Vini naturali a Vinitaly: parlano gli espositori del Vivit

di Francesca Ciancio

Le cronache di un successo non annunciato ma di certo meritato si sprecano nell’eno-blogosfera. A due settimane dalla sua chiusura, Vivit, il primo salone dedicato ai vini da agricoltura biologica e biodinamica all’interno del Vinitaly, ha conquistato  il pass per l’edizione 2013  a pieni voti. Ha fatto contenti proprio tutti: produttori, visitatori, trader, Veronafiere. Per essere franca fin dalla terza riga, vi dico che non ho assaggiato alcun vino in occasione della mia visita. Le notizie che mi arrivavano dalla sala del Palaexpo non erano molto invitanti: gran caciara, code all’entrata, bicchieri simil-flute, caldo.

Armata di un cavalletto leggero, di una fotocamera in  modalità movie e di un paio di Adidas nuove di zecca, il 28 marzo – ultimo giorno di Fiera – ho preso coraggio e sono entrata nel  micromondo “Vigne Viagnaioli e Terroir”. Ho fatto  quella che in gergo si chiama una “partenza intelligente”.  In effetti il caos si era dileguato, le code erano terminate e la temperatura era calata. Tasto ON sulla ghiera della Canon e via con le interviste.

Questi volti e questi vini sono noti un po’ a tutti. Sono volti e vini che abbiamo imparato a conoscere a Cerea, a Villa Favorita, ma anche ad Agazzano come a Terra Trema, a Villa Boschi. Non sono certo i nuovi antagonisti degli antagonisti. Tutti confemano la loro presenza all’eventuale Vivit 2013 e sperano di essere molti di più l’anno prossimo. Erano contenti di questa quattro giorni in fiera. Non credono più tanto nelle divisioni e nella parcellizzazione degli eventi sul territorio veronese, ma rimangono convinti dell’utilità delle esperienze passate fatte extra moenia. Vivit è un ulteriore mattoncino della casa  eco-enologica. Perché in un  prossimo futuro non  lontano la parola magica  non sarà più tanto biologico o biodinamico, ma sostenibilità.

[Immagine: Credits]

12 Commenti

avatar

Nelle Nuvole

circa 8 anni fa - Link

Complimentoni a Francesca Ciancio per - essere riuscita a non assaggiare alcun vino nonostante le tentazioni - aver avuto il coraggio di indossare adidas quando gran parte del comparto femminile oscillava su tacchi fra l'8 e il 12 o papereggiava all'interno di ballerine. Tanto lei è molto femminile comunque. - aver filmato bene senza altre colonne sonore che i rumori autentici di sottofondo al Vivit. Niente marcette simil rock-jazz-cancan-country-folk. - testo di accompagnamento stringato e sincero. Peccato solo che la scelta dei produttori sia così ristretta. Bravi comunque ad articolare il loro eno-pensiero in meno di un minuto. Peccato anche che questo post sia in coda dopo altri bio-natu-alternativo-fiera-compatibili. Sconta la digestione post-pasuale e un certo torpore dei commentatori più agguerriti.

Rispondi
avatar

francesca ciancio

circa 8 anni fa - Link

Cara NN la colpa del ritardo è tutta mia e anche quella dei pochi produttori. avevo i minuti contati ( as usual)

Rispondi
avatar

Francesco

circa 8 anni fa - Link

Francesca Ciancio ma nella foto hai barba e baffi ?

Rispondi
avatar

Aldo

circa 8 anni fa - Link

Gentilissima Francesca, parlando di vini nautrli, non capisco se il mettere la foto di una coccinella arlecchino sia segno di ironia o ignoranza; mi svela l'arcano? ps sulla cartellonistica di Grom, ho pochi dubbi, invece. ne' ironia ne' altro. piaceva la foto. cosa non va? [f.s.]

Rispondi
avatar

francesca ciancio

circa 8 anni fa - Link

una scelta dell'editor. svela a me l'arcano?

Rispondi
avatar

K-Pax

circa 8 anni fa - Link

E' la piaga dei vigneti...

Rispondi
avatar

Aldo

circa 8 anni fa - Link

poco più di quanto meno naturale esista: coccinella asiatica introdotta, si mangia con particolare piacere quelle europee.

Rispondi
avatar

Fiorenzo Sartore

circa 8 anni fa - Link

grazie per la segnalazione. la prossima volta photoshoppo la pic con una varieta' autoctona di coccinella, e meno aggressiva. l'entomologia, scienza misconosciuta ma ricca di fascino.

Rispondi
avatar

Aldo

circa 8 anni fa - Link

scusate: introdotta dall'uomo

Rispondi
avatar

Aldo

circa 8 anni fa - Link

un puntiglio: se non sei cresciuto con una console in mano o a Milano, che sia perlomeno una coccinella mutante lo noti... Facciamo che 4 commenti per una coccinella sono sufficienti, ok? ;-) [ale]

Rispondi
avatar

Giovanni Solaroli

circa 8 anni fa - Link

Brava Francesca, e bravo Paraschos per l'atteggiamento pratico. E non mi dispiacciono nemmeno le utopie di Elena. Senza di quelle che saremmo?

Rispondi
avatar

Aldo

circa 8 anni fa - Link

Finalmente ho capito il senso del blog. Complimenti.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.