I Tre Bicchieri Marche 2014 del Gambero Rosso: tanto Verdicchio e 4 rossi agli antipodi

di Alessandro Morichetti

Nelle Marche dominano i Verdicchi con tante vecchie querce e qualche giovane promessa tra cui il Cantico della Figura 2010 di Leopardo Felici, che tanto fa discutere gli appassionati. Affidarsi alla selezione dei vini rossi potrebbe essere una corsa ad ostacoli tra Il Pollenza 2010 del petroliere Brachetti Peretti e l’Arshura 2011 dell’imbianchino Valter Mattoni, passando per il Roggio del Filare 2010 di Angela Velenosi con accanto Kupra 2010 di Marco Casolanetti. Insomma, ce n’è per tutti i gusti, ma proprio tutti.

Arshura ’11 Valter Mattoni
Castelli di Jesi Verdicchio Cl. Crisio Ris.’11 Casalfarneto
Castelli di Jesi Verdicchio Cl. Plenio Ris. ’10 Umani Ronchi
Castelli di Jesi Verdicchio Cl. V. Novali Ris. ’10Terre Cortesi Moncaro
Castelli di Jesi Verdicchio Cl. Villa Bucci Ris. ’10 Bucci
Castelli di Jesi Verdicchio Cl. Il Cantico della Figura Ris. ’10 Andrea Felici
Castelli di Jesi Verdicchio Cl. San Paolo Ris. ’10 Pievalta
Castelli di Jesi Verdicchio Cl. San Sisto Ris. ’10 Fazi Battaglia
Il Pollenza ’10 Il Pollenza
Kupra ’10 Oasi degli Angeli
Offida Pecorino Artemisia ’12 Tenuta Spinelli
Rosso Piceno Sup. Roggio del Filare’10 Velenosi
Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sel. GG Ris. ’08 Gioacchino Garofoli
Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. Ylice ’12 Poderi Mattioli
Verdicchio di Matelica Collestefano ’12 Collestefano
Verdicchio di Matelica Meridia ’10 Belisario
Verdicchio di Matelica Mirum Ris. ’11 La Monacesca
Verdicchio di Matelica Vign. Fogliano ’10 Bisci

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

10 Commenti

avatar

Orion

circa 6 anni fa - Link

Il verdicchio di garofoli? Il blanciana di sartarelli?

Rispondi
avatar

Vignadelmar

circa 6 anni fa - Link

Ammesso e non concesso che ci fossero ancora dei dubbi, possiamo continuare a dire che il Verdicchio, nelle sue molteplici emanazioni, è indiscutibilmente il più grande bianco italiano. Spesso ad un prezzo commovente, sempre con un ottimo rapporto tra prezzo e qualità. Certo, si potrebbe fare di più, si potrebbe fare meglio. Ma tutti gli altri dovrebbero fare moooolto di più e moooolto meglio. . Ciao

Rispondi
avatar

ale

circa 6 anni fa - Link

Che cosa è il Kupra-Oasi degli Angeli? pensavo che producessero solo il Kurni, da Montepulciano

Rispondi
avatar

Francesco

circa 6 anni fa - Link

Ciao Ale, l'oasi degli angeli produce (ahimè) anche il Kupra. Uve Grenache 100% e prezzi stratosferici (oltre i 150 euro a bottiglia!!!). Il prezzo è dovuto al fatto che la vite è un pò difficile da coltivare e produce pochissima uva (ne fanno poche centinaia di bottiglie) ma, a mio avviso, il Kurni è di gran lunga superiore (anche grazie al prezzo più economico)!! Ha un bel colore vivo, al naso all'inizio è un po appuntito, ma poi, una volta aperto rivela tutta la sua complessità e l'ampiezza aromatica. In bocca corrisponde a quanto si sente nel naso. Oltre l'oasi degli Angeli, anche Le Caniette (cantina che si trova sempre in zona) produce lo stesso prodotto (il Cinabro), da vigne confinanti ad un prezzo di 90 euro a bottiglia, ci sono leggerissime differenze e non così notevoli. Anche la cantina Poderi S. Lazzaro (sempre della stessa zona) produce il Bordò (sempre 100% grenache) ma al prezzo assai più ragionevole di 40 €. Secondo me per quest'ultimo vale la pena spendere soldi, per gli altri mi sembrano eccessivi per il rapporto qualità/prezzo.

Rispondi
avatar

ale

circa 6 anni fa - Link

GRAZIE! super-esaustivo

Rispondi
avatar

Vignadelmar

circa 6 anni fa - Link

Un attimo ! Posso essere accusato di tutto, perfino di essere filoberlusconiano, ma non di non essere un focoso amante del Kurni, che ho bevuto decine e decine di volte, tutte le annate prodotte, al quale ho dedicato due articoli e per il quale ho coniato il termine di "Vino patrimonio dell'Umanità". Domenica mattina ero proprio da Casolanetti, abbiamo bevuto le ultime tre annate di Kurni :-) ed anche il Kupra 2010. Beh, il Kupra è eccezionale. Lo bevo dalla 2005. Dire che è molto costoso è vero, ma sicuramente non è caro. E' un vino unico, da vigne vecchie oltre 100 anni, 100% grenache, che in zona chiamano Bordò. Quindi non condivido l'ahimè. Ho bevuto il Bordò 2011 di Poderi San Lazzaro la stessa domenica pomeriggio, accompagnato in Azienda da Casolanetti. E' buonissimo, pur se ancora da farsi, quando uscirà sarà da godere. Ma è cosa ben diversa dal Kupra: due interpretazioni opposte dello stesso vitigno, difficile fare paragoni. . Ciao

Rispondi
avatar

Nic Marsél

circa 6 anni fa - Link

La prima (ed unica) volta che ho assaggiato il Kupra (praticamente alla cieca) credo di aver pensato "questo è il mio vino della vita". Non avevo la più pallida idea del suo prezzo. Quando me l'hanno comunicato mi sono talmente inkazzato con le mie papille che me le sarei asfaltate :-(

avatar

Angelo Cantù

circa 6 anni fa - Link

Da anni seguo il Meridia di Belisario (ho la fortuna di avere un pusher il loco). Per me un bianco splendido e di cui si è parlato finora molto poco; ho ancora bottiglie del 2007 in ottima forma.

Rispondi
avatar

Angelo Cantù

circa 6 anni fa - Link

"in loco" ovviamente... Aggiungo che anche il 2006, prima annata prodotta a mia conoscenza, era eccellente. Purtroppo l'ho terminato e non posso commentare sulle ulteriori possibilità di invecchiamento.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.