha suscitato questo post è l'interesse ad assaggiare un vino del sig. Bressan che non ho mai assaggiato anche se vivo a pochissima distanza, perciò colgo l'occasione di chiedergli se è possibile fare una piccola degustazione e una chiacchierata spensierata in compagnia dei suoi vini...:-) Matej Figelj

avatar

Fulvio Bressan

circa 6 anni fa - Link

Mi spiace per te, ma devi rileggere le planimetrie della DOC Collio, visto che Farra rientra nella DOC Collio... Dal fatto che uno del Collio non conosca nemmeno i confini della propria DOC la dice lunga... e si vede che è proprio "un abitante del Collio"... Non è proprio pianura, visto che le colline non sono solo appanaggio di Oslavia, ma ci sono anche a Farra d'Isonzo, probabilmente con un esposizione migliore, anche se deturpate dai diserbi delle grandi aziende che producono vino Collio. Consiglio un sopraluogo, per capacitarsi che il mondo non si ferma a Oslavia e tanto meno a San Floriano. Continuare gli studi in geografia... poi parlare.

avatar

Francesco Amodeo

circa 6 anni fa - Link

Ciao Paolo, concordo come al solito con te. Per quanto riguarda la qualità dei vini di Bressan, dico solo che per me il suo Pignol 1999 è stato uno dei 4-5 migliori assaggi di Agazzano, quest'anno. Inoltre un vignaiolo che sperimenta il Pinot Nero in botte grande non può che avere tutta la mia stima!:-)

Rispondi
avatar

matej figelj

circa 6 anni fa - Link

il sopraluogo l'ho fatto anche oggi, visto che ho vigne anche a farra d'isonzo, e in geografia non andavo per niente male... Sarò anche cogli...ne, ma in un certo senso ne vado fiero di appartenere ad una terra così complicata ed affascinate come la mia zona. Se la difesa di un territorio vocato come il Collio la devo fare io che sono un giovane produttore di 26 anni siamo ben messi.... Il vino poi ognuno lo fa come meglio crede, ma di sicuro io il massimo rispetto per la natura c'è l'ho!!!! Fumo anch'io, ma il tabacco è uno dei prodotti più trattati al mondo, tranne le bio-marlboro...:-)

avatar

Fulvio Bressan

circa 6 anni fa - Link

Caro Matej, il problema non è quello che tu devi difendere il Collio,bensi' quello che chi dovrebbe farlo non lo fà,e gli altri stanno a tenere il sacco proprio a chi ruba, negando ogni responsabilità. Cosi' nel CDA del Collio và tutto bene per i soliti Furbetti del Quartierino....Evviva....C'è anche poi il PICCOLO COLLIO.... Capisco : ...sono i Piccoli Abitanti del Collio.....Per poi passare al Collio SRL....OOOOOH!!! A cosa serve questa nuova.... cosa!Booh!!!A far baipassare cosa ?...Caro Matej , sei giovane, ma non devi fare l'ingenuo....I veri nemici del Collio ce li hai proprio vicino....sono sempre quelli che parlano del Collio in modo esaltante,per poi fare ciò che vogliono,prendendo ciò che vogliono,e lasciando a terra gli altri...Io mi sono proprio rotto le Balle di questa situazione e continuerò a martellare finchè arriverà qualcuno a fare chiarezza....costi quel che costi... E' ora di finirla con i clientelismi di stampo mafioso.... Se hai capito,bene...altrimenti te lo spiegherò col tempo,quando la smetterai di dire baggianate,tipo che aFarra non ci sono le colline...

