venissa

Venissa e la forza delle isole fragili

Venissa e la forza delle isole fragili

Approdo.
Arriviamo a Burano pochi giorni dopo l’acqua alta, tutto è fragile. Le tavole di legno davanti alle porte, incrinate dalla resistenza contro la forza dell’acqua. Il campanile sbilenco, un pinnacolo gracile proteso verso il cielo, ma neanche troppo. La … continua »

Venezia e il suo vino: com’è difficile mettere (d’accordo) la Laguna nel bicchiere

Gigi Miracol, aka Luigi Antonioli, appare in un commento molto pepato al post su Venissa col nickname liberanosamalo: “Credete ancora alla storia della dorona?”. Funambolo per passione e agronomo di professione (ma anche viceversa), Gigi è un personaggio particolare, … continua »

I vini della Venezia nativa, dai Romani agli Armeni, dalla dorona al carménère

Sul fare dell’anno mille Venezia era ben lungi dall’essere la Serenissima e la potenza marinara che sarà in seguito. Ma le isole dell’arcipelago erano ben popolate, a partire dal grande centro di origine romana, Altino (sulla terraferma, l’odierna Quarto d’Altinocontinua »

Il Corriere della Sera ci prende gusto, altra foto rubata a Intravino. A chi devolviamo i soldi stavolta?

Sapete com’è: i blogger ruberanno a man bassa, saranno venduti per definizione, ma almeno stanno attenti ad una cosa, o meglio due: a leggere le più autorevoli e serie testate, cartacee e online, e soprattutto a dare a Cesare quello … continua »

Venissa | Il vino d’oro di Venezia si presenta a Firenze

Per non sbagliare, il giro di presentazioni in alta società di Venissa, il nuovo vino di Bisol, parte dagli stellati più in vista d’Italia. Sadler, Pinchiorri e prossimamente Beck a Roma. In ristoranti dove il Prosecco è guardato con sufficienza … continua »