I premi speciali 2015 della guida vini del Gambero Rosso

di Antonio Tomacelli

Il Gambero Rosso assegna, oltre ai tre bicchieri, tutta una serie di premi speciali con le motivazioni più varie. Eccovi i vincitori dei premi 2015 e ora diteci: da uno a 10, quanto siete d’accordo con le motivazioni della giuria che abbiamo riportato tra virgolette?

Rosso dell’Anno: Barolo Villero Ris. ’07 – Vietti
“L’azienda di Castiglione Falletto ci aveva già abituato a performance straordinarie ma mai come quest’anno il Villero ci è sembrato ricco ed elegante al naso, dotato di una struttura gustativa fitta e avvolgente, caratterizzata da fitti tannini setosi e da equilibrata freschezza. In una parola, commovente.”

Bianco dell’Anno: Trebbiano d’Abruzzo Vigne di Capestrano ’12  – Valle Reale
“Per il bianco ci siamo spostati più a sud: è l’Abruzzo a detenere la corona con un Trebbiano dai profumi nitidi di camomilla e zagara, che all’assaggio si è rivelato pieno e nervoso, già sfaccettato anche se ancora giovanissimo. E oltre ad essere strepitoso, è frutto di agricoltura biologica.”

Bollicine dell’Anno: Brut Classico Nature – Monsupello
“L’Oltrepò Pavese, in crescita costante e ormai realtà consolidata del panorama vitivinicolo italiano, si aggiudica il premio con lo spumante più emblematico dell’azienda Monsupello: rapporto qualità prezzo imbattibile, l’ultimo dégorgement profuma di fiori e anice stellato, è secco, nitido e preciso, sapido e ricco, da bere a fiumi.”

Dolce dell’Anno: Vin Santo di Carmignano Ris. ’07 – Tenuta di Capezzana
“È uno dei più affascinanti della Toscana, un vino di straordinaria complessità ed eleganza, profondo, appagante e persistentissimo.”

Cantina dell’Anno: Tenuta Sette Ponti 
“Sempre in Toscana, per la precisione a Castiglion Fibocchi (AR), abbiamo individuato la cantina dell’anno, icona della dedizione alla viticultura di qualità. La sua visione dei mercati e dei territori, in Toscana come in Sicilia, ha portato Antonio Moretti a raggiungere traguardi di eccellenza in ognuna delle sue aziende.”

Rapporto Qualità/Prezzo: Custoza Sup. Ca’ del Magro ’12 – Monte del Frà 
“Quest’anno, il vino imbattile per qualità-prezzo è veneto. Una bottiglia di vertice nella sua denominazione:profondo negli aromi di frutto bianco e zafferano, in bocca rivela corpo solido e una sapida lunghezza, il tutto a un prezzo a dir poco amico.”

Viticoltore dell’Anno: Giuseppe Gabbas
“Ci spostiamo sulle Isole, a Nuoro, per il premio al viticoltore. Uomo di pochissime parole, produce vini che, invece, hanno tanto da dire e stanno segnando un tracciato importante nella produzione del Cannonau di Sardegna. Giuseppe è un viticoltore vero, che ama la campagna e le sue vigne. È il vignaiolo per eccellenza.”

Cantina Emergente: Tiare – Roberto Snidarcig
“Una piccola azienda che in pochi anni ha saputo crescere in qualità e si sta costruendo una solidissima reputazione con i suoi vini del Collio, non solo in Italia ma anche oltre i confini nazionali.”

Viticoltura Sostenibile: Barone Pizzini
“Concludiamo la nostra panoramica con il premio cui il Gambero Rosso è particolarmente sensibile e impegnato in prima fila. Basta visitare la nuova e modernissima cantina in bioarchitettura e i vigneti gestiti in regime biologico e biodinamico per capire quanto questo riconoscimento sia meritato.”

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

4 Commenti

avatar

Le Baron

circa 5 anni fa - Link

E beh certo...come dolci in Italia non c'e' proprio di meglio...e mi fermo qua

Rispondi
avatar

Mauro

circa 5 anni fa - Link

Mi pare si commentino da soli... "Dolce dell’Anno: Vin Santo di Carmignano Ris. ’07 – Tenuta di Capezzana" (what?) "Cantina dell’Anno: Tenuta Sette Ponti" (!? eh?) "Viticoltura Sostenibile: Barone Pizzini" (o.O)

Rispondi
avatar

Claudio Fabbro

circa 5 anni fa - Link

Leggo di due grandi viticoltori ., molto diversi tra loro , ambedue del Collio - Dolegna .,: Jermann e Tiare . Se lo meritano !!! Bravi e seri . Uno già emerso e l'altro lo sarà sicuramente . Claudio

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.