Cinque vini che hai smesso di amare e il mondo vuole sapere perché

di Fiorenzo Sartore

È come nelle vicende d’amore: tutto può finire. Non voglio rattristarvi con storie di cuori spezzati, ora che è primavera e siamo tutti romantici, ma nascondersi non serve: gli amori possono finire. E a volte è perfino difficile dire perché, c’è stato un tempo nel quale tutto sembrava perfetto, poi un giorno ti svegli e capisci che quel difetto non è più sopportabile, e alla fine non sai se sei cambiato tu, o l’oggetto del tuo amore, ma insomma capisci che è finita. Adesso che siete belli depressi e ho la vostra attenzione, eccovi cinque esempi per spiegarvi bene che intendo quando dico “non ti amo più”.

Gewurztraminer. Mi spieghi cosa c’è che non va? È perché ho preso troppo peso? Non ti piaccio più perché sono curvy? Eppure un tempo cercavi il mio abbraccio voluttuoso, ti piaceva toccare, mettermi le mani addosso e trovare la carne, la materia. Adesso dici che il mio profumo è troppo, che esagero, eccedo, ti piace altro, vero? Ti piace quella roba magrolina e tutta ossa, ma che ci trovi poi. Guarda bene come sono, guarda che ti perdi… [il testo successivo è stato sottoposto a censura].

Moscato d’Asti. Non è vero che “ci sto sempre”, non sono un tipo che la da via facile, basta con queste scenate. Lo faccio per lavoro, vado alle feste, se c’è una festa io ci sono. Adesso solo perché tutti mi vedono in giro tu non puoi dire che vado con tutti. E poi è inutile che neghi, alla fine ti piaccio.

Bonarda. Non può mica essere colpa delle bollicine: con quella francese pallida piena di bollicine tutte ‘ste storie mica le fai. E allora perché mi hai piantato? Sì vabbè ho quel profumo alla mora che non ti piace perché è eccessivo. Sì vabbè a volte ho qualche sdolcinatezza di troppo. Ma guarda che io piaccio sai? Ah sapessi, io piaccio un sacco, sei tu che sei snob, c’ho la coda fuori di pretendenti io.

Pinot Grigio delle Venezie. Una volta eravamo sempre insieme, ricordi? Inseparabili. In pizzeria, al ristorante, in giro per i bar, io e te sempre assieme. Adesso che è passato tanto tempo ripensi a me e ti vergogni. È vero? Sì, non negarlo, ti vergogni di me, di quando assieme facevamo quelle cose che adesso ti fai fare da, comesichiama, adesso ti piace a quel modo. Dici che ha più stile, più classe, ah ma ti ricordi quanto io ti facevo… [il testo successivo è stato sottoposto a censura].

Grignolino. Guarda che questo colore non è dovuto all’età, non è vecchiaia. Guarda che io sono ancora perfettamente giovanile. E non è vero che sono pelle e ossa, guarda che muscoli che ho ancora. Zero massa grassa. E allora come mai mi hai mollato? Ah, ecco: perché ho un carattere serio e austero. Perché non vado alle feste. Perché non sono hipster. Ma che caz vuol dire poi hipster. E vacci, vacci, coi tuoi amorazzi hipster, addio.

avatar

Fiorenzo Sartore

Vinaio. Pressoché da sempre nell'enomondo, offline e online.

12 Commenti

avatar

marta

circa 7 anni fa - Link

Sei un genio!!

Rispondi
avatar

claudioT

circa 7 anni fa - Link

Applauso!!! Claudio

Rispondi
avatar

Marco

circa 7 anni fa - Link

ne amo 3 su 5: sono un caso preoccupante?

Rispondi
avatar

suslov

circa 7 anni fa - Link

ge-nia-le again ...

Rispondi
avatar

Spanna l'irabondo

circa 7 anni fa - Link

Metterò sentinelle su tutto il confine tra la Liguria e il Piemonte e , quando ti avvisteranno, l'ordine sarà di aprire il fuoco prima ancora di intimare l'alt. :-)

Rispondi
avatar

stefano Albenga

circa 7 anni fa - Link

Sciapò . (francese). Come sempre. Sono sicuro che però sul Grignolino ci sono i presupposti per un ritorno di fiamma.....

Rispondi
avatar

Rossano Ferrazzano

circa 7 anni fa - Link

di solito queste allegorie vino-ammore mi stuccano ammorte, ma stavolta è gustoso, c'è misura bravo Fiorenzo :-)

Rispondi
avatar

Federico

circa 7 anni fa - Link

Bianco in brick. In cucina non mi vuoi più. Dici che nel cuocere da mangiare ci vuole qualità, eppure un ciucciotto ti scappava sempre di darmelo dopo avermi usata, anche attaccandoti direttamente. Lo so che eri giovane, ma io sono sempre la stessa. Adesso vai da quelle alte e dure, ben più sode di me, come se la qualità fosse tutta solo questione di tatto. Ma tornerai, ne sono sicura, tornerai. :-D

Rispondi
avatar

anna wood

circa 7 anni fa - Link

ahahhhh!! questo post e' stupendo!! troppo ridere pero' ha ragione. solo una precisazione mai bevuto bonarda o moscata..mi sono sempre rifiutata !!

Rispondi
avatar

Eretico Enoico

circa 7 anni fa - Link

Bravo ....colpiti ed affondati p.s. Il Grignolino e' very hipster ,si stacca dal gruppo.

Rispondi
avatar

armin kobler

circa 7 anni fa - Link

mi sento scaricato ben due volte... :-(

Rispondi
avatar

jose pellegrini

circa 7 anni fa - Link

Posso sapere che cosa ti ha fatto di male il Grignolino? hipster è il suo stile, ma non è un antipatico radical chic, è un piemontese questo sì. Basta questo a chiudergli in faccia... la porta della cantina ?. Mi piacerebbe saperlo. Ciao, Josè

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.