I russi acquistano il gruppo Gancia

di Antonio Tomacelli

Stando alle prime notizie arrivate dalla Russia, il gruppo Russkij Standard, avrebbe acquistato per intero la storica casa Gancia, in mani italiane fin dalla sua fondazione. Passano di mano oltre alle azioni, le aziende che, su tutto il territorio italiano, producevano Prosecco, Asti spumante e vermouth. Il valore della transazione si aggira intorno ai 150 milioni di euro ma restano ancora da chiarire i particolari della vendita. Secondo l’agenzia russa Vodomosti infatti, non sono ancora state definite quote e prezzo pagato alla famiglia  proprietaria dello storico marchio italiano. Che, da quel che risulta, si chiama Gancia, e non Hantzsch. Chi si sbaglia?

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi e Stefano Caffarri il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

15 Commenti

avatar

esperio

circa 10 anni fa - Link

Notizia molto triste; Non tanto per l'acquisizione di un storica casa italiana da parte di fondi stranieri ma proprio per il fatto che sono i russi a comprare : soldi sporchi. Milioni di russi sopravviivono nell' assoluta poverta e miseria e un pugno di "affaristi" detengono tutte le richezze del paese. Ma i soldi, si sa, aprono tutte le porte e allora : venite, venite.

Rispondi
avatar

mad maitre

circa 10 anni fa - Link

non tutti russi ricchi fanno soldi sporchi come non tutti italiani sono mafiosi.

Rispondi
avatar

gianpaolo paglia

circa 10 anni fa - Link

giusta osservazione

Rispondi
avatar

esperio

circa 10 anni fa - Link

No, egregio Mad Maitre, il paragone che ci presenti e' completamente fuori luogo. Se ne potrebbe parlare, ma questa non e' la sede giusta e quindi, penso di lasciar perdere.

Rispondi
avatar

mad maitre

circa 10 anni fa - Link

beh allora non e' il caso di dire che l'acquisizione e' per forza sporca solo perché e' russa.

Rispondi
avatar

Геннадий

circa 10 anni fa - Link

Commento di uno scemo ....

Rispondi
avatar

mad maitre

circa 10 anni fa - Link

hahaha non vOdomosti ma vEdomosti :) vodomosti vuoi dire "ponti acquari".

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 10 anni fa - Link

Non vorrei sembrare razzista e ben venga chi mette i suoi soldi in questo disgraziato paese, peró in Francia non avrebbero mai permesso ad uno straniero di comprare un marchio storico.

Rispondi
avatar

Gianluca Colo

circa 10 anni fa - Link

Se riescono a risistemeare questa storica azienda sono bravi, magari tra qualche anno la rivendono alla famiglia o a qualche "bravo" imprenditore italiano, buon lavoro.

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 10 anni fa - Link

Utinam.

Rispondi
avatar

Montosoli

circa 10 anni fa - Link

Questo e solo l'inizio di una lunga e penosa svendita di asset Italiani....che fanno tanto gola ai stranieri.. Daltronde analizando il tutto non bisogna lamentarsi piu di tanto.....con una popolazione Italiana che e la piu vecchia in Europa e grande carenza e serieta' di business da parte delle nuove generazioni.....chi ha delle grandi Aziende in Italia piuttosto di vedere tutto andare in sfascio.....vende..

Rispondi
avatar

BRUNA FERRO

circa 10 anni fa - Link

Mi dispiace proprio tanto.

Rispondi
avatar

maurizio gily

circa 10 anni fa - Link

Anche in Francia molti marchi storici sono ormai nell'orbita di multinazionali, è difficile fermare la finanza, anche se è vero che esiste una politica governativa di resistenza alla cessione di aziende importanti mentre da noi questa politica non esiste.

Rispondi
avatar

mad maitre

circa 10 anni fa - Link

ma non e' vero che la Gancia ha avuto i debiti tremendi - una che andava peggio di tutti ultimi anni? che c'e' di male che l'anno comprata i russi investendo i soldi nella viticoltura? Mica trasferiscono la produzione in Siberia! Tanto mi sa che ormai Russia e' diventata un mercato enorme x la Gancia,chi altro l'avrebbe comprata nello stato peggiore!? Non vorrei offendere nessuno. E' l'informazione che ho sentito io. Se in realtà tutto va in modo diverso, fatemi sapere :)

Rispondi
avatar

FALCONE

circa 8 anni fa - Link

La Gancia venduta ai ******* ITALO-RUSSI. Storia di un uomo che si fa da solo: Paese di cittadinanza: la Russia Residenza: Mosca, Russia, Europa e Russia Stato civile: single, bambini 2 Alla fine del 1980, ha cominciato a lavorare come FACCHINO in alcuni noti alberghi di Mosca. Nel 1990 durante l’espansione di alcune imprese italiane verso i paesi dell’est grazie al lavoro di facchino conosce Ferrero, comincia subito a lavorare per lui come consulente per l’azienda italiana Ferrero Rocher cioccolatini. Pietro Ferrero Nonostante l’onestà e lo spirito combattivo negli anni comincia a farsi molti nemici, sopratutto quando la sua azienda ha iniziato a espandersi, prima in Europa e poi nel mondo…. Qualcuno pensò che quegli attacchi fossero mirati e portati a compimento da alcune multinazionali straniere che trattavano lo stesso prodotto, aziende adombrate da un marchio di prestigio. Tariko Roustam ha iniziato poi, non si sa come, a vendere vermouth italiano, ha vinto un contratto in esclusiva da Martini & Rossi. Poco dopo diventerà uno dei più grandi produttori di VODKA, per importare liquori e altre bevande alcoliche. Nel 1998 ha creato primo marchio di fascia alta di vodka russa, Standard russo. Un anno dopo con l’aiuto di McKinsey & Co., si è trasferito nel credito al consumo del mercato. L’anno scorso il suo gruppo è diventato partner esclusivo American Express ‘in Russia. Una laurea, Tariko è noto per i suoi festini in Sardegna e nelle discoteche di Mosca così come il suo lussuoso stile di vita: è stato il primo russo ad acquistare una Maybach automobili di gran lusso. Basta vedere ora Porto Cervo è piena di russi. Di solito vestono rozzamente, sono grassi e girano con bellissime ragazzine. Ti spiego perché ALCUNI russi da poveri briganti e clan affermati in tutta Russia Pietroburgo compreso sono divenuti ricchi. PERCHE' LA******E' SOLO ITALIANA? Perché affida ai russi i propri affari!

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.