avatar

essere

circa 6 anni fa - Link

Conosco Fulvio da un po di anni e ogni volta che ci vediamo mi insulta e questo mi fa ridere perchè come giustamente ha detto il bambino che è in noi deve "guidarci" tutta la vita ....perquanto riguarda i suoi sono "semplicemente" buoni e veri e molto di più.....e vi consiglio un altro piccolo ma grande produttore di Cormons ( loc.Zegla ) che si chiama Maurizio Pincic , azienda Ronco di Zegla , anche lui un gran bel personaggio che oggi è sul mercato con l'annata 2005 per i bianchi e con un rosso 2003 .....emozionanti è dire poco.......lunga vita a questi "bambini" del vino.....grazie e buona giornata

Rispondi
avatar

Fulvio Bressan

circa 6 anni fa - Link

Concordo pienamente sul giudizio su Ronco di Zegla... anche se vive in Collio non fà parte degli "abitanti del Collio". Bravo Maurizio Princic.

Rispondi
avatar

essere

circa 6 anni fa - Link

Chi di voi vorrà assaggiare i vini di Ronco di Zegla, vi informo che l'azienda parteciperà al Florence Wine Event , che si terrà nei giorni 3.4.5 giugno a Firenze. Nell'occasione si potranno degustare il Tocai,la Ribolla, il Sauvignon tutti 2005 e il Rosso Ronco di Zegla 2003. L'azienda sarà in Piazza Santo Spirito all’interno del Chiostro dell’ex Distretto Militare . Riempi il tuo cranio di vino, prima che si riempia di terra. (Nazim Hikmet)

Rispondi
avatar

Marco Amato

circa 6 anni fa - Link

Forse non tutti sanno che Fulvio non è grosso solo che avendo finito le botti ha pensato di conservare dentro di sé il Pignol '97... Quanto ai Sommeliers c'è da dire che i vini buoni e con spiccata personalità non possono piacere a tutti e quindi tantomeno ad una categoria che nel tempo ha fatto dell'omologazione del gusto un credo.

Rispondi
avatar

Leonardo

circa 6 anni fa - Link

Io continuo a chiedermi cosa mai gli avranno fatto i sommelier al lettore medio di Intravino. Forse sono io che sono sempre stato molto fortunato ad aver incontrato i rarissimi sommelier sani di mente :-) Boh.

Rispondi
avatar

Marco De Tomasi

circa 6 anni fa - Link

Mah, un episodio su tutti. Ho condotto una degustazione qualche tempo fa (non sono Sommelier: sono uno che beve). Mi sono accorto che un vino (vini scelti da me, quindi li conoscevo bene) stava arrivando a mio avviso troppo freddo per il carattere di quella particolare etichetta. Mi sono quindi precipitato dal sommelier in uniforme chiedendogli di tirare fuori il vino dal secchiello del ghiaccio. E lui, squadrandomi altezzoso, ha sfoderato un termometrino elettronico e appoggiandolo alla bottiglia ha sentenziato "12 gradi, perfetto per un vino bianco". Non so cosa mi abbia trattenuto dall'afferrare bottiglia e termometrino e ficcarglieli in sequenza inversa dove non batte il sole ... Non si può andare avanti con il paraocchi perché c'è scritto sulle dispense dell'AIS ...

Rispondi
avatar

Leonardo

circa 6 anni fa - Link

Beh capisco però tu sai che il "certificato" di sommelier non garantisce certo la completa conoscenza di tutti i vini del mondo (anche se il sommelier in questione evidentemente agiva come se fosse così) e di conseguenza lo stolto ci può stare. Inoltre va detto anche che, in teoria, ai sommelier "dovrebbero" insegnare, in fase di servizio, a rispettare le indicazioni del cliente, in questo caso tu, che fra l'altro guidavi la degustazione. Lo sborone può sempre capitare ovviamente.

