Non solo anteprime | Vietti, un viaggio nel ventre di Castiglione Falletto.

di Mauro Mattei

Castiglione Falletto è dominata dall’imponente fortezza del milleduecento e il borgo che si dipana sotto la roccaforte da l’impressione di essere schiacciato, tant’è massiccia la costruzione che lo sovrasta.
Nonostante soffra quest’incombenza, la collina che ospita il centro abitato pare dolce oltre che austera, riuscendo a mostrarsi solida e accogliente: sembra coincidere con i vini che genera.

La cantina dei Vietti è proprio all’ombra del castello, eppure non sembra essere oppressa dalla sua grandezza. Un cancello, semplice, separa i caseggiati dalla piazza e una volta entrati si nota una piccola porta sulla sinistra: è un link diretto alla storia recente del Barolo.

Sull’uscio, a dare il benvenuto, troviamo la Signora Luciana: memoria e anima che pulsa dell’azienda, trait d’union fra passato e presente. Sarà lei a guidarci dentro e fuori i vini, punteggiandoli di ricordi, parlando di cose vecchie e nuove.
E’ stupefacente costatare, passeggiando al suo fianco, come la superficie esterna della cantina sia poca cosa rispetto a quello che la terra nasconde. E’ così che, fra scale e montacarichi, salendo e scendendo, ci troviamo a scoprire elementi architettonici moderni che integrano senza sforzo i vecchi muri medievali. Quello che è stato e ciò che è si scambiano continuamente le parti, e non stupisce che – in quest’ambiente  “promiscuo” – barriques e botti grandi trovino entrambe impiego, all’occorrenza.
Le parole, che fanno da contorno all’eterogeneità degli spazi, ricordano che il tema del confronto è sempre centrale e  sottolineano come la dialettica fra tradizione e innovazione sia lungi dal venir meno.
E’ proprio questa dinamica espositiva il punto di forza, il nucleo di un progetto che – inamovibile – perdura, potendo contare su basi solide. Il continuo scambio fra storicità ed innovazione è alimentato dal contatto col territorio e da un sostanzioso bagaglio generazionale: è l’esperienza ad innestare la marcia in più.

Luciana Vietti, ci ricorda che la prima linea, oggi come ieri, continua ad essere il terroir inteso come elemento di unicità: il concetto di qualità e la voglia di investire nella “differenza” sono la base di tutto, sono il fondamento dell’idea di cru.
Una volta tornati in superficie le parole diventano nulla e troviamo nel bicchiere la resa oggettiva degli sforzi operati dai Vietti, tant’è che ci ritroviamo ad osservare questa esplicitazione quasi in silenzio.
Di certo non saremo noi a sbracciarci commentando un’annata osannata a prescindere, lasciamo i palmares a raccontarsi da soli. Trasaliamo invece nell’osservare l’emozione, il tremore, con cui queste ultime creazioni vengono presentate: è l’atteggiamento di chi non da mai nulla per scontato.
E’ con curiosità – quindi – che seguiamo l’incedere nel bicchiere di un millesimo tanto atteso e che, nostro malgrado, viviamo ancora come un punto interrogativo, come un’ incognita da sciogliere.

Barolo 2007 “Brunate”
E’ il primo vino della micro-batteria. Nasce da una parcella di  un ettaro e mezzo, ed è un frammento di un cru simbolo del comune di La Morra. Il naso è estremante tipico e mostra in maniera perfetta, quasi didattica, gli stilemi di vigneto e appellazione comunale. L’olfazione è distesa, estremante godibile, quasi fosse già sgranata. I riconoscimenti s’incentrano su note di fiori appassiti, prugna, frutti rossi e vanno a disegnare un profilo caratterizzato dal tratto femminile. La bocca è succulenta e mostra un tannino elegante. La retro-olfazione è lunga e ci regala un vino apparentemente risolto.

Barolo 2007 “Rocche”
Da uno dei vigneti storici del Comune di Castiglione Falletto, questo Barolo incarna perfettamente l’idea e l’espressività del Village. Rispetto al vino precedente gioca su altre tonalità, mostrando più stoffa e maggiore concentrazione. Il naso è più largo e tocca note più scure, quasi fosse più profondo.  Accanto al floreale troviamo la frutta matura, accenni di spezie, note balsamiche. La bocca è più densa, avvolgente, il tannino è austero ma di grana finissima. Pur toccando già un’idea di equilibrio, il vino implora d’esser aspettato. Si farà attendere meno di annate più “classiche”? Non è dato saperlo.

