Lista di domande che si potrebbero fare stasera dal vivo a Renzo Cotarella

di Alessandro Morichetti

Me lo trovassi davanti per una intervista non saprei esattamente da dove iniziare con Renzo Cotarella, “amministratore delegato della Marchesi Antinori, icona del vino italiano nel mondo con 150 milioni di fatturato e 22 milioni di bottiglie prodotte” (fonte: Cronache di Gusto).

Stasera il braccio destro di Piero Antinori guiderà una verticale ormai sold out del Castel del Monte Chardonnay Pietrabianca di Tormaresca e ad affiancarlo di fronte a 90 persone ci sarà il nostro direttore Antonio Tomacelli: favoriscano quindi assist imbarazzanti, domande scomode e buoni input per ravvivare la serata.

Come starà cambiando il mondo del vino visto da palazzo Antinori? Quali i trend ravvisati? Tanti sarebbero gli argomenti: io ad esempio vorrei capire in che misura Antinori guida il mercato e in che misura invece lo segue. Si fa un gran parlare di vino naturale e sempre più aziende, anche blasonate, stanno praticando conduzioni agronomiche “d’avanguardia”, su questo come si colloca la produzione Antinori?

Insomma, sarà il vino dell’enologo ma non possiamo dirci privi di curiosità.

 

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

8 Commenti

avatar

gianpaolo

circa 7 anni fa - Link

domanda da parte mia: -quali sono i tre principali mercati esteri su cui puntare e quali strategie da impiegare su ognuno di questi? dite a Tomacelli di mettersi una giacchetta almeno.

Rispondi
avatar

stefano bonilli

circa 7 anni fa - Link

Il vino naturale per le grandi aziende è seguire una moda, seguire le richieste del mercato o il riconoscimento che prima si sbagliava? Veronelli diceva che il vino peggiore del contadino era migliore del vino industriale, un paradosso con un fondo di verità?

Rispondi
avatar

francesco vettori

circa 7 anni fa - Link

Tra DOC e DOCG, Castel del Monte pare la zona più vocata dell'intero Mezzogirono d'Italia. A che, e a chi, servono i disciplinari di produzione oggi?

Rispondi
avatar

Luca MIRAGLIA

circa 7 anni fa - Link

Curiosità zero, voglia di esserci idem, e festeggio questa mia inguaribile cotarellite con il vino "non" dell'enologo (Gli Eremi di Corrado Dottori, appunto).

Rispondi
avatar

Eretico Enoico

circa 7 anni fa - Link

Perdindirindina ma allora esiste un direttore ad Intravino e pensare che tempo fa fui tacciato( scherzosamente io ,la replica non tanto) di neoborghesismo antidemocratico nel riferirmi ad un "capo cantiniere" Intravino . Perdonate l'inciso fuori tema

Rispondi
avatar

carolain cats

circa 7 anni fa - Link

si ma allora? resoconto delle domande? della serata? delle cose dette? dai su, che qua piove ed io non ho una mazza da fare (non è vero, ma ogni tanto mi piace crederlo )!!

Rispondi
avatar

Paolo

circa 7 anni fa - Link

Secondo me l'editor (o capo cantiere) deve essere andato a Werchter (B), a vedere i Pearl Jam...

Rispondi
avatar

carolain cats

circa 7 anni fa - Link

uhm... non me lo vedo tummaciè a vedere i pj.... io volentieri se riesco ribisso... intanto ho altri concerti in programma prima della vendemmia, e quest'anno me lo merito proprio!

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.