Rispondi
avatar

massimo sainato

circa 6 anni fa - Link

Mi sono imbattuto tempo fa in questo blog casualmente, grazie ai link di un affermato sommelier dedito al mondo del web che ho avuto il piacere di conoscere di persona anche nella versione sicuramente meno tecno del suo ruspante locale. E quindi saltuariamente, quando mi viene in mente negli intramezzi della mia professione che non è legata al mondo del vino torno a leggere recensioni, interviste, articoli, che sono di rara competenza e che costituiscono una finestra fra le più interessanti che io conosca nel variegato mondo del vino. Peccato però che se si ha la malaugurata idea di approfondire il tema aprendo anche i commenti, in mezzo ad alcuni competenti pareri che sembrano scritti da produttori, esperti o semplici appassionati e che si firmano tutti con nome e cognome, ci dobbiamo spesso e volentieri sorbire anche i commenti sarcastici di personaggi che si pongono in modo borioso come depositari unici della verità e che naturalmente si firmano solo con un nick (in questa serie per es. i vari kenray, nelle nuvole, trecaffè, etc, ma se ne trovano in ogni news). Francamente non se ne sentirebbe proprio il bisogno visto che non portano valore aggiunto e non sono poi nemmeno dei fenomeni dell'ironia. In una dialettica è bene che ci siano pareri discordi, punti di vista diversi, etc. ma se a qualcuno interessa che anche noi umili lettori non unti dal signore della vostra scienza infusa si continui a leggere certi blog non lasciandovi da soli a parlarvi addosso fra quattro gatti, allora sarebbe opportuno che anche le voci critiche fossero frutto di pareri motivati e non semplice ironia di bassa lega. Il sig. Fulvio Bressan che fino a pochi minuti fa nemmeno sapevo chi fosse non ha certo bisogno di difensori, ma non capisco cosa c'entrino nel dibattito le esternazioni fatte da taluni su stile di vita, fisico, vizi e abitudini alimentari del vignaiolo in questione... a me interessano esclusivamente i giudizi e i pareri sui suoi vini, sulla sua azienda, sul suo stile di vivere la professione così da farmene un'idea ed arrcchirmi nella lettura. Forse un blog senza anonimato alzerebbe il livello degli interventi perchè la mamma degli anonimi mi ricorda molto quella degli imbecilli, sono entrambe sempre incinte... Non sarà perchè in questo mondo divino taluni pensano di essere unici depositari della verità e replicano con arroganza e fastidio a tutto ciò che non è in linea con il loro pensiero? E dire che in teoria solo di vino si sta parlando .....

Rispondi
avatar

armando trecaffé

circa 6 anni fa - Link

Senti caro Massimo... meno male che ci sei tu a dirci come comportarci, sei un animo sensibile e ti prego di perdonarmi per averti importunato con le mie facezie... pero' a me piacerebbe molto continuare a scvivere su questo blog... allora facciamo una cosa: mandami il tuo indirizzo di posta elettronica cosi' ti invio i miei interventi in anteprima, se ti piacciono poi li pubblico altrimenti li cancello...va bene? Rispattosamente tuo...A3C

Rispondi
avatar

kenray

circa 6 anni fa - Link

armando scusalo, lo ha detto lui, è nuovo avesse frequentato meglio e di più non solo saprebbe chi siamo e come ci chiamiamo ma ci avrebbe anche visti intervistati al vinitaly con tanto di filmino. come degli attori professionisti. su una cosa ha ragione la madre dei coglioni è sempre in cinta degli anonimi e non

Rispondi
avatar

Marossi

circa 6 anni fa - Link

Abbasso l'anonimato. Evviva chi si firma con nome e cognome. Marossi Marossi

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 6 anni fa - Link

Caro Massimo, la questione dei commenti anonimi è aperta e dibattuta. Detto questo, ogni blog ha i suoi habitué e giudicare negativamente a priori un commento sotto nickname non è la scelta migliore. Buona lettura.

