Con l’imballo Ewine Secure Pack solo lo 0,0034% di rotture. Ecco cosa dice chi lo usa

di Intravino

Chi non ha mai spedito bottiglie di vino può dormire sonni tranquilli ma chi legge queste pagine sa esattamente di cosa parliamo: tra vetri distrutti, etichette scorticate e cartoni umidicci in cui una rottura pregiudica tutta la spedizione, le disgrazie del trasporto sono infinite ma oggi la soluzione c’è e ha nome e cognome: Ewine Secure Pack (EWSP).

EWSP è l’imballo in cartone più sicuro del mondo. Non lo diciamo noi ma i numeri: chi altri può vantare una percentuale di rotture dello 0,0034%? Tanti i punti di forza, per tutti i quantitativi.

EWSP si adatta a tutti i tipi di bottiglia, è molto flessibile e occupa poco spazio in magazzino. I vecchi contenitori in polistirolo sono solo un ricordo della preistoria da dimenticare alla svelta: considerando 1.000 imballi, dai 20 m³ necessari per il polistirolo si passa ai 4,5 di EWSP.

Ewine Secure Pack è ecologico (certificazione FSC) e può vantare il maggior numero di omologazioni e approvazioni da parte dei corrieri espresso italiani: BRT, GLS, TNT, UPS, Poste Italiane.

Insomma, EWSP è proprio una gran figata ma adesso sentiamo che ne pensa chi lo utilizza quotidianamente per spedire vino, birra e quant’altro.

Iniziamo da Federico Graziani, super-sommelier, autore e brand ambassador per Feudi di San Gregorio:

Quando da Feudi di San Gregorio partono bottiglie come Patrimo e Serpico per degustazioni, le più rare e preziose, non ci sono compromessi. Si deve esser certi che a destinazione non arrivi un cartone profumato di vino o una frittata di vetri. La soluzione migliore è questa; con il vantaggio, per chi lo riceve, che può esser riutilizzato o smaltito nella carta

Altro settore caldo, quello degli ecommerce del vino. Dice Massimo Pompinetti di XtraWine, una enoteca virtuale molto fornita e dai tempi di consegna spaventosamente rapidi:

Quello di EWSP è un imballaggio tanto innovativo quanto sicuro. Ne cercavamo da tempo uno realmente efficace per le nostre spedizioni, affidabile e pratico Sono ormai circa due anni che lo utilizziamo con grande soddisfazione dei clienti. Ha immediatamente e completamente eliminato le spiacevoli rotture delle nostre spedizioni, nonché ridotto in maniera importante la tempistica di preparazione degli ordini, altro fattore estremamente critico e complesso nel settore online. Non potevamo chiedere di meglio.

Gli fa eco Federico Ceretto, produttore piemontese e presidente di Doyouwine, enoteca originale e piena di chicche:

EWSP è l’imballo più sicuro che io abbia mai visto: cartone e volumi per avere una sicurezza a prova di bomba. Ricordo la tranquillità con cui abbiamo spedito una cassa da urlo: 3 Salon 1999, 1 Barolo Monfortino 2006, 1 Boca 1984 Antonio Cerri/Le Piane, 1 Px Gran Reserva 1946 Toro Albalá. Roba che con qualsiasi altro imballo non ci avrei dormito la notte.

E potrebbe mai mancare un ecommerce di birra? Certo che no! Ecco cosa racconta Valeria Giudici di Artigian Beer, un beer shop molto figo in cui non manca anche una sezione alimentare:

Scegliere l’imballo giusto per noi non è stato facile. Dovevamo trovare qualcosa che non solo proteggesse la nostra preziosa birra artigianale da scossoni e sbalzi di temperatura, ma volevamo anche un imballo riciclabile, poco voluminoso e facile da utilizzare: quando abbiamo scoperto EWSP abbiamo subito capito che faceva proprio al caso nostro. Abbiamo immediatamente cominciato a spedire le nostre birre con questo sistema e i nostri clienti si sono accorti subito della differenza con altri e-commerce, facendoci sempre i complimenti per l’imballo professionale: perché un buon servizio non si fa solamente scegliendo il meglio che la birra artigianale italiana può offrire, ma facendo in modo che arrivi in condizioni impeccabili.

Abbiamo cercato di avere una dichiarazione anche da chi usa gli imballi EWSP ma i due pelosi in foto erano troppo impegnati per rispondere alla nostra email.

La lista dei nomi noti che si sono affidati ad EWSP è praticamente infinita: Berlucchi, Tasca D’Almerita, Zonin, Bacardi, Eataly, Tenuta di Trinoro, Coop e chi più ne ha più ne metta. La cosa interessante è la possibilità di personalizzare l’involucro, come ha fatto Poste Italiane.

E voi, avete mai provato EWSP? Siete curiosi di capire perché è l’imballo più sicuro in circolazione? Ad ogni modo, se avete domande, fatele ora. Non aspettiamo altro.

[Post sponsorizzato da NAKURU srl]

9 Commenti

avatar

Montosoli

circa 5 anni fa - Link

Dagli in mano 6bt. di campionatura a DHL, FedEx, UPS.....partenza New Zealand e consegna USA.....con questo cartone e vedrai cosa riceverai .... L'unico piu sicuro e ancora inimitabile e il polostirolo con scavato dentro la forma della bottiglia....per tanti motivi; si puo sovrapporre, resistente allo scambio di calore (stiva degli aerii) e si puo riusare....

