Lambroosky in Franciacorta: una frizzante rivoluzione

di Stefano Caffarri

Agli antropologi e ai ricercatori del Cern suonerà come una colossale pippa da monomaniaci, ma l’occasione è storica. Per la prima volta una degustazione di Lambruschi sarà organizzata in Franciacorta: bolle “operaie” in casa di bolle “nobili”. E tutto grazie alla pandemia enovirale seguita alle precedenti puntate, in terra d’Emilia, con un torrente di cinguettii su twitter cui diede il “la” Lucia Barzanò de Il Mosnel. In sostanza, un produttore – e che produttore – di bolle Franciacortine accoglie in casa sua una campionatura di Lambruschi, una trentina di avventurieri della spuma provenienti da tutt’Italia e – udite udite – tre o quattro produttori tra i più carismatici della Nouvelle Vague lambruschista. Più un paio di mostri sacri come Camillo Donati e Vittorio Graziano, l’uno con i suoi  vini naturali e gli avanguardistici tappi a corona, l’altro con anni di avanguardia di una nuova maniera di fare lambrusco.

lambrusco

I campioni scelti sono di certo interesse, e comprendono referenze di quattro provincie: Modena, con il premiatissimo Vecchia Modena Premium di Chiarli; Reggio Emilia, con Cà de Noci e Cinque Campi, probabilmente le massime espressioni “integraliste” del Lambrusco ma anche con il famoso Concerto di Medici; poi qualcosa di Mantova. Fuori dagli schemi l’Ancestrale di Bellei che nel cuor mi sta.

Intravino sarà presente in forze e il vostro indegno scriba – con la sua tavoletta digitale – garantirà la copertura di Dissapore Media con un clamoroso liveblogging da domenica mattina alle 11.00 circa. Previsto anche uno… ehm… spumeggiante livetwitting della giornata (hashtag: #lambruschi3 e #lambroosky3).

[foto dell’utente flickr Massimiliano Abboretti]

16 Commenti

avatar

sandra

circa 10 anni fa - Link

presente!! - 3 a #lambruschi3!

Rispondi
avatar

Massimo D'Alma

circa 10 anni fa - Link

Beh, ormai ci siamo quasi...e non vedo l'ora, come disse una vergine :)

Rispondi
avatar

enofaber

circa 10 anni fa - Link

Purtroppo non potrò essere della partita ma vi seguirò sia con il liveblogging sia con il livetwitting... buon divertimento!

Rispondi
avatar

Dan Lerner

circa 10 anni fa - Link

Vieni qua: c'e' un bicchiere di vigna Par troppo lento il conto alla rovescia nell'attesa della spuma che buscia.

Rispondi
avatar

Luca Ferraro

circa 10 anni fa - Link

Grandi! Ricordatevi che il Lambruschi#4 sarà tra i colli asolani! Luca

Rispondi
avatar

vittorio

circa 10 anni fa - Link

e vai...a domenica!

Rispondi
avatar

Lucia Barzanò

circa 10 anni fa - Link

Mi prenoto già per #Lambruschi4. Sono sicura che domenica sarà una degustazione molto interessante e per me l'occasione di colmare vergognose lacune in tema di Lambrusco. A domenica

Rispondi
avatar

Massimo

circa 10 anni fa - Link

Divertitevi, anzi vi divertirete di sicuro.

Rispondi
avatar

patrizio mengozzi

circa 10 anni fa - Link

Con vero dispiacere vedo che manca il lambro di "Podere il Saliceto" di Campogalliano (MO).....daà la paga a parcchi per non dire ai più. Saluti.

Rispondi
avatar

Massimo

circa 10 anni fa - Link

Se ti riferisci a L'Albone, concordo..Ci sara' la prossima volta..

Rispondi
avatar

patrizio mengozzi

circa 10 anni fa - Link

Si, mi riferivo proprio a quello; e ho sentito anche il loro "Argine" (Malbo, Merlot e Sangiovese) un vino con i controfiocchi! Aspetto con ansia anche il loro Malbo 09 in purezza.

Rispondi
avatar

Gian Paolo

circa 10 anni fa - Link

ops...mi fischiano le orecchie. Grazie per i complimenti Massimo e Patrizio; se vi serve qualche bottiglia da degustare contattatemi pure. Ciao a tutti Gian Paolo - Podere il Saliceto P.S. Patrizio il malbo cresce coccolato e viziato...promette molto bene.

Rispondi
avatar

Sandro

circa 8 anni fa - Link

Bè se è per questo non ci sono tanti ma tanti produttori degni di nota...vedi Rinaldini,Venturini Baldini,Casali, La Piccola...etc etc..voto 2

Rispondi
avatar

Gian

circa 7 anni fa - Link

Concordo...pessima degustazione dove vengono palesemente sottolineati lambruschi molto commerciali e desolforizzati,come lambruschi estremi e difficili da bere. Non sopporto chi parla di vino specialmente di lambrusco senza sapere cosa sia farlo il vino...

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.