Rispondi
avatar

Mara

circa 6 anni fa - Link

Ci hai ragione, in linea di principio. Però secondo una statistica avvallata dai RAI2 rubrica Costume e Società, chi usa nickname dimostra di avere più fantasia e creatività, di chi usa firmarsi. Non ha detto nulla sulle abitudini sessuali. Io non la metterei giù così dura. Non abbiamo tutti bisogno di giocare, ridere e muovere i 37 muscoli facciali necessari per ridere invece dei 125 che servono per essere seri? E poi, ognuno si diverte come può, no? e vista quanta gente guarda i show di Sabato sera Rai1 questa robetta qui mi pare goliardica. ( si scrive con il "GL" o no?

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 6 anni fa - Link

Azdora Mara, probabilmente sono leggermente OT (fuori tema) riguardo all'argomento del post, ma é da tempo che volevo significare la mia gratitudine ed ammirazione. Per il fatto che nonostante la tua appartenenza al genere femminile non disdegni di intervenire con humor ed intelligenza in questo blog testosteronico. @Massimo Sainato, quale nick? Mi chiamo Nelle di nome e Nuvole di cognome.Non mi ritengo depositaria di alcuna verità, ma mi piace partecipare a conversazioni sul web, portando la mia esperienza e il mio punto di vista. Nel caso specifico il fatto che del signor Fulvio Bressan venga esaltato da alcuni compagni commentatori più il modo di fare che i suoi vini o la sua battaglia legittima riguardo a certe politiche omertose consortili.

Rispondi
avatar

Mara

circa 6 anni fa - Link

Certo è che sto Fulvio ha un che di "taurino" (non Cosimo) che mi smuove qualcosa, anche se non so bene cosa possa essere. Anche a te fa questo effetto a guardare la foto?

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 6 anni fa - Link

A me piacciono tondi, e sorridenti. Quindi Bressan nella foto con un mezzo sorriso e il toscanello mi fa l'effetto di dirgli "non capisci un cazzo di donne ma fammi assaggiare il tuo vino che mi dicono essere speciale." Il Bressan del filmato mi fa molto meno effetto, ma bisogna capirlo, rispondeva alle domande del Moricchia:)

avatar

Luca Cravanzola

circa 6 anni fa - Link

Ho conosciuto Bressan ad una degustazione di un agente in comune, mangiando un godurioso panozzo con la mortazza e tracannando champagne rosè ghiacciato. Poi ci siamo scambiati qualche boccia.. beh, forse le mie le ha buttate ma io le sue me le sono godute come un riccio!!! Una persona che conosce palmo a palmo la sua terra e che prova a valorizzare il territorio va appoggiato a priori. Poi la passione che ci mette e la grinta sono VERE e non un complotto da psicologo doppiogiochista. Puo' anche starvi sui maroni (ma chissenefrega) ma i suoi vini sono magnifici e figli di quel straordinario territorio.

Rispondi
avatar

Dan

circa 6 anni fa - Link

@Fulvio. Tu e i tuoi vini avete come minimo una caratteristica in comune: nè tu nè loro passate inosservati ;-)

Rispondi
avatar

essere

circa 6 anni fa - Link

hai detto bene massimo di vino si sta parlando......ma tu a quanto pare, nel tuo intervento hai parlato di tutto tranne che di vino.....se fossi in te il prossimo intervento lo farei "in anonimo"......:))

Rispondi
avatar

essere

circa 6 anni fa - Link

mara mi traduci per cortesia mi traduci il tuo interevento per cortesia ...non so che muscoli usare per commentarlo..:))))

Rispondi
avatar

Mara

circa 6 anni fa - Link

hai provato ocn l'alluce valgo?

Rispondi
avatar

Manilo

circa 6 anni fa - Link

Salve, sig. Bressan, io abito nel Lazio in prov. di Roma e nel mio paese di maremma, molti friulani son venuti per la bonifica e conoscevo ed apprezzavo fin dalla mia giovane età, solo il Tocai, sinceramnte a 14 anni non pensavi se era del Collio o dei colli Orientali, erano le prime bevute di nascoto e Jeeg Robot era il mio cartone animato preferito. Ora mi ritrovo a 42 anni, dopo 5/6 anni di distillati a frequentare un corso Fisar, andando per enoteche assaggio e compro un Verduzzo,Cantina I Clivi, anche lui come lei un biodinamico, diserbo meccanico e lieviti autoctoni,lei poteva anche vinificare a Smanno(mi son dovuto documentare)e come narrano in tanti fà dell'ottimo vino, vada a farsi fottere il Collio e i colli orientali, evviva la gente schietta. A breve assaggerò qualcosa dei suoi vini. Io veramente ancora non ce capisco, un emerito......