Barolo 2007 “Lazzarito”
Il fascino di Serralunga è tutto nel suo appeal maschile, nella durezza palesata senza mezzi termini, nella potenza e nell’eleganza muscolare. Fra gli altri, il cru di Lazzarito, risente della vicinanza di Castiglione Falletto e ne subisce la contaminazione, sfoggiando una tendenza alla rotondità.
L’assetto olfattivo, al momento, è compresso da note di tostatura che ne disallineano leggermente l’andamento. Un peccato veniale vista la caratura del resto. Il frutto è tangibile, la bocca è tesa, imponente. Serralunga ti abbraccia e il tannino morde, ancora e ancora, piacevolmente. E’ il vino meno leggibile fra i tre, eppure eccolo qui, a sciorinare promesse a più non posso. Un po’ fermo sulle gambe ma meno duro di quello che ci si possa aspettare.

Mauro Mattei

Sommelier multitasking (quasi ciociaro, piemontese d'adozione, siculo acquisito), si muove in rete con lo stesso tasso alcolico della vita reale.

10 Commenti

avatar

Francesco Fabbretti

circa 8 anni fa - Link

nessun commento... e te pareva? no gossip no interventi. Comunque condivido in toto la rece. Come ho avuto modo di dire alla proprietà, difficilmente sbagliano una annata... ma la 07 direi che si impone di diritto :-)

Rispondi
avatar

kenray

circa 8 anni fa - Link

perchè commentare un post di info enologica si prende atto e al limite si assaggia fabbro se tu quello polemico che fa polemica per assenza di polemica domani ci sei a verona?

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 8 anni fa - Link

Aspetta, non hai mai bevuto Vietti.... Cartellino Rosso!!! :-) p.s. non vengo Ken... di solito non mi mescolo con cialtroni come voi (arifaccinaa sorridente)

Rispondi
avatar

kenray

circa 8 anni fa - Link

quando vado a torino (non pago io di solito) mi offrono un barolo che si chiama conterno riserva monfortino..conosci? discreto :) vietti no mai assaggiato mi rifarò la prox volta visto che non vieni a verona... mi nomini console protempore dell'enoteca balduina con delega all'assaggio?

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 8 anni fa - Link

Faccio di più, ti insignisco della carica di "Foreign Minister".

Rispondi
avatar

gionni1979

circa 8 anni fa - Link

Vietti mi piace, però ha ragione Ken.... C'è poco da dire, solo da assaggiare!!!!

Rispondi
avatar

armando trecaffé

circa 8 anni fa - Link

Commento deidicato al Faber -:) O. T. (Off Topic/ fuori tema: vuol dire che non c'entra un cazzo, corso accelerato di blogghe per Marossi) dalla mia postazione di lavoro vedo la vicina stra..ga che sta facendo jogging nel parco... mentre io sto al Pc a leggere le vostre amenità per salvarmi dalla noia...e mi martello i cosiddetti con una traduzione finanziaria...il fidanzato della stra... ha l'aria di essere un cazzone con un sacco di grana...adesso hanno smesso di correre, magari tornano a casa e fanno pure stretching .. e io a tradurre.. e Mattei a bere cose divine...estiquassi quan'è ingiusto il pianeta....

Rispondi
avatar

Marossi

circa 8 anni fa - Link

Si vede che non mi leggi: ho dato prova in altri commenti di conoscere il termine off topic. Almeno quello.

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 8 anni fa - Link

Fabbrettoni, non ci sono commenti peché i soliti ignoti sono tutti a Verona a tirarsela e a scroccare degu che in privato non potrebbero mai permettersele. A parte Armin Kobler, Enrico Togni, Simone&Zeta, Giampaolo che sono sotto pigio e non si riesce a schiodarli dal loro stand a causa dell'invasione barbarica. Se ho dimenticato qualche produttore mi scuso, quelli nominati li ho visti personalmente e posso garantire sull'assoluta serietà nel lavoro. Marossi ti faccio compagnia nell'ignoranza sui significato dei vari codici web. Che vuoi, l'unico linguaggio su cui ho investito é quello del corpo (Desmond Morris grazie). Armando, traducimi questa: SBD. Se non hai la risposta te lo spiego io quando ci vediamo (domenica?)

Rispondi
avatar

Marossi

circa 8 anni fa - Link

Sbd lo lascio ad altri (chissà perché mi pare ci covi sotto qualcosa di sensuale), ma Nelle Nuvole riduzionista no, non lo accetto.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.