Vogliono farci bere Coca Cola al ristorante

di Antonio Tomacelli

diet_coke323x350Ditemi tutto quello che volete. Ristoranti in crisi, vino che costa troppo, enofighetti sempre più snob. Ditemi tutto ma non fatemi bere Coca Cola. Al ristorante preferisco altro, non mi convince neanche lo chef Tom Colicchio, star televisiva e giudice del reality americano Top Chef. Se la foto della nuova campagna Coke vi mette i brividi, sentite cosa dice Colicchio nello slogan: “Ciao, sono Tom e collaboro con la Coca Cola perchè credo nel grande gusto”. Hey chef, quella che hai davanti non è una bottiglia di Pinot Fizz. Con che coraggio la abbini al filetto di salmone?

Ecco, un altro muro è caduto e ora tremo pensando a cosa ci riserva il futuro. Vedo già profilarsi davanti ai miei occhi verticali di Coca Cola (dietcaffein free, lime), assaggi guidati di Fanta e, perchè no, degustazioni alla cieca di Sprite. Che abbinata al foie gras pulisce la bocca che è una bellezza.

Dio li perdoni.

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi e Stefano Caffarri il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

9 Commenti

avatar

gianpaolo

circa 11 anni fa - Link

Tanto per essere pignoli, tecnicamente si tratterebbe di un orizzontale, vini diversi di una stessa annata, piuttosto che una verticale, stesso vino di diverse annate.

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 11 anni fa - Link

E la Fanta Lemon?

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 11 anni fa - Link

Quella coi "sentori di agrumi"?

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 11 anni fa - Link

E certo, altrimenti ci propinano solo cose dolci e morbidone, proprio come per vino!! ;-)

Rispondi
avatar

fabrizio scarpato

circa 11 anni fa - Link

Spetta spetta che Gardini o Gori la sdoganino con un abbinamento con salato/aromatico/persistente/grasso (magari dopo leggera sgasatura) e il gioco è fatto. Molto glamour. A volte basta vedere (o sorseggiare) le cose da un nuovo punto di vista.

Rispondi
avatar

alfredo

circa 11 anni fa - Link

Sicuramente in Arabia Saudita sono contenti, così possono bere mangiando e sentirsi alla moda senza ubriacarsi, nei loro ristoranti super lussuosi. Gli americani della Coke pensano-vendono sempre "Mondiale".

Rispondi
avatar

Pheed

circa 10 anni fa - Link

Mi associo all'ultima frase dell'articolo. Ma vista l'entità del peccato credo che l'Altissimo non sarà clemente, nonostante la nostra nobile intercessione. :)

Rispondi
avatar

enriquo

circa 9 anni fa - Link

Mah, sinceramente trovo l' articolo moralistico, conservatore e snobistico. Per quanto mi riguarda continuerò a bere buon vino, al ristorante e non. Se una volta mi capita di trovare un piatto fatto su misura per la Coca Cola (Se poi il piatto me lo fanno per il Cuba Libre meglio ancora...) lo provo volentieri. Questo non vuol dire che da quel giorno in poi io beva sempre e solo Coca Cola.....e che smetta di apprezzare i buon vino.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.