Rispondi
avatar

Les Caves de Pyrene

circa 6 anni fa - Link

Da quando Bressan è Biodinamico??

Rispondi
avatar

gianpaolo

circa 6 anni fa - Link

Ah, non e'? Allora i suoi vini non sono buoni :)

Rispondi
avatar

maurizio rusconi

circa 6 anni fa - Link

neanche I Clivi mi risulta

Rispondi
avatar

Manilo

circa 6 anni fa - Link

I Clivi Certificazione: Biologica Anidride Solforosa: 5mg/lt aggiunti al momento della pressatura. 30 mg/lt aggiunti al momento dell'imbottigliamento, Acido ascorbico non utilizzato. Lei che è un esperto, mi narra che differenza c'è quanta solforosa si può usare per avere questa certificazione?

Rispondi
avatar

Fulvio Bressan

circa 6 anni fa - Link

Caro MANLIO, se non ricordo male(...ero anch'io biologico, finchè ho capito che mi pigliavano per il culo il giorno che mi hanno detto che si potevano usare i lieviti Selezionati per i vini biologici...al chè sono iniziate a fioccare le bestemmie ed i vaffanc..o...) dovrebbe essere 50mg/lt....non me lo ricordo perchè io uso esclusivamente 10 mg /lt il giorno del Imbottigliamento... I limiti di legge sono i seguenti: -vini bianchi 210 mg/lt -vini rossi 160 mg/lt -vini passiti 260 mg/lt non essendoci alcun obbligo di indicare il quantitativo di solforosa disciolto nel vino,in pratica per la legge non c'è alcuna differenza tra un vino che ha 10 mg/lt e uno che ne ha 260.Ma forse per il nostro corpo la differenza c'è.

avatar

Massimiliano Montes

circa 6 anni fa - Link

Nel biodinamico non puoi usare lieviti selezionati ;-)

avatar

Manilo

circa 6 anni fa - Link

Da quando lo fà (:-

Rispondi
avatar

Manilo

circa 6 anni fa - Link

Caro Fulvio ha tutta la mia stima, di semplice bevitore, non faccio il sommelier, non ho un blog, non sono un enotecaro, vendo mobili e la sua zona la conoscevo maggiormente per le fabbriche di sedie, i miei clienti sono a conoscenza della mia passione e già hanno capito quale vino friulano devono comprare. Mi son scordato di dire che non faccio marchette.

Rispondi
avatar

Mara

circa 6 anni fa - Link

Manilo rivelati. Sei straniero, scrivi in Ungherese e ti fai tradurre il testo da Google. Per il resto non so.

Rispondi
avatar

Manilo

circa 6 anni fa - Link

Mara, ti posso garantire che le donne ungheresi mi attizzano (se scrive così nel mio gergale)il Google lo uso solo maps. Mi sento Etrusco anche se le mie origini son Emilio/Marchigiane, amo le tue farafalle e le tue affermazioni attraggono anche un bradipo, smack.

Rispondi
avatar

Filippo

circa 6 anni fa - Link

Ho assaggiato i vini di Bressan per la prima volta ad Agazzano a marzo. Beh ... cosa dire che sono rimasto folgorato ? Si, da due vini in particolare: il Pignol 1999 (miglio assaggio della giornata insieme al Tenores 2006 di Dettori) e lo Schioppettino (mi pare 2005). Molto buono anche il pinot nero (in botte grande se ricordo bene) nonostante la mia diffidenza su questo vitigno quando è fuori dalla Cote d'Or. Dovessi trovarmi in Friuli, sicuramente sarebbe una delle prime tre aziende che vorrei visitare.