Rispondi
avatar

Angelo EWSP

circa 5 anni fa - Link

Gent.mo Sig. Montosoli, la vorrei ringraziare per il suo commento in quanto mi da l'opportunità di parlare di chi utilizza al massimo le nostre confezioni. Molte aziende ci utilizzano ( sopratutto in questo periodo ) per le spedizioni di campionature e quindi le confezioni viaggiano veramente per tutto il mondo. Dal Giappone, all'Australia al Canada. Un altro esempio esempio su tutti è la famosa case d'aste "Gelardini & Romani" che spedisce regoalrmente vini per le sue aste ad Hong Kong. E qui parliamo di spedizioni di migliaia di euro di valore cadauna. Grazie del suo intervento. Angelo EWSP

Rispondi
avatar

Gianluca

circa 5 anni fa - Link

Io ho spedito la scorsa settimana una scatola da 12 per New York con Fedex ad Wine&Spirits ed non ho avuto problemi di sorta, ho sempre usato solo questi imballi ed ad ora sono a zero problemi. Magari se si abbassasse un pochino il costo... Gian...

Rispondi
avatar

Mondivino

circa 5 anni fa - Link

Anche noi come ditta specializzata nella vendita di vini "rari" dobbiamo fare molta attenzione agli imballaggi che utilizziamo. Usiamo, pertanto, "esclusivamente" gli EWSP per spedizioni in tutto il mondo e, possiamo testimoniare di non aver mai avuto un solo problema. E' vero che sono un pò costosi ma la loro affidabilità e sicurezza giustificano probabilmente il prezzo. Mi chiedevo se anche i cartoni da 12 sono stati omologati da UPS.

Rispondi
avatar

Angelo EWSP

circa 5 anni fa - Link

Gent.mo Sig. Gianluca e Mondovino, vi ringrazio per le vostre testimonianze positive. Colgo l’occasione per affrontare la questione prezzo. Siano ben consci che il nostro prodotto abbia un prezzo al di sopra della media, ma allo stesso tempo siamo estremamente consapevoli di offrire il MIGLIOR PRODOTTO oggi presente sul mercato. Mi scuso fin da ora se sarò un po’ prolisso, ma il discorso è complesso ed il prezzo finale è solo la punta dell’iceberg di un un’intera filosofia che abbiamo posta alla base del nostro prodotto : ovvero essere i migliori in quel che facciamo. Il prezzo di un imballaggio porta bottiglie è determinato fondamentalmente da tre fattori: QUALITÀ E COMPOSIZIONI DELLE CARTE UTILIZZATE NELLA SUA PRODUZIONE. Nella realizzazione di una buona scatola porta bottiglie sono determinanti la tipologia di onda utilizzata ( vedi immagine ), la grammatura delle carte utilizzate e la qualità delle stesse. Da poco abbiamo finalmente terminato il processo di certificazione FSC. Da aprile la produzione comincerà ad essere prodotte con carte esclusivamente FSC® . Il marchio FSC® su un prodotto in carta segnala inequivocabilmente che il materiale del manufatto proviene da fonti responsabili. I prodotti con marchio FSC® garantiscono che lo sfruttamento delle risorse forestali è avvenuto nel rispetto delle necessità sociali, economiche ed ecologiche delle generazioni odierne e future. FSC® è l’unica organizzazione riconosciuta a livello internazionale per la gestione responsabile delle foreste supportata da associazioni ambientaliste quali WWF e Greenpeace. Ad oggi siamo l’unico produttore di imballaggi porta bottiglie totalmente in cartone che adotta solo carte FSC®. Le carte FSC® hanno un costo generalmente superiore del 10-15% rispetto alle carte tradizionali, ma per noi quel che conta è il rispetto della carta di primis. Posso assicurare che un imballaggio che arrivi nelle mani di un distributore/importatore negli USA (dove comincia ad esserci un’estrema sensibilità per l’economy green )marchiato FSC®, fa fare una gran bella figura al produttore. QUANTITÀ DI CARTA UTILIZZATA. Per proteggere le vostre bottiglie è necessario “avvolgerle” in maniera molto intelligente. Troppa carta non serve a nulla, troppo poca rende l’imballaggio inefficiente consentendo alle bottiglie di rompersi. Quindi il costo finale di un imballaggio è direttamente proporzionale anche al quantitativo di carta utilizzato. Più carta si utilizza, maggiore sarà il prezzo finale. Abbiamo messo a confronto il nostro sistema con i nostri maggiori competitor e ne è risultato che il nostro sistema brevettato utilizza sino al 200% in carta in più rispetto alla nostra concorrenza. Eppure il nostro sistema non costa il 200% in più rispetto ai nostri concorrenti !!! Per maggiori informazioni http://www.ewsp.it/bacheca/perche-costiamo-di-piu/

Rispondi
avatar

Paolo Carlo

circa 5 anni fa - Link

Io sono stato uno dei primi a sperimentarlo per Cascina I Carpini e lo uso ancora oggi, è ineguagliabile, ho spedito vino in ogni dove nel mondo senza mai avere un problema, mai anche in situazioni disperate.

Rispondi
avatar

Convitis

circa 5 anni fa - Link

Noi di convitis.com abbiamo scelto da subito l'Ewine Secure Pack per spedire, oltre al vino, anche oli di oliva ed altri prodotti di gastronomia, con grande soddisfazione da parte dei nostri clienti. La scelta si è basata soprattutto sulle prestazioni tecniche, le certificazioni, la rapidità di montaggio, la modularità del sistema, il ridotto spazio necessario per lo stoccaggio e infine, ma non ultimo, l'impatto ambientale. Riccardo Ghetti

Rispondi
avatar

Marianna

circa 5 anni fa - Link

Salve Angelo, siamo un'azienda interessata ad acquistare il vostro prodotto, può indicarmi per favore un numero di telefono a cui posso contattarvi? Grazie mille e saluti, Marianna D'Anna

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.