Rispondi
avatar

maurizio rusconi

circa 6 anni fa - Link

curiosità: le altre due?

Rispondi
avatar

Filippo

circa 6 anni fa - Link

Toros e Gravner.

Rispondi
avatar

Marco De Tomasi

circa 6 anni fa - Link

Prendi nota per la gita in Friuli: Ronco Severo Paraschos Moschioni Marco Sara ... e tanti altri. Il territorio è veramente ricco di gente che lavora bene e con sentimento.

Rispondi
avatar

Filippo

circa 6 anni fa - Link

Grazie, me li segno.

avatar

Fulvio Bressan

circa 6 anni fa - Link

SE posso permettermi avrei delle considerazioni personali, visto che mi trovo in mezzo ad appassionati di vino.....ed in questo caso ODIO se qualcuno cerca di Incularseli senza vaselina,farei attenzione alle aziende GAMBERIZZATE.. Moltissima ATTENZIONE la farei soprattutto a quei produttori che stanno sempre defilati e non prendono posizione....pronti a saltare sempre sul carro del vincitore o a tuffarsi come maiali dove c'è da mangiare qualcosa....magari ostentando indifferenza dopo aver accoltellato alle spalle un collega...ed abbozzando un mezzo sorriso di circostanza per farsi vedere timidi e riservati.....RAGAZZI chi non ha niente da dire, non può che fare vini omologati e senza carattere....meditategente,Meditate. Per quanto riguarda GRAVNER,personalmente lo stimavo al punto di avere delle feroci baruffe con chi cercava di denigrarlo...fino a quando, l'anno scorso ha rilasciato un'intervista al GAMBERO Rotto affermando categoricamente che il Vino non si poteva fare senza Solforosa.....Questa affermazione cancella quello che lui ha predicato tutta la vita...Un uomo così mi è venuto a scadere...mi è crollato un mito...e attualmente lo vedo come una delle tante banderuole che vanno dove le tira il vento... Capitemi....non vado a disquisire sulla veridicità dell'affermazione,bensì sul scarso rispetto dimostrato per produttori che continuano a battersi su quella strada come RADIKON, PARASCHOS,KANTE e molti altri.Secondo me, il sig GRAVNER non è il detentore del sapere ASSOLUTO e le Sue affermazioni dovrebbe farle precedere da ...SECONDO ME...

Rispondi
avatar

Carlo Cleri

circa 6 anni fa - Link

Certo che tu posizione la prendi eccome!

avatar

Alberto G.

circa 6 anni fa - Link

Sempre piu' grande SECONDO ME. Ma perche' si vuoi fare tutti questi nemici?Per forza che poi fumi e rifumi sigari. Grazie a Dio uno puo' sceglier e quando e' meglio informato. Su Gravner,be' quando ha iniziato a mettere il vino in anfore lo prendevano per mezzo scemo, adesso chissa'vorra' stupire al contrario. A proposito visto che iverse persone parlano bene del Pignolo 99'che altre buone annate consiglieresti,mi fido.

avatar

Alberto G.

circa 6 anni fa - Link

Ho fatto qualche errorino,ma si capisce quello che intendevo dire.Mi rendo conto che non e' la prima volta, rileggendo alcuni miei commenti. Cerchero' di inviare dopo correzione ,promesso.

avatar

essere

circa 6 anni fa - Link

bevi mara , bevi.....

Rispondi
avatar

essere

circa 6 anni fa - Link

Per Marco e Filippo ...io metterei nella lista anche Ronco di Zegla di Maurizio Princic....assolutamente lontano da Gamberi o simili e persona genuina e vera senza compromessi.....tutti vin i "secondo lui" e non secondo il mercato.....provare per credere...!!!

Rispondi
avatar

Marco De Tomasi

circa 6 anni fa - Link

Non conosco Ronco di Zegla ma me lo segno. A San Floriano, tra i "convenzionali" apprezzo molto il lavoro di Matijaz Tercic, che volontariamente ritarda l'uscita dei vini di un anno rispetto alle spinte del mercato che li vorrebbe subito pronti ad aprile-maggio subito dopo l'anno di vendemmia. Ribadisco che comunque in zona sono tanti che lavorano bene: vedi anche La Castellada, ad esempio. E vogliamo parlare di Franco Terpin ?

Rispondi
avatar

essere

circa 6 anni fa - Link

eh si Franco Terpin merita una visita , la Castellada negli ultimi anni ha cambiato il proprio modo di vinificare a scapito a mio parere della qualità, bisogna tornare indietro di qualche anno per ritrovare la vera Castellada...ma cmq sempre di qualità.... Non so di doe sei Marco ma se vuoi assaggiare i vini di Maurizio Princic , li potrai trovare al Florence Wine Event che si terrà a Firenze nei giorni 3.4.5. giugno , oppure una visita in cantina dove Maurizio ti farà assaggiare alcuni bianchi del 1998 e 2001 ancora in forma splendida.....

Rispondi
avatar

Marco De Tomasi

circa 6 anni fa - Link

Faccio prima ad andare da lui !

Rispondi
avatar

Filippo

circa 6 anni fa - Link

Scusi Sig. Essere, ma lei è il rappresentante di Princic, o Princic direttamente? E la terza volta che ci indica dove e cosa degustare della azienda.. va bene abbiamo capito!!

Rispondi
avatar

Marco De Tomasi

circa 6 anni fa - Link

Altra azienda che fa prodotti interessanti secondo me è Borgo San Daniele a Cormons

Rispondi
avatar

Filippo

circa 6 anni fa - Link

Anche io sono critico verso certi atteggiamenti e molto diffidente verso le mode tra le quali l'ultima è quella "vinoverista". Molti di quelli che i vini li hanno sempre fatti nel rispetto della natura (ce ne sono tanti) non hanno sentito l'esigenza di sbandierarlo ai quattro venti perchè di moda; lo fanno così e lo hanno sempre fatto. Il discorso che fa Fulvio Bressan lo conosco bene, ne ho visti tanti che chiacchierano di "mineralità" e "acidità tagliente" quando fino a due anni prima massacravano i vini per renderli morbidi e seguire la moda del gusto "internazionale". Una cosa che magari mi può spiegare Bressan è perchè ci siano così pochi produttori che fanno Pignolo che io ritengo un vitigno STRAORDINARIO.

Rispondi
avatar

Fulvio Bressan

circa 6 anni fa - Link

Caro Filippo, la risposta è molto semplice: bisogna affinarlo per lunghissimi tempi ( minimo 5/7 anni per avere una cosa bevibile....e, bada, che non ho detto buona...) e le cantine vogliono REALIZZARE subito per non appesantirsi in costi, nel senso di Immobilizzazione di capitale, costi di recipienti in legno, controlli-analisi,costi di superficie in cantina(..più botti occupano più spazio..),perdite per evaporazione.... E' chiaro che si rivela più semplice vendere vini d'annata,e sopratutto più remunerativo....così il PIGNOLO nessuno lo vuole fare....o meglio qualcuno ha provato a venderlo dopo 3 anni,facendo una tale figura di cacca che adesso lo ha pure espiantato... E' tutto chiaro... SALUTI

Rispondi
avatar

essere

circa 6 anni fa - Link

@ Alberto G.... Piccola puntualizzazione ...Gravner ha iniziato a commercializzare i suoi vini "anfora" solo dall'annata 2003 e non come molti credono da chissà quanti anni....

Rispondi
avatar

Alberto G.

circa 6 anni fa - Link

Lo so,lo so che e' abbastanza recente,ma penso fu il primo famoso, in italia.Ricordo ancora un intervista che lessi in quel periodo,dove lui parlava del vino in anfore della Georgia e di come ne fosse rimasto folgorato nei suoi assaggi precedenti.Proprio per questo ,in un periodo in cui alcuni prouttori,ancora si scervellavano su quali barrique usare e su quale foresta fosse la migliore,e sul primo e secondo e terzo passaggio,lui se ne usci' col discorso delle anfore ecc. ecc.Sinceramente non capisco, se e cosa abbia recente dichiarato a proposito della solforosa,ma comunque e' stato un apripista per altri produttori,anche di altre regioni. Buona Domenica.

Rispondi
avatar

essere

circa 6 anni fa - Link

non sono ne Princic ne rappresentante dell'azienda ma volevo solo portare l'attenzione su un 'azienda poco nota e che lavora in modo particolare e VERO.....Maurizio Princic è un amico e una persona estremamente seria e come ha detto bene Fulvio Bressan "anche se vive in Collio , non fa parte degli abitanti del Collio"......

Rispondi
avatar

essere

circa 6 anni fa - Link

Puntuale il rilievo di Bressan sulla geografia del Collio.

Rispondi
avatar

essere

circa 6 anni fa - Link

gradirei conoscere chi ha lasciato il commento del 16.05 alle 18.14 usando il mio nick......grazie

Rispondi
avatar

Nicola Bressan

circa 6 anni fa - Link

Non sono sicuramente un grande intenditore di vini, nonostante il cognome che mi porto "dietro", non sono nemmeno parente del Sig.Fulvio, ma mi piace assaggiarli. Mi piace sapere che c'è ancora qualcuno che apprezza il lavoro della terra e lo traduce in profumi, odori ed esaltazioni di valori e materia come il vino che ho avuto l'Onore di assaggiare vedi Pignol 1999 e Pinot nero 2003. Un sincero grazie a chi lavora in questo modo contro la "politica del palazzo" e che ha coraggio con i propri prodotti di dimostrare quello che sa fare. Un grazie sincero alla cantina BRESSAN. P.S.: ogni volta che "vi apro" per me è un'emozione

Rispondi
avatar

marco

circa 6 anni fa - Link

Ciao a tutti e specialmente a Fulvio! Caro Bressan, ho provato ieri il tuo Merlot, uno merlot del 2001 servito da giansanti a roma; ne ho preso un bicchiere con un mio amico spinto dalla fiducia nella nostra sommeliera di fiducia e dal fatto che mi ti ha presentato come un personaggio eccezionale che fa vini ottimi andando un po' controcorrente. È finita che il nostro rapido aperitivo si è trasformato in una bella serata e in due ci siamo fatti la bottiglia! ora mi metto a cercare altre bottiglie tue qui a roma, bravo, ottimo vino!

Rispondi
avatar

Paolo Guido

circa 4 anni fa - Link

Peccato che sia un razzista incivile. I suoi indegni insulti razziali a Cécile Kyenge non aiutano il suo vino. Mai più.

Rispondi
avatar

Thierry

circa 4 anni fa - Link

Fantastici i commenti degli slow radical sommelier o meglio" sommarier" che cercano a tutti i costi di darsi un tono che non riusciranno mai ad avere :-)

Rispondi
avatar

daniele

circa 2 anni fa - Link

L 'ho conosciuto personalmente, in modo occasionale presso la sua azienda. All'inizio può spaventare per il suo modo di fare burbero e diffidente, ma poi parlandoci capisci che davanti hai una persona vera come poche, che crede in quello che fa e produce.Fuori dalle rotte ordinarie del business, dialogando con lui capisci che queste sono le persone che in maniera cruda, anche controcorrente, sono un eccellenza del nostro oramai inflazionato e bistrattato paese...e stato un piacere conoscerti...

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.